8 Commenti

Affaire don Mauro Inzoli In una lettera la sofferenza del vescovo Cantoni: “La Chiesa non ha sottaciuto la verittà”

don-crema

«Alla mia Chiesa, umiliata e ferita». Con queste parole il vescovo monsignor Oscar Cantoni, apre la lettera indirizzata ai fedeli, dopo la vicenda che ha coinvolto don Mauro Inzoli, ex parroco di Santa Trinità, reso allo stato laicale da un provvedimento della Santa Sede.  Una lettera indica tutta la sofferenza del vescovo per la vicenda che ha coinvolto tutto il sacerdote cremasco, e per il clamore mediatico che ha portato con sé.

“Viviamo in questi giorni, quali figli e figlie della Chiesa di Crema, umiliata e ferita, una grande sofferenza. La respiriamo nell’aria, la condividiamo negli sguardi, in un silenzio che dice tutta la nostra prostrazione, al di là dell’ inevitabile clamore mediatico suscitato.

Trattandosi di un sacerdote, tutti ci sentiamo ancora di più coinvolti e sbigottiti. Un’intensa preghiera è innanzitutto ciò che di più urgente abbiamo bisogno, perché il Signore sia forza e sostegno di quanti, come noi, sono nella prova. Occorre pregare perché ci sia donata quella chiaroveggenza necessaria per affrontare il momento doloroso che attraversiamo come un’occasione di grazia. “Tutto concorre al bene di coloro che amano Dio” (Rom 8, 28 ). Chi lo afferma in questa circostanza, corre il rischio di passare per sprovveduto e ingenuo, ma nella fede non è così, perché vero credente è colui che si affida sempre al Signore, anche quando è difficile capire o interpretare i fatti della vita, soprattutto quelli più oscuri e più umilianti.

Non giudizi impietosi, quindi, né biasimi severi verso chi ha procurato la nostra sofferenza;  piuttosto rivolgiamo uno sguardo di compassione e di misericordia verso quanti, per diverso titolo, sono coinvolti e feriti. Nello stesso tempo, affermiamo che compassione e misericordia non sono mai disgiunte da un amore pieno per la verità: esse camminano insieme!  In questi giorni, la Chiesa, attraverso i suoi massimi responsabili, non ha sottaciuto la verità, ma l’ha definita, senza paura di giudizi e senza esitazione, rispettando, certo, le persone coinvolte, ma anche nella piena trasparenza di chi, proprio facendo la verità, si dimostra pienamente libero. Da una simile circostanza, emerge come non mai il volto umano della Chiesa che, in quanto composta da uomini, si presenta fragile e peccatrice, ma che continuamente avverte di essere chiamata alla penitenza e alla conversione, che confessa con umiltà i propri peccati e insieme confida nell’abbraccio misericordioso del Padre.

Ci sentiamo veramente parte di un unico Corpo, così che, quando uno dei suoi membri è malato, tutti ne risentono. Se è vero che le ferite e le umiliazioni ci accomunano, anziché provocare risentimenti, siamo chiamati ad una maggiore fedeltà, ad una più intensa responsabilità personale nelle scelte e nei gesti che compiamo, sapendo che il male che possiamo procurare con le nostre mani non ricade solo su noi stessi, ma inficia e ferisce tutto il corpo ecclesiale. Trattandosi di una colpa commessa da un sacerdote, comprendiamo la grandezza e la responsabilità che il ministero ordinato comporta, ma anche avvertiamo il rischio che il bene, largamente seminato, possa facilmente essere sminuito a causa dei nostri errori, anche se, per grazia di Dio, il bene non cessa mai di produrre i suoi frutti.

La decisione della Chiesa, che come medicina ricorre alle pene più severe, è prova evidente di chi si impegna a lottare contro il male, a partire dai suoi membri primi, fragili come gli altri uomini, di chi non si arrende di fronte alla peccaminosità propria e altrui, ma la combatte con le armi della giustizia e della verità.

Chiesa di Crema: non lasciarti cadere le braccia; avanza, anche nelle difficoltà, sui sentieri che oggi Dio ti fa percorrere e credi che da questa dolorosa prova il Signore saprà ricavarne un bene più grande. Crescerà il desiderio di cercare la verità nella carità, la sollecitudine nel far prevalere il bene, costi quel che costi, si svilupperà una più intensa unità tra tutti i tuoi membri e soprattutto una rafforzata sicurezza nella presenza attiva di Cristo, che, come afferma S. Agostino, “fa sua la sofferenza di tutto ciò che travaglia il Corpo sulla terra”.

+ Oscar Cantoni, vescovo

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Paolo

    Ma fate i giornalisti per una volta!
    A che serve buttare lì una lettera che non dice niente, solo parole vuote, retorica, parole e parole.
    Almeno una volta, fate il vostro lavoro: informate.
    Alzatevi e andate a cercare un’informazione, una che sia una.
    Don Inzoli è stato spretato.
    Perché?
    Siete capaci di cercare di dare una risposta a quest’unica domanda o siete buoni solo a buttare in rete lettere e comunicati e raccogliere pubblicità?

    • razzinger

      anch’io non ho ancora capito cosa ha fatto don inzoli???

      qualcuno me lo può dire???

      w i giornalisti cremaschi!!!!

  • germana gasparini

    Non sono credente. Dalle parole del vescovo (che ripete spesso di sofferenze di terze persone) si puo’ capire di cosa si tratti .Difendo il giornale che reputo ottimo

  • Gianni

    Per una volta la Chiesa non si è fatta anticipare dalla magistratura o dalla legge dello Stato ma ha fatto pulizia al suo interno. Non dobbiamo dimanticare che, appena eletto, Benedetto XVI ha fatto dimettere una quarantina di vescovi in tutto il mondo per connivenza con i responsabili di abusi.

  • franco verzellesi

    per me è un prete che manovrava in troppe cose compresi i soldi . i fatti di cui è imputato servono a coprire la verità

  • La Chiesa ha fatto cio’ che doveva, inflessibile nel comminare la propria sanzione, misericordiosa – come sempre – nei confronti dei propri figli, in questo caso un presbitero, che sbagliano.

  • pico

    Ma insomma: cos’ha fatto?

  • Hi there! This article couldn’t be written any better! Looking through this article reminds me of my previous roommate! He always kept preaching about this. I’ll send
    this article to him. Pretty sure he will have a great read.

    Many thanks for sharing!