18 Commenti

'Pur di affittare, regalo licenza' Continua la strage dei negozi Ecco i dati drammatici di Cremona

negoz

Soffre il commercio. La crisi continua a fare danni. A dimostrarlo ci sono i dati della Camera di commercio di Cremona riferiti alle iscrizioni e alle cessazioni delle attività nel periodo gennaio-settembre 2012 in città. Soffre particolarmente commercio al dettaglio di articoli di abbigliamento in esercizi specializzati: 11 cessazioni contro 2 iscrizioni (100 le realtà attive al 30 di settembre). Anche il dettaglio di mobili, di articoli per l’illuminazione e altri articoli per la casa non se la passa bene: 2 le iscrizioni, mentre ben 6 le cessazioni (28 negozi al 30 settembre). Discorso simile per il dettaglio di carni e di prodotti a base di carne: 3 chiusure e nessuna iscrizione. Così come per i prodotti tessili. Una strage con in totale 746 esercizi attivi al 30 settembre 2012, iscrizioni da gennaio a settembre 26, cessazioni 63 (più del doppio). C’è addirittura chi, in viale Trento e Trieste, è arrivato a offrire in regalo l’attività e la licenza, pur di non lasciare sfitto il negozio. “Vende, affitta. Regalo attività + licenza” il cartello esposto al Modamarket. Un esempio, l’ennesimo, di esercizi commerciali che sono costretti ad abbassare le serrande o a spostarsi per pagare affitti più bassi, magari rinunciando alla vetrina sul Corso.

(SCARICA LA TABELLA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • mario

    Allora la colpa non è più della sinistra…o mi sbaglio….?

    • Angy

      oh mamma Mario!?! che lagna che sei!?!

      • mario

        meglio lagnare che dare la colpa agli altri:per vincere(male) le elezioni……………!!

  • Vecchio Balordo

    1) Abbassare i prezzi!
    2) Rimanere aperti la domenica, tutto il giorno!

    La domenica il centro di Cremona è un mortorio, e i Cremonesi vanno nei centri commerciali e comprano, a meno, nei vari superstore.

    I commercianti stiano chiusi il lunedi, il martedi, quando gli pare, cosi recuperennano il costo dell’apertura domenicale. E si prevedano contratti di lavoro ad hoc.

    • gp

      Certo, ci sta lei tutta la domenica in negozio, lavorando 7 giorni su 7, otto o dieci ore al giorno…! Oppure si, bisognerebbe pagare una commessa… e chi ha i soldi per pagarla…??
      Il problema è che i centri commerciali hanno una forza e una potenza neanche paragonabile ad un piccolo negoziante…..!!!
      Il piccolo viene schiacciato dal grosso..!
      Anche io apro spesso la domenica, per guadagnare al massimo dieci o venti euro..!
      Non ne vale la pena…!!
      Vanno tutti nei centri commerciali perchè d’inverno c’è caldo e in estate c’è fresco, e si parcheggia comodamente..
      E hanno pure ragione purtroppo…

    • Ale

      Guardi che la gente va nei centri commerciali perchè spinta a farlo.
      I centri commerciali a loro volta riescono ad avere prezzi che sono inimmaginabili per chiunque abbia una piccola attività, sfruttando manodopera nelle cooperative di facchinaggio, ecc….
      Immolarsi a guadagnare 30 o 40 euro lavorando tutta una domenica, a che pro? Perchè i cremonesi decidono di andare altrove?
      Prima di giudicare e sputare verità assolute, provi ad informarsi su quanto costa rilevare o aprire e gestire (affitto, merce, tasse) un negozio, ora. Poi ne riparliamo.
      (Si è mai chiesto perchè tutti chiudono e nessuno apre, se non qualche catena?)

      • Vecchio Balordo

        E allora continunate a lamentarvi.
        Ora “dovete” pagare le tasse (prima, quando mai….)il fatturato scende, i margini vi si abbassano.
        O vi svegliate o chiudete.
        E’ il mercato, bellezza.
        Io continuo a comprare i vestiti da H&M 30-40 eur. Li fanno in Turchia o in Marocco, come quelli che vendete voi a 3-4 volte tanto.

        • Stefano

          La verità sta nel mezzo: i commercianti cremonesi dovrebbero stare aperti tutto il Sabato e la Domenica e magari chiudere di più infra-settimanalmente. Ciò deve essere fatto in massa, per creare un effetto-attrazione verso il centro. Dall’altra parte è anche vero che gli affitti dei negozi in centro arrivano a cifre folli: come dimenticare in via Mercatello un 25mq affittato a 1400 euro al mese?

        • gp

          a vecchio balordo: io sono commerciante, ma non vendo vestiti, vendo accessori per hobby, quindi non c’entra nulla con i vestiti..!! Non siamo mica tutti uguali noi commercianti eh..!! Io ho aperto solo 2 anni fa, all’inizio della crisi, e non ho mai vissuto bei momenti (e le tasse le sto sempre pagando, salatissime..!)… quindi chiedo per favore di smetterla di generalizzare…!

          Comunque posso essere d’accordo con stefano, anche se già io sono sempre aperto al sabato e nelle domeniche che coincidono con manifestazioni, e quelle prima del natale.. però se servisse tenere aperti tutti la domenica (chiudendo magari lunedi e martedi) potrei farlo volentieri..

    • Angy

      …..perchè non fare dei superstore in centro anzichè valorizzarlo solo culturalmente……andrebbero accontentate tutte le preferenze cosi’ si darebbe una “botta di vita”alla sempre bella ma un pò vecchiotta Cremona.

      • Paolo Mantovani

        La sua è un’ottima idea. E’ già stata sperimentata in molte realtà, soprattutto estere, per rivitalizzare i centri desertificati dalla grande distribuzione.
        Non si tratta esattamente di superstore, ma di grandi nomi che servono come richiamo per il centro. Le chiamano “locomotive commerciali”.
        Purtroppo, la prima domanda che questi grandi nomi fanno è:
        quanti parcheggi ho a disposizione?
        E lì finisce tutto…

  • roby27

    non voglio entrare nel merito delle spese che si affrontano per tenere aperto un negozio(affitto,spese varie,dipendenti,ecc)perchè non ne conosco la problematica…sò solo che la domenica della maratona,dove il centro era gremito di gente,non solo i corridori ma anche parenti ed amici di chi correva,i negozi aperti si contavano sulle punte delle dita!ed ho sentito diversi turisti lamentarsi che non trovavano questo o quel negozio aperto….poi è ovvio,se uno apre e nessuno compra,non cè da accanirsi sui negozianti,ovvio..ma almeno approfittare di ste occasioni sarebbe logico.

    • Paolo Mantovani

      Non sempre ciò che appare logico lo è poi davvero.
      Escludendo i pubblici esercizi, che avranno indubbiamente lavorato, gli altri colleghi che ho sentito, parlo di negozianti che aprono abitualmente la domenica, hanno detto di non aver incassato nulla alla mattina o comunque pochissimo (io 15,00 euro…). Hanno, per assurdo, lavorato di più nel tardo pomeriggio.
      Con questo non intendo che la Maratonina sia un evento inutile! Anzi, ammiro gli organizzatori per averla portata a questi livelli di eccellenza. Non bisogna poi dimenticare la ricaduta economica che ha avuto su alberghi e ristornati, e quanto contribuisca a valorizzare e diffondere l’immagine della città.
      Mi piacerebbe (ma forse è utopico), che si smettesse di considerare i colleghi una massa di idioti incapaci di fare il proprio lavoro. Tante volte vengono fatte scelte che appaiono, ai non addetti ai lavori, difficili da capire. Ma credete, una motivazione c’è sempre.

      • roby27

        bè,l unico che qui ha dato della”massa di idioti incapaci di lavorare”ai suoi colleghi è stato solo lei mi pare..il che è tutto dire!
        io non sono negoziante,ma non mi farei perdere occasioni come la maratonina,la festa del torrone,ed altre ancora che portano migliaia di persone a cremona.se poi come dice lei,le apparenze ingannano e non sempre è come si pensa..bè,forse cè qualcosa che non va,non le pare?se su ‘iu di 3mila persone di domenica scorsa lei ha guadagnato solo 15euro(!)si faccia delle domande e si dia delle risposte!

        • Paolo Mantovani

          Per quanto riguarda la “massa di idioti” non mi rivolgevo solo alla sua frase, ma al vezzo che hanno preso in tanti di volerci insegnare a lavorare. Se poi lei ha inteso lo pensassi dei miei colleghi è un problema suo. Provi a rileggere.
          Domande, mi creda, me le faccio tutti i giorni, così come se le fanno tanti colleghi. Trovare risposte è molto più difficile.
          Certo, restare nascosti dietro la maschera dello pseudonimo a sparare sentenze è molto comodo.

          …grazie per il “bél”, fa sempre piacere! 😉

      • italiana

        E qual è, in questo caso? Mi scusi, ma mi sfugge. Ricapitolando: io ho un negozio in centro. C’è la maratonina di Cremona e sono previsti 3.000 atleti più accompagnatori. Non sto guadagnando abbastanza, le tasse sono alte e io cosa faccio? Proprio quella domenica tengo chiuso! C’è qualcosa che non mi torna…

        • Paolo Mantovani

          Come già detto, molti colleghi erano aperti. Alcuni perché lo possono fare senza far intervenire il personale, altri perché hanno un prodotto che funziona in quelle occasioni. Ma mi creda non è così per tutti.
          Spesso il costo dell’apertura supera nettamente il ritorno economico. Il personale costa il 30% in piu e deve recuperare il riposo perso durante la settimana.
          Purtroppo la formula tanta gente in giro uguale lavoro non sempre funziona, altrimenti, con i tempi che corrono, aprirebbero tutti!

    • Marzio

      “Mancanza che rende qlco. inadeguato alle funzioni che deve espletare o al fine per cui è stato creato; più in generale, scarsità, carenza, lacuna.”

      Parlare senza sapere, dispensare consigli al di fuori delle proprie competenze, paragonare realtà così distanti di esercitare la stessa professione senza addentrarsi nelle realtà delle cose, perchè non le si vive di prima persona; è bello leggere che ci sia gente tanto capace.

      Io non giudico ma traggo, anch’io, le mie conclusioni.