16 Commenti

Blugas, passivo da 27 milioni di euro E' partecipata da Lgh e presieduta da Andrea Pasquali Il Pd interroga il sindaco

blugas-comune

Il Pd in Consiglio comunale alza il tiro sulle partecipate. E lo fa con due interrogazioni. Una pone l’accento sulla società Blugas che ha passività di 27 milioni di euro, partecipata da Lgh e presieduta da Andrea Pasquali, l’ex presidente di Lgh fatto dimettere – dopo un lungo braccio di ferro – dal sindaco Perri.  “La società Blugas evidenzia una passività di oltre 27 milioni di euro sull’esercizio 2011 – scrivono le consigliere comunali del Pd Alessia Manfredini e Caterina Ruggeri nella loro interrogazione presentata in mattinata in Comune –  La società Blugas, è partecipata da LGH ed il Presidente risulta ancora essere Andrea Pasquali. Il passivo di bilancio è stato ripianato dagli azionisti (Lgh, Tea Mantova e Estra). La stessa LGH ha provveduto al ripiano per il 48.21% pari a 13.386.220 euro; per questo ha avuto pesanti conseguenze sui dividendi della stessa società e sulle tasche dei cittadini che saranno coloro che pagheranno in modo indiretto”.
Alessia Manfredini e Caterina Ruggeri chiedono a Perri:  “E’ possibile che di tutto ciò non si chieda conto? Quali indicazioni ha dato Il Comune ad AEM in proposito? Come si giudica l’operato del CDA di Blugas e del suo Presidente, già sfiduciato dal Sindaco e costretto alle dimissioni dalla presidenza di LGH? Dal Sindaco vogliamo risposte chiare e convincenti perché l’impressione è che Andrea Pasquali sia uscito rumorosamente dalla porta ma continui ad entrare in silenzio dalla finestra”.

Sempre in tema di partecipate,  con un’altra interrogazione, le consigliere Pd Maura Ruggeri ed Alessia Manfredini pongono ancora una volta il problema della revisione dei costi per i CDA delle società a partecipazione pubblica. Il Pd è tornato più volte sul tema con diversi ordini del giorno regolarmente bocciati dalla maggioranza. Ora la spending review del Governo obbliga ad una operazione di razionalizzazione e di contenimento dei costi delle società a partecipazione pubblica che vale per i CDA scaduti dopo l’approvazione della Legge. Il Pd chiede all’Amministrazione come intende procedere per dare applicazione alla norma di legge.

Ecco il testo dell’interrogazione con risposta orale su Blugas

I sottoscritti Consiglieri Comunali,

premesso che

Blugas è una società partecipata da LGH al 47.49%

La stessa ha provocato ad LGH Spa, sull’esercizio 2011, una perdita di 13.386.220 (pari al 48.21% dell’intera cifra) a causa dell’ accollo di quota parte della perdita di Sinergie italiane, a sua volta partecipata da Blugas, a seguito “della stipula di un contratto con Gazprom in cui il prezzo del gas acquistato risultava circa il doppio del prezzo di mercato” come ha dichiarato il Presidente di LGH Mazzini tranne poi segnalare che la società di vendita di LGH, cioè Linea Più (che utilizza quel gas) ha realizzato un buon utile rendendo quindi incomprensibile la ragione di quella perdita.

Considerato che

Andrea Pasquali risulta essere il Presidente della società Blugas e membro del cda di Linea Piu Spa  in carica fino al 31/12/2012

s’interroga il Sindaco per conoscere

-quali valutazioni ha fatto la Giunta rispetto alle conseguenze negative sui dividenti distribuiti da AEM causate dal “buco” di Blugas;

-quali indirizzi sono stati dati ad AEM in proposito;

-quali provvedimenti s’intendano assumere  nei confronti del presidente di Blugas  Andrea Pasquali , già dimissionario da marzo 2012 dal CDA di LGH in quanto sfiduciato dal Sindaco, che risulta ad aggi ancora in carica nonostante il risultato negativo della società.

Caterina Ruggeri
Alessia Manfredini

Ecco il testo dell’interrogazione sulla spending review

Premesso che

il Decreto di legge 95/2012 convertito in Legge 134/2012 prevede che i Consigli di amministrazione delle società a totale partecipazione pubblica , diretta ed indiretta, devono essere composti da tre o cinque membri, tenendo conto della rilevanza e della complessità delle attività svolte;

nel caso di consigli di amministrazione composti da tre membri, la legge prevede che siano composti da due dipendenti dell’amministrazione titolare della partecipazione diretta , ovvero da due scelti tra dipendenti dell’amministrazione titolare della partecipazione della società controllante per le società a partecipazione indiretta, mentre il terzo membro svolge le funzioni di amministratore delegato;

nel caso di consigli composti da cinque membri, la composizione dovrà assicurare la presenza di almeno tre dipendenti dell’amministrazione titolare della partecipazione per le società a partecipazione diretta, ovvero almeno tre membri scelti tra dipendenti dell’amministrazione titolare della partecipazione della società controllante per le società a partecipazione indiretta;

in tale caso le cariche di Presidente e di Amministratore delegato sono disgiunte e al Presidente potranno essere affidate dal Consiglio di amministrazione deleghe esclusivamente nelle aree relazioni esterne e istituzionali e supervisione delle attività di controllo interno;

tale disposizioni si applicano dal primo rinnovo dei consigli di amministrazione successivo alla data di entrata in vigore del Decreto,

i sottoscritti consiglieri interrogano il sindaco per conoscere:

quali sono i consigli di amministrazione delle società a totale partecipazione pubblica, diretta ed indiretta, scaduti dopo l’entrata in vigore del Decreto;

le ragioni per cui non si è ancora ritenuto di dare corso alle disposizioni di Legge, meglio riconosciute come Spending Review.

Maura Ruggeri
Alessia Manfredini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Grande Perri

    Grande Perri, le tue nomine sono una certezza, così come il partito (PDL, area ex AN)a cui fanno riferimento.
    Certezza di fallimento!

  • Prima il Nord

    Alla domanda: Perri sapeva del buco causato dal suo uomo di fiducia Pasquali?
    Un rapido sondaggio tra i cittadini cremonesi ha decretato il seguente risultato:
    Sì, sapeva: 0,1%
    No, non sapeva/No, non glielo hanno detto: 99,9%.

    • mario

      è successo ” a sua insaputa”……………?

  • danilo

    La vicenda è su tutti i giornali dall’autunno dello scorso anno. Su Cremona Oggi è stata sollevata da diversi cittadini già all’inizio dell’estate, appena venuta alla luce con la relazione del bilancio LGH del 2011.
    Meglio tardi che mai , viene da dire , se l’opposizione si mette a fare l’opposizione. Con un bel ritardo di almeno sei mesi rispetto ai fatti.
    E il controllo del Comune su AEM e su LGH ? E il ruolo del presidente di AEM , signor Albertoni ? O anche lui non era al corrente ?
    Comunque , care Maura e Alessia , ora che vi siete decise a dissotterrare la vicenda , la cittadinanza si aspetta che andiate fino in fondo .
    Perchè LGH non ha iniziato ad esistere con Pasquali . E la firma in calce alla costituzione di BLUGAS , non ce l’ha messa Pasquali, ma un certo Tiranti …..

    • h20

      Ma fino al 2011 Blugas ha prodotto utili, caro Danilo, si informi almeno..

      • sandra

        Meno male che ci pensa Lei, caro h20 , a fornire puntualmente informazioni su una vicenda di cosi’ pubblico dominio! Grazie. Continui a condividere le informazioni con noi. Anche quando dagli utili ( di Sinergie Italiane ) si passa all ‘ abbattimento del capitale ( di Blugas). A proposito, per caso ha cambiato fornitore di gas Sinergie Italiane dopo il 2010 ? O il management ha solo continuato a fare con Gazprom le furbate di sempre illudendosi di fottere i russi e invece e’ rimasto fottuto fino al 2021? Lei che e’ cosi’ informato su come faceva gli utili Blugas, ci renda partecipi. Moriamo tutti di curiosita’ ! ! !

        • Anselmo

          Ma questa isterica di cosa parla?

          • danilo

            beata ignoranza !

      • mario

        allora ci dica che cosa è successo…………!!!!!!!!

    • mario

      caro lei ..a volte per sapere le cosa….bisogna fare ricerche…e non sempre a portata di naso….o mano……come vuole. LEI……..!
      non se la prenda con chi lavora..gratis e molto ….e magari si prende del frequentatore della cremonella…….a latere………!!

  • sandra

    Che succede? La vicenda Blugas e’ stata ignorata ( forse bypassata )da tutti fino a dopo che e’ trascorso oltre un anno dall ‘ esplosione del caso( anzi casino ) Sinergie Italiane.
    Singolare il primato cremonese : e’ l’ unico capoluogo del nord nel quale i giornali hanno evitato accuratamente di occuparsi dell’ azzeramento del capitale di Blugas.
    Perche ‘ ? Come possono La Provincia, Il Piccolo e tutti i giornali online ad eccezione di CremonaOggi non aver pubblicato una riga su un disastro colossale che si e’ abbattuto sulle finanze di Lgh e quindi di Aem e quindi del Comune di Cremona?
    Paradossalmente la notizia di quanto avvenuto e’ arrivata proprio dal Pdl in giugno 2012 ,
    Dopo un incontro con il neopresidente Mazzini. Notizia maquanti smentita, anzi, aggravata dall ‘ ammissione che per continuare a distribuire il dividendo Lgh avrebbe dovuto ricorrere alle riserve.
    Per inciso, il contratto incriminato, ha una durata fino al 2021. E’ stato rinegoziato? Per quanti anni ancora Lgh dovra’ farsi carico delle perdite generate da questo contratto capestro con Gazprom?
    E i nostri amministratori, di maggioranza e di opposizione, come possono aver trascurato di occuparsi della vicenda fino ad oggi, dopo un anno che e ‘ di pubblico dominio ( tranne, ovviamente, che per i lettori di quotidiani cremonesi )?
    Perche ‘ all ‘ improvviso dalle nebbie padane le dur consigliere Pd tirano fuori la vicenda pubblicamente? Forse perche’ siamo a un passo da qualche ulteriore sviluppo che non si puo’ piu’ far passare sotto silenzio?
    Ma chi altro ambirebbe sostituire Pasquali al vertice di un ‘ azienda disastrata dal completo azzeramento del capitale?
    Se questa e ‘ la levatura degli amministratori e del management pubblico cremonese c’ e’ solo un concorrente agguerrito nella discesa verso i livelli ancora piu” bassi : la categoria dei giornalisti cremonesi.
    Messi insieme, chissa’ quanti altri casi Blugas dobbiamo attenderci ( e chissa’ quanti ne abbiamo pesantemente pagato senza nemmeno che ce lo dicessero ).
    A casa, per piacere, a casa tutti !!

    • mario

      lo vada a dire a chi li ha votati……!!!
      lei per chi ha votato…….?

  • CAPACITA’
    Uno dei ritornelli del sindaco Pivetti è che non essendo lui un politico ma una persona per bene (Dio Patria Famiglia, ama ripetere), se ne frega dei partiti e sceglie persone fidate e di valore per le aziende pubbliche. Andrea Pasquali è un esempio didattico. Cacciato a furor di popolo e minaccia dei nove ribelli di far cadere la Giunta per una cosettina da Procura, quatto quatto come presidente Lgh s’era assegnata una consulenzina da 130mila euro in una società del gruppo, tanto urgente e indispensabile che tolta a lui dopo la scoperta non è stata assegnata ad altri, ora leggiamo dal Vascello on line e http://www.cremonaoggi.it che alla persona fidata e di valore sono rimaste la presidenza di Blugas e un seggio in Linea Più spa. E, sempre i due on line, pubblicano l’interrogazione, finalmente nell’interesse dei cittadini e non dei partiti, delle consigliere Caterina Ruggeri e Alessia Manfredini.
    Non dico solo nella Milano di Boccassini/Berlusconi, ma in tante altre città la Procura avrebbe da tempo messo il naso nella galassia Aem, finanziaria Lgh e consociate, per controllare, vista la faccenda della consulenzina di sopra da 130mila euro, incarichi, consulenze, contratti eccetera, magari cominciando dal Blugas/Gazprom, ottimo per la seconda, molto meno per la prima , cioè noi.
    Io più che spedire continuamente note come questa sul sito del nostro Palazzo (tribunale.cremona@giustizia.it) e della Corte d’appello di Brescia (ca.brescia@giustizia.it), non faccio e non intendo fare. Nel pieno dei loro poteri, stabiliscano loro quali sono i diritti dei cittadini e le precedenze, se il rifugio del cane o i contratti, le cariche e le consulenze di Aem e compagnia.

    Cremona 27 10 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • mario

      tu che sei un capace………per chi hai votato ………??

  • Alessia Manfredini

    Le domande poste sono di natura squisitamente politica, e vorremmo ricordare ai tecnici che i tempi della politica non li scelgono loro, è la politica che, autonomamente, decide se e quando intervenire.
    Aspettiamo che sia il Sindaco a rispondere in Consiglio comunale, soprattutto perché la passivitá prodotta da Blugas e, di conseguenza, i mancati utili di Lgh, si ripercuotono sui cittadini cremonesi e sull’aumento delle loro bollette.
    E’ il Sindaco, infine, che ci deve spiegare come mai Pasquali ricopra ancora incarichi di natura politica, come Presidente di Blugas e membro nel cda di Linea più, nonostante la sfiducia ricevuta lo scorso marzo.

    Alessia Manfredini
    Caterina Ruggeri

    • mario

      brave……………avanti così…..!!
      manca il parere di quelli che non vengono dai cunicoli della cremonella…………….!!!!!!!!!