Un commento

Assolto per la rapina: non è imputabile, ma è pericoloso

rapina

Assolto perché non imputabile per vizio totale di mente. Così ha deciso oggi il collegio dei giudici per Antonio Pisano, calabrese, a processo per concorso in rapina e sequestro di persona. L’imputato sarà sottoposto per un anno alla misura della libertà vigilata, così come chiesto dal pm Francesco Messina che nella sua requisitoria, pur avendo chiesto l’assoluzione per non imputabilità, ha sottolineato la pericolosità sociale di Pisano. Per quella rapina a mano armata, messa a segno il 23 aprile del lontano 2001 al Monte dei Paschi di Siena, filiale di via Genala, il vicedirettore Stefano Giovannoni, considerato il basista, era stato condannato a quattro anni e otto mesi di reclusione nel processo di primo grado. Il colpo aveva fruttato alla banda di rapinatori oltre 100 milioni di vecchie lire. Pisano era stato chiamato in causa dallo zio Cosimo, collaboratore di giustizia con un passato nella ‘ndrangheta. Il 18 settembre del 2003, al procuratore antimafia di Catanzaro aveva rivelato che lui e il nipote avevano condiviso una cella del carcere di Modena e che durante la detenzione il nipote gli aveva confessato di aver partecipato ad una rapina “con il concorso di un appartenente alla banca”. “Mio nipote”, aveva raccontato lo zio, “mi ha detto che era stato lui a minacciare un’impiegata con la pistola”. La dipendente, sentita in aula durante la scorsa udienza, ha riconosciuto il rapinatore, così come lo aveva riconosciuto anche quattro anni fa nella fotografia che la polizia le aveva mostrato proprio nell’indagine a carico di Pisano. Per la psichiatra incaricata di effettuare la perizia, però, l’imputato “è affetto da disturbo di personalità, un border line già seguito dal centro di salute mentale di Crotone. All’epoca dei fatti non era capace di intendere e di volere”. Dunque assolto, ma è pericoloso socialmente. Per Pisano, libertà vigilata per un anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sguizzo

    quindi ora è libero di uccidere chiunque gli faccia girare la trebisonda, tanto è sicuro dell’impunità……

    W l’italia…..