11 Commenti

In fuga dalla Libia, puliscono i viali 'Permessi in arrivo, ma che fine faranno i migranti nel 2013?'

profughi-viale

foto Francesco Sessa

Da settimane ormai stanno pulendo le strade di Cremona dalle foglie. Rastrelli in mano, pettorine catarifrangenti e cuffie per ripararsi dal freddo, i migranti ospiti della Casa dell’Accoglienza, persone di diverse nazionalità, ma tutte sfuggite dalla Libia di Gheddafi, vanno dove Aem li chiama. Da giorni sono in viale Po e zona Cristo Re. Hanno già liberato dalle foglie secche Viale Trento Trieste e Piazza Ragazzi del ’99. E’ l’effetto di un progetto elaborato da Caritas in sinergia con i Servizi Sociali del Comune e Aem per consentire a questi migranti che, ormai da un anno sono in attesa dei permessi e non possono né spostarsi, né lavorare, di rendersi utili per la comunità, favorendone l’inserimento sociale. Una bella iniziativa che arriva in un momento in cui alla Casa dell’Accoglienza un po’ si esulta e un po’ ci si preoccupa. Si esulta perché, finalmente, a ruota tutti i profughi ospitati nella struttura della Caritas cremonese (sono cento) stanno ricevendo il permesso della durata di un anno per motivi umanitari. ‘La consegna dei documenti – dice don Antonio Pezzetti, presidente di Caritas cremonese – è un passaggio importante per queste persone. Chi ha parenti o amici può spostarsi in Italia o in Europa. Chi rimane cerca un lavoro, ma non è facile trovarlo. In 50 hanno già ricevuto il permesso, altri 50 mano a mano stanno andando alla Questura per le pratiche”. Il lato preoccupante, invece, riguarda il fatto che dal 31 dicembre 2012, fra meno di un mese, verrà decretata la fine ufficiale della emergenza “Nord Africa” in Italia con la conseguente fine della gestione dei migranti affidata alla Protezione civile. “Noi non li buttiamo certo fuori dal primo gennaio – continua don Pezzetti -, ma questo è un problema. Su 18mila profughi dalla Libia in Italia, 3mila sono in strutture Caritas, 15mila in albergo. E se noi non li mettiamo in strada, gli hotel invece non sono tenuti ad ospitarli ancora. Tutto questo avviene in periodo invernale e di grande crisi per quanto riguarda l’occupazione. Rischiamo di avere migliaia di persone in giro per le nostre città, sole e senza un’occupazione. Difficilmente lo stato di emergenza verrà prolungato, ma qualcuno deve prendersi la responsabilità di queste vite. Aspettiamo una risposta dal Ministero degli Interni che si dovrà pronunciare su questo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • st jimmy

    Dov’è il buon leghista di turno che inveisce contro gli stranieri, ladri e assassini?

    • Il giò

      Ma non dir stupidaggi, per guadagnarsi il PDS e dopo essere stati mantenuti per un anno e mezzo di foglie ne devono spalare! Altrochè “iniziativa”…la guerra è finita, a casa! Non c’è più motivo di rimanere qui

      • flora e fauna

        torna nello stagno….

  • alfabeto

    Ma la Aem che cazzo la paghiamo a fare se i clandestini fanno il lavoro al loro posto?

    • NOTIZIE VERE

      non sono clandestini, ma persone con regolare permesso di soggiorno…naturalmente con possibilità di rinnovo.
      stia tranquillo e continui a pagare le sue bollette.

      • alfabeto

        A me risulta che solo ad uno di loro è stato concesso asilo politico in quanto riconosciuto tale, tutti gli altri sono in attesa del ricorso presentato da più di un anno quindi clandestini, si informi meglio per favore e per confermarle queste parole si legga i quotidiani di circa sei mesi fa dove è scritto nero su bianco con allegata documentazione.

  • CLANDESTINI A CASA!

    Non dimentichiamo che questi clandestini (la guerra è finita da tempo per cui non devono più avere lo status di profughi) costano 40 euro al giorno, quanti cittadini cremonesi prendono dallo Stato 40 euro al giorno?????
    Anzi, ai cittadini cremonesi è stato tolto il buono pasto del comune perchè non ci sono soldi.
    Italia Stato di pagliacci!

    • Ale

      Più che di pagliacci… di buoi con il paraocchi: piuttosto che prendersela con chi governa l’economia non sono del nostro Paese, continuiamo a farci la guerra tra poveracci! Di certo la strada più facile, sicuramente quella che ci porterà sempre più al peggio.

    • Ale

      Ma, forse, lei non ha di che problemi e il suo unico grande problema è prendersela con chi è messo peggio. Bè: beato lei!

  • Simo

    Fare di tutta l’erba un fascio è la politica dello stolto!

  • roby27

    azzz….1.2.3.4.5.6.7.8.9.10.11.12.13….