Commenta

Presepi di Cremona tra i protagonisti della mostra di Zibello

presepe

Presepisti cremonesi protagonisti a Zibello (Parma). Nella terra del Culatello, i presepi sono più che mai di casa. Sino all’Epifania, nel cuore del borgo rivierasco prosegue infatti la rassegna “Presepi nella Bassa”, promossa dal gruppo accoglienza bambini saharawi. In mostra decine di presepi realizzati, come sempre, con le tecniche più svariate, e di ogni dimensione: da quelli mignon a quelli di proporzioni ben più evidenti. Fra le natività in mostra spiccano le artistiche creazioni di Giovanna Verona di Pieve d’Olmi, il suggestivo presepe di Andrea Sudati di San Daniele Po e quello decisamente legato al fiume, di Vitaliano Daolio, direttore dell’Acquario del Po di Motta Baluffi. Senza dimenticare lo straordinario presepe realizzato in una radice del Grande fiume di 5mila anni fa, ritrovata nei pressi di San Daniele Po. La mostra si tiene in piazza Giovannino Guareschi, nella suggestiva cornice di un ex magazzino di formaggio Parmigiano Reggiano, a significare una volta in più il legame profondo tra l’iniziativa ed il territorio della Bassa. Fra i tanti, di spicco i presepi dove, ancora una volta, entrano Don Camillo e Peppone, i due grandi personaggi nati dalla penna di Giovannino Guareschi. C’è poi una grande riproduzione del centro storico di Castell’Arquato, così come ci sono poi presepi creati in ambienti tipici della pianura padana o in vecchi attrezzi della civiltà contadina per creare la scena della natività e chi, invece, ha scelto il presepe classico. In più ci sono due sezioni: una dedicata alla “Favola di Natale” di Giovannino Guareschi ed una dedicata ai presepi del mondo con natività provenienti dai cinque continenti. Quest’anno, tra l’altro, la mostra si sdoppia. Infatti, molti dei presepi esposti gli scorsi anni a Zibello, vanno a comporre la prima edizione della rassegna presepistica realizzata a Torricella del Pizzo (Cremona) nel suggestivo ambiente dell’agriturismo Torretta dove si possono ammirare anche il museo di storia naturale e della musica meccanica italiana. La mostra di Zibello, ricca di fascino e suggestione è, ancora una volta carica di solidarietà. E’ infatti finalizzata a sostenere una nobile causa: quella dell’accoglienza dei bambini saharawi nel periodo estivo, in collaborazione con l’associazione Help for children di Parma. L’esposizione, fino al 6 gennaio, è aperta tutti i festivi e prefestivi, dalle 14.30 alle 18. Gli altri giorni su prenotazione al 3386931689 e 3402499355.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti