2 Commenti

Distacchi utenze, cinismo della Pubblica Amministrazione

Lettera scritta da Santa Lina Caoduro

Signor Direttore,

è possibile che nel terzo millennio, nell’Europa “culla della civiltà” vi sia ancora chi rischia l’assideramento nella propria abitazione? Si è possibile. Accade qui nella nostra civile città che famiglie con bambini piccoli debbano vivere in locali gelidi perché la “sensibilissima” Amministrazione Pubblica ha tagliato la fornitura del gas nel periodo di massima intensità del freddo, unitamente all’acqua. Contatore sigillati e quindi niente gas e acqua; alla faccia dell’universale diritto all’acqua dell’uomo. Per contro, schizofrenicamente, la si mette a disposizione con l’aggiunta di anidride carbonica (ah le bollicine…), a tutti gratuitamente, compresi i proprietari di macchine di lusso che sovente si vedono approvvigionarsi alla pagodina di via Persico.
Ovviamente tanto cinismo e insensibilità da parte della Pubblica Amministrazione viene motivato dall’inadempienza sulle bollette, conseguentemente mi chiedo: se attraversiamo un momento in cui la disoccupazione aumenta in modo esponenziale, se molte famiglie sono prive di un benché minimo reddito che facciamo: le eliminiamo attraverso la congelazione e la disidratazione e ci togliamo il pensiero o cerchiamo di agire in modo di meritarci, con la volontà politica e la concretezza dell’azione solidaristica, la promozione al “mondo civile”? Una società la si valuta anche da come tratta i suoi cittadini più deboli: i bambini, gli anziani, gli indigenti. E una Pubblica Amministrazione dovrebbe (in teoria) aver ben presente questo principio.

Santa Lina Caoduro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • p.

    mi sento di sottoscrivere ogni parola di questa lettera.
    fortunatamente, a fronte del cinismo della pubblica amministrazione, esiste ancora un profondo senso di solidarietà tra i cittadini.

  • Gianni

    Ancora la cultura del tutto a tutti gratis. Di questo passo continueremo a pagare tasse a non finire a causa della voracità della spesa pubblica.
    Chi non ha soldi per pagare le bollette si rivolga ai servizi sociali per chiedere aiuto e dimostrare le proprie difficoltà economiche. Altrimenti i furbetti delle bollette non pagare riusciranno sempre a confondersi dietro i veri bisognosi.