Commenta

"Musei del nuovo Millennio", i lavori del convegno

musei

Si sono aperti questa mattina, nella Sala San Domenico del Museo Civico “Ala Ponzone” di Cremona il lavori del convegno “I musei del nuovo millennio” organizzato dal Comune di Cremona – Assessorato alla Cultura – in collaborazione con la Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici per le province di Mantova, Brescia e Cremona.

Il convegno è iniziato con i saluti del sindaco di Cremona, Oreste Perri, di Claudio Gamba (Regione Lombardia – Musei e Biblioteche) in rappresentanza dell’assessore regionale alla Cultura Valentina Aprea, Giandomenico Auricchio, presidente della Camera di Commercio di Cremona, di Vittoriano Zanolli, direttore de il quotidiano La Provincia, in rappresentanza di Antonio Piva presidente della Società Editoriale Cremonese, e di Irene Nicoletta De Bona, assessore alla Cultura del Comune di Cremona.

Coordinati da Giovanna Paolozzi Strozzi, soprintendente per i beni storici, artistici ed etnoantropologici per le province di Mantova, Brescia e Cremona, protagonisti della mattinata sono stati Claudia Ferrazzi, Amministratore Generale Aggiunto Museo del Louvre – Parigi, intervenuta sul tema “Il Museo, attore dell’economia del XXI secolo”, Michel Perron, Direttore generale Société Musées Québéçois – Montreal, con “I Musei del Québec: pressioni, sfide e tendenze”, Miguel Angel Piedrola, Direttore MIMMA – Museo Interactivo de la Música – Málaga, che ha parlato de “Il Museo intelligente”, Andrea Ilari, Comandante Carabinieri Nucleo Tutela Patrimonio Culturale – Monza per quanto rigaurda la prevenzione nei musei dal rischio criminale e l’attività dei Carabinieri del N.T.P.C., Carolina Orsini, Conservatore Raccolte Extraeuropee Castello Sforzesco – Milano, che ha parlato de “Il Museo delle Culture: la sfida di un nuovo museo all’inizio del nuovo millennio”, Adriano Da Re, Segretario Generale e Direttore Amministrativo Fondazione – Torino Musei che ha trattato il tema “La Fondazione: un diverso modello gestionale”, quindi Alessandro Bianchi, Segretario Generale Fondazione MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo – Roma, “I musei di arte contemporanea nel nuovo millennio”, Antonio Natali, Direttore Galleria degli Uffizi – Firenze, La città degli Uffizi (contributo al XXV Convegno Nazionale degli Amici dei Musei). Non è potuta intervenire Sandrina Bandera, Soprintendente e Direttore della Pinacoteca di Brera – Milano, che ha però inviato la sua relazione.

La sessione pomeridiana del convegno è stata coordinata sempre da Giovanna Paolozzi Strozzi, ed ha visto i seguenti interventi: Umberto Bile, Soprintendenza Speciale e Polo Museale della città di Napoli,  “Il Polo Museale: un modello sperimentato a confronto con il futuro”, Gabriele Finaldi, Direttore Museo del Prado – Madrid, “Il Prado: le ragioni per un Museo reinventato”, Mariella Utili, Soprintendente per i beni storici, artistici ed etnoantropologici per le province di Parma e Piacenza, “Collezioni storiche e orizzonti contemporanei: la Galleria Nazionale di Parma”, e Fausto Pesarini, Conservatore onorario Museo civico di Storia Naturale – Ferrara, “Il ruolo dei musei scientici per una cultura della biodiversità e della sostenibilità ambientale”.

Con una tavola rotonda coordinata dal giornalista de Il Sole 24 Ore Marco Carminati, si è conclusa la giornata.

Al dibattito finale hanno partecipato Adelaide Maresca, responsabile dell’Ufficio Studi-Servizio I Segretariato Generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Il sistema dei musei: punti di forza e di debolezza, criticità di gestione, prospettive future), Alberto Garlandini, presidente ICOM Italia (I Musei di fronte alla sfida globale), Ernesto Folli  (La logica collaborativa tra economia e cultura ), Peter Paul Kainrath per la Fondazione Arvedi Buschini (Il nuovo mecenatismo), Patrizia Asproni, presidente Confcultura (ll ruolo dei privati nel sostegno ai musei pubblici), Danilo Maitti, amministratore delegato Art Defendere e vicepresidente di Arterìa – Milano (L’innovazione dell’offerta. L’attenzione e la cura al mondo dell’arte pubblica e privata), Franco Iseppi, presidente Touring Club Italiano, Giandomenico Tucci (Cultura, Paesaggio, Ambiente: una sinergia per il futuro), Giandomenico Tucci della Direzione centrale Programmazione e Comunicazione ENIT (Patrimonio culturale: autentica risorsa per il turismo ), Vanessa Pallucchi, responsabile qualità culturale dei territori di Legambiente (L’ambiente come valore culturale del territorio).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti