31 Commenti

Nutria uccisa con la pala, anche la Lav farà denuncia alla Procura della Repubblica

nutria

Nutria uccisa a badilate in vicolo Maurino. La Lav (Lega antivivisezione) ha annunciato che farà una denuncia alla Procura della Repubblica, “affinché – scrive – l’aguzzino che ha massacrato quell’animale possa pagare per questa azione così violenta”. E’ l’ennesimo atto che arriva all’Autorità giudiziaria sul caso di venerdì scorso quando un volontario chiamato dalla Polizia Provinciale ha cercato di catturare l’animale e – non riuscendoci – lo ha ucciso con una pala.

“L’esecuzione è stata videodocumentata – dice la Lav – Le immagini sono eloquenti: il goffo tentativo da parte di un uomo (presumibilmente persona abilitata alla cattura di questi animali) di spingere la nutria dentro l’apposita gabbia-trappola ha causato la reazione dell’animale che, non essendo un predatore, non ha fatto altro che fuggire di corsa senza manifestare alcun comportamento aggressivo ma semplicemente di paura. Dopo un breve inseguimento, l’animale è però stato raggiunto e brutalmente colpito a badilate, sino alla morte. Il tutto è avvenuto davanti agli occhi di alcuni agenti della Polizia Locale”.

“E’ necessario ricordare – conclude – che la nutria è un animale appartenente alla cosiddetta “fauna selvatica” e pertanto tutelato sia dalla normativa speciale L.157/1992 che dalla normativa che sanziona comportamenti criminosi nei confronti degli animali L.189/2004. Ferire o peggio ancora uccidere un animale selvatico, al di fuori delle disposizioni speciali determinate dal legislatore, è evidentemente un crimine sanzionato penalmente ai sensi degli articoli 544-bis e 544-ter del  Codice Penale con pene che arrivano sino a 2 anni di reclusione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Rododendro

    Chissà perchè da un po’ di tempo a questa parte riusciamo a salire agli onori della cronaca nazionale invece che per Stradivari e i violini le vacche da latte e il torrone per questi ” squallidi” episodi.

    • ernesto

      Sai che goduria se arrivasse a Cremona “Stoppa”l’amico degli animali
      andare in televisione a farsi inquadrare mentre ripetono quanto gia scritto via email ovviamente x la nutria e chi se ne frega delle ns. eccellenze vanto di Cremona nel mondo.
      Ai tempi si diceva che i cremonesi erano dei provinciali, forse a ragione.. e oggi cosa siamo ….
      Rommel

  • sandra

    Ho sempre sostenuto la LAV ritenendola un ‘ organizzazione meritoria e seria.
    Purtroppo dopo questa presa di posizione assurda sul caso del motivato e, a mio parere, piu’ che legittimo abbattimento di una nutria, ne prendero’ le distanze.

    • Claudio

      Credo che la LAV sarà ben felice di accettare la sua distanza. Probabilmente il suo sostegno era una moda passeggera, lo testimonia la leggerezza delle sue parole, prive di compassione e legittimanti la soppressione della vita di un essere senziente.

      • roby27

        bravo claudio!anche perchè non vedo come uno possa sostenere un associazione animalista a targhe alterne!oggi mi va e domani no,in base all animale!mah..

  • roby27

    io appoggio la LAV e anche le altre associazioni che si batteranno per questo caso..nutria o non nutria,l abbattimento di un animale in questa maniera,deve essere punito!perchè oggi quel personaggio(volontario!!!non dipendente,percui il suo posticino di”lavoro”se lo teneva)ha badilato una nutria..domani magari gli da fastidio il cane od il gatto del vicino e lo prende a picconate!esiste una legge?deve essere rispettata e fatta rispettare..se no tornaimo al far west o nel medioevo!

  • Ambrosia

    Visti a freddo i numerosi e spesso assurdi commenti pro-nutria ma soprattutto contro-volontario (mi riferisco in particolare ai commenti agli articoli dei giorni scorsi), spero proprio che la capacità media di valutazione dei lettori che si sono espressi non sia rappresentativa della capacità di valutazione dell’intera popolazione di Cremona e provincia.

    • Astolfo

      … siamo in un paese libero ed è palese che il volontario non abbia saputo fare il suo mestiere. Possiamo dirlo questo o non ci è concesso? Possiamo dire che ha sbagliato e che non deve essere pagato per quello che qualunque idiota (anch’io che appartengo alla categoria e che non ho più vent’anni) armato di una pala potrebbe fare senza frequentare corsi? Si può dire che il volontario debba essere rimosso e mandato, se caso, a svolgere altre mansioni (pure con il badile) in cui non serva brandire lo stesso come una clava? Anch’io spero che la capacità media di valutazione del lettore sia quella di chi si indigna e discute. Non certo quella di chi prende una pala per correre dietro ed ammazzare un animale spaventato o di chi – non si sa in base a quale istanza – lo difende perché la nutria e il suo proliferare (che è ripeto conseguenza dell’agire dell’unico animale veramente tale che popola questo pianeta e non causa) ha un unica soluzione, lo sterminio?…

  • Gino

    mi sembra semplicemente un atto dovuto. il reato è stato palese.

    • danilo

      se questo è un reato vuol dire che viviamo in una società anomala.

      • giorgio

        No, vuol dire solo che esiste una legge, promulgata dai rappresentanti dei cittadini italiani, che come tale lo classifica; leggi di questo tipo, comunque, esistono in tutte le società che i benpensanti come te considerano “civili”, mentre mancano nei posti che voi considerate abitati dai “baluba”.

  • Il Giò

    Si vi prego. Mettiamo tutti gli agenti e gli investigatori che abbiamo su questo “caso”. La giustizia italiana deve far luce sull’assassinio di Don Chuck Nutria…
    Finitela di ingolfare un sistema al collasso, PECIOC

    • amelia

      PECIOC te saret te!! E’ evidente che l’argomento non ti interessa. MI CHIEDO ALLORA: MA PERCHE’ PERDI IL TUO PREZIOSO TEMPO A SENTENZIARE SULLA DEFUNTA NUTRIA?? DEDICATI AD ALTRO.
      Comunque non c’è bisogno di scomodare gli investigatori: i fatti sono ben chiari, ora se mai tocca al giudice.

      • Il giò

        Senti ‘n po…già fare una denuncia è costata sicuramente qualcosa (perdita di tempo della procura, FFOO). TU vorresti veramente portare avanti questa cosa per una nutria? Paga te allora per ste puttanate! Per fare sto processo, lo stato spenderà soldi in udienze, la persona si dovrà prendere un avvocato. Rinvii. Teste. Appello ecc. Si butteranno fra pubblico e privato almeno 10.000 euro…

        • amelia

          Quando tu pagherai personalmente (e solo tu!)di tasca tua le decine e decine di migliaia di euro per comprare i kit ammazza-nutrie, pagare i rimborsi ai volontari (FORMATI!), indennizzare gli agricoli (anche per questa calamità…), pagare i trappers (ditta specializzata per l’eliminazione professionale delle nutrie), TUTTI SOLDI PUBBLICI e quindi pagati anche da me, allora io pagherò di tasca mia “per ste puttanate”!
          ça va?

          • Il Giò

            Ma svegliati! Tu sei mai andata su un argine nei campi a vedere che danni fanno le nutrie? E sei qui a piagnucolare per una nutria presa a badilate..

          • amelia

            Senti, svegliati dillo a tua sorella, razza di buzzurro! Se le nutrie rovinano le tue passeggiate sugli argini, non prendertela con me ma con chi le portate da noi e successivamente liberate (storia vecchia e già ampiamente argomentata). Non ho piagnucolato sull’episodio, e come me tanti altri, che hanno soltanto rilevato un comportamento scorretto nella soppressione di un innocuo (tac-tac-tac…ti ricordi fifone?…non ti vuole mangiare) animale selvatico capitato nel posto sbagliato.
            P.S dimenticavo, da che ci sei, tira fuori anche i 300mila euro stanziati quest’anno dalla regione per abbattere le nutrie così io e gli altri piagnucoloni non ce li dobbiamo rimettere!

  • Il Giò

    Ma è stata vivisezionata? Ah no…hanno richiesto un’autopsia

  • Paolo Torriani

    per en sureg

  • sandra

    Un conto sono le giuste proteste contro la pratica della vivisezione . Un altro conto e’ l ‘ animalismo oltranzista che fa un caso della soppressione in pieno centro cittadino di un animale portatore di leptospire. Si all ‘ intelligenza, no al fanatismo animalista.

    • roby27

      si.e magari oltre all intelligenza anche un pò di sapienza!visto che la nutria,detta anche castorino,non ha leptospire!prima di scrivere sarebbe meglio sapere!ci sono studi scientifici e medici che indicano che la nutria non porta leptospirosi!visto che hai tempo di stare qui,fai una veloce ricerca su internet!

  • don pizzarro

    Indagini preliminari, esame e decisione del Gip, udienza preliminare, primo grado di giudizio, appello, cassazione, tribunale di sorveglianza per l’esecuzione della pena. Questo è l’iter per i processi nei quali fila tutto liscio, con l’imputato che potrebbe essere giudicato da 14 (diconsi quattordici) giudici. Ecco, può essere che la bellezza di 14 giudici (che ruberanno tempo a fascicoli ben più importanti) si interessino al caso nutria/badile. Con tutto ciò che questo comporta. Roba da matti. D’altra parte, siamo in Italia.

    • Er nutria

      Dura lex, sed lex. Se sei in grado di cambiare le leggi di questo paese…fatti avanti.

  • Astolfo

    … è normale che in un rapporto di lavoro chi non sa fare il suo venga allontanato. E’ palese che quel volontario non abbia saputo fare il suo come è palese che quella nutria non stesse attaccando nessuno e non ci si trovasse di fronte ad un ‘castorino assassino ed assetato di sangue’. Era solo un animale spaventato dall’unica bestia veramente tale che popola questo pianeta, l’uomo. Se fosse stato veramente un animale aggressivo gli si sarebbe scagliato contro. Quel volontario – inetto oltre misura, al limite delle comiche – deve essere al limite impiegato per altro. Ci sono tanti fossi da pulire da rifiuti e cartacce, tanti km di golena da liberare da spazzatura. Lo si destini a quello poiché per il compito a cui era stato chiamato a lavorare è palesemente non idoneo. Si evitino i processi. Basterebbe una decisione saggia da parte di chi è preposto al controllo di questi volontari pseudoesperti…

  • danilo

    In una società di DUMMIES , come gentilmente apostrofa i cittadini il buon Beppe Grillo , c’è posto anche per il partito delle nutrie. In una società normale no.

    • giorgio

      Hai ragione, se c’è il partito della topa (Berlusca docet), ci sta benissimo anche quello della nutria.

      • amelia

        😀 😀 😀 :D…strepitoso…

  • Bertoldo

    Sono senza parole….
    Come se nei tribunali non ci fossero già un mare di cause assurde.
    La Nutria, come riportato nell’articolo è si un’animale selvatico tutelato etc etc…. E’ altresì vero che non essendo un animale autoctono, diventa di fatto impossibile, una volta catturato, reimmetterlo in natura in perché ciò è contrario alla legge in quanto animale esotico.
    Pertanto deve essere consegnato alle autorità competenti (Corpo Forestale o Polizia Provinciale) che in questo caso procederanno, molto probabilmente, alla soppressione in quanto la nutria è oggetto di ordinanze di contenimento….
    E non lo dico io, lo dice il biologo Samuele Venturini in questo video
    http://youtu.be/l-DEOz3npss?t=5m30s

    Mi auguro che almeno il giudice abbia un minimo di buonsenso ed archivi al più presto questa assurda faccenda….

    • giorgio

      Se la cosa arriva davanti al giudice, ed ormai, dopo che su Youtube il famigerato video l’hanno visto più di 158.000 persone e che, di conseguenza, sono anche partite delle denunce, credo che dovrà valutare la questione non secondo il “buonsenso” (?) suo o dei singoli commentatori, ma secondo la legge. Esiste una legge nazionale e regionale che salvaguarda la “fauna selvatica omeoterma” e la nutria per ora, non risultando cacciabile, è di fatto tutelata. Esiste anche una legge che stabilisce quali comportamenti sono configurabili come “maltrattamento” ad animali. C’è poi un Piano di controllo approvato dalla Provincia che dice testualmente: “il trappolaggio è svolto utilizzando apposite gabbie/trappola con innesco a scatto ed esca alimentare e kit di soppressione, mediante utilizzo di cloroformio, costituiti da un contenitore esterno in alluminio a tenuta stagna e gabbietta interna di costrizione. Tale strumentazione viene fornita dalla Provincia ed è l’unica ammessa nell’ambito del Piano.” Mi sembra quindi di capire che la badilata non sia fra i mezzi consentiti, ed è proprio qui il nocciolo della questione: la legge spesso non serve semplicemente a proibire le cose, ma a stabilire delle regole seguendo le quali certe azioni divengono accettabili; come in tutti i campi, chi non segue le regole si sottopone alle eventuali sanzioni che derivano dai suoi comportamenti. Poi si sente dire da fonti ufficiali che l’animale era pericoloso e che il maldestro intervento sia stato motivato da ragione di pubblica utilità (del resto i 3 solerti tutori dell’ordine presenti ed inerti devono pur trovare una scappatoia per uscirne puliti…), e ci sono buone probabilità che la faccenda finisca in burla come in molti altri casi; fatta la legge, trovato l’inganno.

  • ernesto

    Rododendro,siamo nella terra dei ruminanti,(e non sono le vacche da latte)è questione culturale.

  • Andrea

    Mancanza spaventosa di professionalità e di sensibilità. Però la corsa dietro alla nutria è stato qualcosa di grottesco. Se non si fosse trattato di un’uccisione così barbara avrebbe assunto connotati alquanto esilaranti!