Commenta

Giornata del migrante, il coro Joy Voices e la messa del Vescovo in S. Lucia

giornata-migrante

Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. La Caritas Cremonese e la Fondazione Migrantes, entrambe dirette da don Antonio Pezzetti, promuovono due appuntamenti aperti a tutta la cittadinanza: sabato 12 gennaio, alle 21, un concerto del coro “Joy Voices” di Casalmaggiore presso la Casa dell’Accoglienza dove sono ospitati da più di un anno oltre cento profughi dal Nord Africa e domenica 13, alle 15.30, la S. Messa presieduta dal vescovo Lafranconi nella chiesa cittadina di S. Lucia con i cattolici migranti presenti sul territorio. L’Eucaristia sarà animata dalle comunità rumena, ucraina e africana. Secondo i dati dalla Fondazione Migrantes gli stranieri in provincia di Cremona sono oltre 46.000.

I CENTO PROFUGHI ALLA CASA DELL’ACCOGLIENZA

Gli oltre cento profughi hanno storie comuni: hanno lasciato i loro paesi d’origine per stabilirsi in Libia, nella nazione guidata da Gheddafi, in cerca di un lavoro. Poi, allo scoppio della guerra civile sono dovuti fuggire e, arrivati in Italia, sono stati accolti a Cremona secondo il piano dell’emergenza Nord Africa.

I profughi hanno seguito corsi di italiano e si sono messi a disposizione, come volontari, del Comune di Cremona e di altre associazioni di solidarietà – ma anche all’Archivio di Stato – per lavori socialmente utili, come la pulizia delle strade dalle foglie secche. Dopo più di un anno e mezzo dal loro arrivo, finalmente queste persone stanno ricevendo il permesso di soggiorno per aiuto umanitario e questo darà loro la possibilità di potersi spostare da Cremona o di rimanervi in cerca di lavoro.

I rifugiati provengono da Guinea Konakry, Niger, Nigeria, Sudan, Camerun, Libia, Togo, Bangladesh, Etiopia, Mauritania, Tunisia, Ghana, Palestina, Pakistan, Siria, Mali, Libia, Senegal e Somalia. Oltre alla Casa dell’Accoglienza di Cremona essi sono ospitati presso la “Casa Don Bosco” di Casalmaggiore, nella comunità “La Zolla” diretta da don Salomoni, nella comunità “Santa Rosa”, nelle parrocchie di Motta Baluffi e Spino D’Adda, presso l’istituto “Germani” di Cingia de’ Botti.

IL CORO ‘JOY VOICES CHOIR’

Il “Joy Voices Youth Choir” si è costituito nel 2008 per iniziativa di alcuni amici intraprendenti, accomunati dalla passione per la musica e desiderosi di impegnarsi per realizzare un progetto musicale significativo nella già prolifica realtà casalasca. Nel gruppo, formato da oltre cinquanta persone, sono confluite competenze diverse: studenti e diplomati di Conservatorio, membri esecutori vocali e strumentali dell’Estudiantina di Casalmaggiore e di varie formazioni parrocchiali a cui si sono uniti giovanissimi alle prime esperienze musicali.

II repertorio preferito dal coro è costituito da musica di tradizione anglosassone e afro-americana e in particolare da gospels e spirituals adatti a coniugare l’abilità vocale con l’entusiasmo e l’energia dei giovani.

Dalla sua fondazione il coro è diretto dal maestro Abele Zani, diplomato al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti