137 Commenti

Il grillino cremonese alla Camera: 'Stanno spaventando la gente: l'ingovernabilità può essere un bene'

toninelli

Danilo Toninelli (foto Sessa)

E’ il vero vincitore di queste elezioni. Il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo è arrivato a numeri che pochi si aspettavano. La crescita del “fenomeno grillino”, certificato settimana dopo settimana da diversi sondaggisti, era sotto gli occhi di tutti. Ma il risultato effettivamente raggiunto da quello che gli attivisti definiscono un non-partito è stato un duro colpo per le formazioni politiche tradizionali. In Italia, alle politiche, i 5 Stelle hanno superato il 25%, alle regionali lombarde sono arrivati al 13%. In provincia hanno raccolto il 19,5% (41.665 voti) per la Camera e il 17,2% (34.264 voti) per il Senato. Nella città di Cremona sfiorato il 21% (8755 voti) per la Camera e hanno guadagnato il 18,3% (7270 voti) per il Senato, superando il Pdl nel primo caso e piazzandosi di poco dietro per Palazzo Madama. Per le regionali, sul territorio provinciale (30.392 voti) e nel capoluogo (6.244 voti) i “grillini” hanno poi ottenuto circa il 15%. Per la corsa al Pirellone del 2010 si erano fermati al 2,7% (3.613 voti) in provincia e al 3,6% (978 voti) a Cremona città. Un boom nel giro di pochi anni.

A commentare il risultato del Movimento 5 Stelle, è il neo parlamentare, Danilo Toninelli, cremasco di 38 anni, impiegato, laureato in giurisprudenza. Grillino dalla prima ora, ha partecipato all’organizzazione di due campagne elettorali in cui è stato anche candidato alle Regionali Lombarde del 2010 per la provincia di Cremona e alle comunali di Crema del 2012. Tirati per la giacca da Pierluigi Bersani, i grillini si sono divisi tra fiducia sì e fiducia no. Soprattutto dopo il no secco del leader Beppe Grillo che ha definito Bersani “un morto che cammina”.

Domanda scontata: fiducia a Bersani sì o Bersani no?

“Non sono io a doverlo dire. E’ una domanda a cui non posso rispondere”.

Ma sarà in parlamento e dovrà votare..

“Ad oggi non ci sono gli elementi necessari per decidere. Noi ci basiamo sulle proposte che ad oggi non ci sono, e comunque non posso rispondere perchè è il gruppo che deve decidere insieme. Stanno spaventando la gente con questa ingovernabilità, ma potrebbe essere anche un bene. Questo potrebbe essere un governo breve ma ricordato per avere fatto le riforme necessarie. Poi allora a votare il Movimento 5 Stelle arriveranno anche quelli che non l’hanno fatto ora. Il cambio di mentalità degli italiani c’è”.

Si aspettava questa crescita del Movimento e soprattutto di essere eletto?

“La crescita sì, le scorse elezioni già avevamo raggiunto il 10%. A livello regionale sapevamo di perdere rispetto al nazionale, perché tanti che hanno votato il Movimento 5 Stelle alla Camera e al Senato, in Regione hanno votato Ambrosoli, per cercare di evitare una vittoria di Maroni. Comunque abbiamo avuto dei risultati straordinari frutto di un duro lavoro, di un impegno costante. Non nascondo che mi aspettassi di essere eletto. E se lo aspettavano soprattutto gli altri”

Quando è entrato nel Movimento?

“Fin dall’inizio. Il Movimento è nato nell’ottobre del 2009, io ho iniziato con la campagna elettorale nel novembre 2009. E il mio risultato è l’effetto di un impegno costante a tutti i livelli. Non l’ho fatto per arrivare qui, ma per portare il cambiamento in provincia e in Italia. E il risultato c’è stato anche se la provincia di Cremona è conservatrice e noi siamo un movimento nuovo che usa i nuovi mezzi, come internet perché non abbiamo fondi e ci autofinanziamo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Quaqquaraqquà

    Dilettanti allo sbaraglio! Vado là e poi vediamo cosa fare, x ora non ho la minima idea…l’ingovernabilità è un bene…povera Italia!

    • Pluto

      In Belgio sono stati due anni senza Governo e l’economia è andata alle stelle.

  • MARIO

    Se ho capito bene il grillino non sa cosa fare o votare.!!
    Sta aspettando che il guru arrivi a Roma in vagone letto………??
    Lo abbiamo già visto 80 anni or sono.
    E poi abbiamo visto anche il resto…………!!

    • Michael

      Se non sbaglio non sa cosa votare: no, non lo sa. E’ proprio quello che dicevo sopra. Si liberano dei garanti adesso o no? Andranno “a vivere da soli” i grillini (o 5 Stelle o come diavolo bisogna chiamarli) o continueranno a vivere a casa di Zio Beppe e Papà Casaloggia? (i quali tra l’altro hanno dato l’ennesima dimostrazione di menefreghismo, dato che la legge impone che sia un candidato a presenziare le consultazioni col Colle, non certo un comico – che si vanta di non essere candidato – o un manager)…

  • Gianni di Spino

    e, soprattutto, grazie di averci regalato maroni in regione………

    • germana

      sottoscrivo, GRAZIE di averci regalato Maroni in regione 🙁

    • QuiQuoQua

      Maroni è lo stesso che a Verona come ex capo delle camicie verdi, insieme ad una quarantina di dirigenti leghisti, con le accuse di attentato alla Costituzione e l’integrità delle Stato e creazione di una struttura paramilitare è stato condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni di reclusione.

      • informazione gratuita

        Ah si, l’indagine di Papalia,buono quello! Ma è ancora vivo? Nei fatti, un indagine che prevedeva di andare nelle sedi di partito (Lega nell’occasione) a perquisire gli atti dei parlamentari senza avere il benestare del parlamento. Comunque per informazione fu tramutata in una multa.

  • Michael

    Il cambio di mentalità negli italiani è ben salutato se emerge spontaneamente e se non è pilotato dalla massoneria nera a cui risponde Casaleggio. Se si liberano di Grillo e Casaleggio ai miei occhi acquistano il triplo della credibilità (poi io non sono nessuno, per carità)…

    • Toro pazzo

      Se si liberano di grillo e casaleggio fanno la fine di favia e di quel l’altra di cui non ricordo il nome!

      • Michael

        Dici la Salsi?

  • Toro pazzo

    Saranno anche onesti e si accontenteranno di meno soldi….. ma se questi sono i parlamentari grillini…… aiuto! Cento e passa persone che han portato il cervello all’ ammasso! Spero che Maroni, Zaia e cota si accordino presto sulla macro regione e facciano poi alla svelta domanda di annessione all’ Austria!

    • Alice

      Per ora mi risulta che Maroni abbia chiesto prestiti al Kenya.

      • E la Bossi family le lauree in Albania…

      • Toro pazzo

        A furia di guardare indietro, diventerete tutti delle statue di sale!

    • MARIO

      nella grande guerra, contro l’austria sono morti 600.000 italiani..e non assomigliavano a lei……..!!!!!
      in ogni caso quelli come lei NON li vogliono neppure gratis e con dote………!!

      • Toro pazzo

        Guardare avanti…..

        • Michael

          Se davanti c’è Lei, preferisco indietro…

  • Giulio

    ‘Stanno spaventando la gente: l’ingovernabilità può essere un bene’

    Adesso capisco perchè Grillo non vuole che vadano in TV. Poveri noi!

    • Michael

      Quelli del partito pirata dicono che rifiuta i contradditori perché ha addirittura il suggeritore. Vero o falso che sia, il fatto di non interagire (o di interagire scarsamente) con la stampa non lo rende senz’altro più convincente, anzi. Ma a me non spaventa Grillo: quello che mi sembra lui è tutt’al più un esagitato che ha avuto il merito di riunire un movimento facendo da megafono (e per questo adesso dovrebbe lasciare la leadership agli eletti e ritirarsi). Chi mi fa paura davvero è Casaleggio e la sua azienda. 1) Perché con il risultato elettorale lui ha dimostrato che la sua ricetta (le sue strategie di comunicazione in rete) sono vincenti e ha i canali aperti con i mercati esteri (se lo farà, vorrà dire più potenza ancora). 2) Berlusconi aveva in mano le Tv (gran parte) ma qui c’è un discorso diverso: lui ha in mano la rete, studia il web e le strategie di comunicazione per mestiere: se con Berlusconi abbiamo visto la televisione diventare mezzo di conquista di bacini elettorali amplissimi, ora fin dove può spingersi la faccenda? Sino a controllare qualsiasi aspetto della nostra vita (parlo di scenari che per ora sono solamente rischi): l’occhio irraggiato della massoneria (nella sua versione più deviata, quella “nera”) che controlla tutto, persino le mail che ci inviamo, perché oggi la nostra vita è inscindibilmente connessa al web (non più alla televisione) ed è quello che occorre controllare per controllare di rimando anche i cittadini. Il movimento 5 Stelle ha delle buone idee, manca qualcosa ma altri spunti verranno (anche se l’urgenza del momento non concede troppi margini). Ma deve attuarle da sé, senza Casaleggio. Il progetto massonico dello spin doctor è ancora lì (con la buona accondiscendenza di Feltri che poco tempo fa, commentando il programma di Grillo e Casaleggio, disse «dal grande caos rinasca tutto e si ricavi un nuovo ordine»: ordo ab chaos è il motto della massoneria scozzese), ed è agghiacciante notare come il radicalismo della proposta di tagliare completamente i contributi pubblici alla stampa converga con uno dei punti più oscuri e preoccupanti del vecchio programma di Licio Gelli. Feltri disse poco tempo fa, commentando il programma di Grillo e Casaleggio, «dal grande caos rinasca tutto e si ricavi un nuovo ordine»: ordo ab chaos è il motto della massoneria. In realtà, la teoria del caos, l’ordine dal disordine, la rete, l’autorganizzazione, i sistemi emergenti, ecc. sono anche i concetti che dagli anni sessanta, nei centri di ricerca, hanno iniziato una rivoluzione scientifica tutt’ora in atto (pari, per impatto, a quella seicentesca). Il movimento 5 Stelle interpreta questi concetti nuovi e ha il merito di averli traslati dalle scienze naturali, sociale e dall’economia alla politica. E spero che vada avanti, perché quella è sarà la rivoluzione, il cambiamento. Per questa ragione simili concetti non andrebbero usati da società massoniche ed esoteriche per controllare i cittadini bensì per il libero progresso della coscienza collettiva. Purtroppo finché ci saranno persone come Casaleggio quest’ultima direzione, che è quella giusta, avrà sempre degli ostacoli nella sua realizzazione.

      • germana

        ORWELL 1984 ?

        • Michael

          Quasi…

  • a quando l olio di ricino?

    • Michael

      Dopo gli «scappellotti»

  • Viola

    Caro Beppe, scrivo a te e intendo parlare a tutti i nuovi parlamentari del Movimento 5 stelle.
    Mi chiamo Viola, ho 24 anni. Ho votato e l’ho fatto con molta speranza e ho scelto il M5S. Sono tra quei milioni di giovani che credono in una rivoluzione gentile: in un Paese solidale, più pulito e giusto, capace di tutelare i cittadini, il loro lavoro, l’ambiente in cui vivono. , caro Beppe, un’Italia in cui le persone tornino a essere cittadini e smettano di essere sudditi, un’Italia che rispetti i nostri sogni e li sostenga. Vi ho votati con queste speranze nel cuore. Il M5S ha ottenuto una vittoria alla quale in pochi credevano. Ma un sistema elettorale malato ha prodotto un risultato che non garantisce governabiliutà. Il mandato del Presidente della Repubblica Napolitano è in scadenza, le Camere non possono essere sciolte, non da lui: non si può tornare subito alle urne. Questo parlamento avrà forse vita breve, ma non brevissima. Ti Scrico. e spero saranno in tanti a sottoscrivere questo mio appello, perché gli eletti del M5S hanno un’occasione storica. Da ciò che decideranno dipenderà un pezzetto di storia della Repubblica che può aprirci al futuro o consegnarci per sempre al passato. Dobbiamo scongiurare qualsiasi ipotesi di alleanza PD-PDL,e non permettere alla minoranza di Monti di condizionare gli equilibri parlamentari. Possiamo respingere il ritorno di Berlusconi e di costringere Bersani ad accettare le sfide che i suoi stessi elettori vorrebbere raccogliesse. Si possono fare poche cose, prima di tornare alle urne. in poco tempo:
    Una nuova legge elettorale/Una legge contro la precarietà e l’istituzione di un reddito di cittadinanza/La riforma del Parlamento,con la riduzione del numero dei rappresentanti,l’eliminazione dei loro privilegi, l’ineleggibilità dei condannati/La cancellazione dei rimborsi elettorali/L’abolizione della legge Gasparri e una norma sul conflitto d’interessi/Una legge anticorruzione che colpisca il voto di scambio; e l’istituzionedi uno strumento di controllo sulla ricchezza dei rappresentanti del popolo (il politometro)/ il ripristino dei fondi tagliati alla scuola e alla sanità/ l’istituzione del referendum propositivo senza quorum/L’accesso gratuito alla rete/La non pignorabilità delle prima casa.
    Lo so, non sono tutte le cose che il M5S vorrebbe realizzare. Sono alcune, quelle che mi sembrano più urgenti e realizzabili in tempi brevi.
    Trasformatele in realtà e tra pochi mesi l’Italia sarà già un paese pronto per ripartire. Sono impegni, caro Beppe, che possono raccogliere il consenso di molte persone che come me hanno a cuore il futuro, i più deboli, il Paese. E non tutte hanno votato M5S. Al PD sarà quasi certamente dato mandato di provare a formare un nuovo Governo. Non ci sono molte possibilità: se i senatori del M5S si astengono o votano contro, sarà paralisi, o peggio, vedremo un qualche Monti bis. I senatori del Movimento potrebbero anche uscire dall’aula, al momento della votazione, e così consentire forse la nascita di un Governo di minoranza: ma questa sarebbe vecchia politica, un patto di Governo silenzioso che non renderebbe giustizia alla trasparenza che vogliamo portare nelle Istituzioni. Allora poniamo noi le giuste condizioni al partito di Berrsani: in cambio dovranno presentare in Parlamento quelle riforme che ci stanno a cuore e che possono far diventare l’Italia migliore. Queste elezioni sono costate 400 milioni di euro. Non è difficile capire ciò che gli elettori chiedono. A voi, che siete i nostri dipendenti, è stato dato un mandato. Raccogliete questa sfida e cominciamo subito a cambiare l’Italia, per il bene di tutti.
    Caro Beppre, non sprecare il mio voto. L’ho dato con la testa e con il cuore.

    Viola

    • PiovonoPietre

      Commovente … soprattutto quel “Voi, che siete i nostri dipendenti”… Ma qualcuno li ha avvisati che non hanno votato per l’assemblea di condominio ?

      • Asterix

        Alle assemblee di condominio non ci va più nessuno perchè sono pilotate!! Tu parli e gli altri hanno già deciso prime dell’assemblea condominiale.

  • Enrico

    Non vi rendete conto che essendo in Europa le decisioni vengono prese nelle cancellerie franco tedesche i nostri parlamentari devono solo adeguar ci a banche e lobby di potere estere .abbiamo perso la sovranità monetaria ora non contiamo più’ niente solo se torniamo a stampare monete e a contare nel mondo come siamo capaci avremo un futuro il mov 5 stelle raccoglie i malumori della gente ma così non si va da nessuna parte.fuori dall’euro fore si svegliatevi,,,,!!!!!!

    • Michael

      Fuori dall’euro? Ma hai una vaga idea del disastro? Passi pure la lamentela di molti che i cittadini non sono stati interpellati per entrare nell’euro e che la manovra si è fatta passando sopra la testa di molti. Ma hai una vaga idea di dove finiremmo con la nostra economia in queste condizioni se uscissimo dall’euro adesso?

      • Eccone un altro che guarda il tiggì uno e poi pensa di sapere qualcosa di economia…
        Vai a studiare, eviteresti di sparare enormi stupidaggini!

        • MARIO

          meno male che c’è lei che ci illumina d’immenso::::::::::::!!!!!!!!

          • ENRICO

            mi occupo di economia per lavoro e la teoria della sovranita monetaria vicina alle teorie kenesyane non e solo esercizio economico ma si basa su fatti concreti esiste gia un piano di uscita dall’euro …..

        • Michael

          Scusa Saverio, tu sai per caso chi sono Norbert Wiener, Claude Shannon, Heinz Von Foerster, Douglas Hofstadter, Edgar Morin, Mauro Ceruti, Erwin Laszlo, Stuart Kauffman, Ilya Prigogine, Alberto Adinolfi? E’ solo una domanda, non è provocatoria, se vuoi ripondere…

    • germana

      immagino che in questo senso anche il SOLE 24 Ore dica stupidaggini quando descrive lo scenario catastrofico che comporterebbe l’uscita dall’euro. Magari Enrico potrebbe spiegare qualcosa a questi giornalisti saputelli che pensano di saperla lunga in materia di economia…. ops, dimenticavo, potrebbero essere tutti in malafede

      • enrico

        punto prima i giornalisti sono ” dipendenti” e scrivono quello che gli dicono i loro direttori ,e ci mancherebbe il contrario punto secondo vorrei conoscere un italiano che a tratto benefici dall’euro a parte tutti quelli che hanno potuto fare il campio 1000 lire un euro!terzo se non sono padrone della moneta come per esempio stati uniti e giappone come ne vengo fuori da una recessione se devo chiedere soldi a tassi del8%
        altro punto mi sai dire come mai siamo finiti in un buco nero di questo tipo se fino al 2000 eravamo la settima potenza indusrtiale al mondo.La germania a speso una quantità di miliardi di marchi dopo l’unificazione per mettere i conti in regola nio dobbiamo sottostare a patti di satbilità e fiscalcompact…..fate voi!
        NB PER I POLITICI CHE RUBANO ALTRO DISCORSO GLI DAREI L’ERGASTOLO ma questo non centra con l’economia

        • germana

          spero che quando dici “mi occupo di economia” tu non sottintenda “l’ho studiata a scuola”….. non ho ancora perso del tutto fiducia nel nostro sistema scolastico, ma discorsi come i tuoi… insisto, ho ancora fiducia nel nostro sistema scolastico
          ps: mancano un po’ di h ma suppongo che tu le abbia perse nella foga

          • enrico

            scrivo d’istinto odio il compiuter e spesso faccio errori perchè non ricontrollo , ma a parte questo ti consiglio di vedere le teorie kenyesiane sul debito,crescita imposizione fiscale e prova a valutare le teorie della M M T economy troverai degli spunti interessanti non è detto che funzioni tutto è perfettibile però rimango dell’idea che la sovranità monetaria e un caposaldo per ogni Stato ….

        • Michael

          Scusa Enrico, fai il giornalista? Vivi in una redazione?

          • Marzio

            Da ex dipendendete del giornale di cremona non male il tuo commento

        • Michele Scolari

          E’ vero Enrico che i giornalisti sono “dipendenti” (quando sono fortunati, altrimenti sono collaboratori freelance), ma ti ricordo che, oltre alla linea dettata dal direttore e dall’editore, sono anche altro. In primo luogo, i giornalisti sono, o dovrebbero essere, anche cervelli pensanti, per cui, se il direttore è davvero tale cerca un punto d’incontro tra la linea della testata e l’opinione del giornalista che si discosta da essa (quando lo fa per riportare la verità). In secondo luogo, la professione è regolata da una deontologia, un insieme di norme (le varie Carte firmate dall’Ordine). Quindi, il giudizio forse è un poco più complesso di quello che normalmente sarebbe il rapporto direttore-dipendente in una normale azienda.

          • enrico

            non era mia intenzione gettare la croce sui giornalisti.Alcuni di loro sono seri professionisti che a volte rischiano la vita per portare la cronaca nelle nostre case ,ma è anche vero che una minoranza molto ideologizzata ma agguerrita cavalca il malcontento per creare nella pubblica opinione una consapevolezza distorta della realtà facendo del” terrorismo ” mediatico che nuoce al paese. Ribadisco l Euro cosi concepito è una sciagura per molti non per tutti ma la situazione della crisi e la mancanza di prospettive per milioni di giovani contrasta con l’arrichimento delle banche e dei poteri finanziari che reggono le sorti del mondo almeno questo spero i grillini siano daccordo !!

        • Michele Scolari

          Enrico, personalmente conosco il pensiero di Keynes soltanto superficialmente, ma che uscire dalla zona Euro adesso sarebbe un disastro immane lo sostengono anche personaggi del calibro di Nouriel Roubini e Jean Fitoussi. Tradotto: economisti che non mi pare abbiano un particolare “interesse” a reggere le sorti del mondo. Chi ha questo interesse, invece, potrebbero essere gli istituti bancari internazionali per i quali Casaleggio è referente e consulente (anche se la stampa non mette in luce più di tanto questo aspetto): Goldman Sachs, Jp Morgan, ecc. Istituti che vanno annoverati tra quelle «banche e poteri finanziari che reggono il mondo». Spero proprio che i grillini di questo se ne accorgano (come spero si accorgano dei rapporti di Casaleggio con la massoneria nera, la Gran Loggia degli illuminati di Di Bernardo, le connessioni con il movimento Gaia del Nuovo Ordine Mondiale, ecc.). Cose piuttosto inquietanti, se uno ha l’obiettività per indagare un po’ senza lasciarsi ubriacare dalla folla. Non ti sei chiesto perché dagli Usa plaudono e promuovono il fenomeno Grillo? Loro dicono che è colui che può bloccare l’austerity e far ripartire l’economia. Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia: molti magnati della finanza statunitense plaudono qualsiasi cosa possa indebolire la Zona Euro, giacché il contrasto euro-dollaro è tutt’altro che sopito. E’ vero che Il Sole 24 Ore è il quotidiano di Confindustria, ma non sarei così sospettoso sulle sue previsioni. I sospetti, piuttosto, li rivolgerei verso la Castaleggio & Asociali, per le ragioni che ho già detto sopra. Ho fatto delle domande a Grillo sui rapporti di Casaleggio con quelle realtà (banche e massoneria): nessuna risposta ricevuta, per ora.
          Quindi, usciamo pure dall’Euro. Poi però credo ci saranno parecchie cose che rimpiangeremo amaramente. Ad esempio i 2 euro al litro per la benzina di cui ci lamentiamo ora. Francamente, te lo dice uno che va per lo più in bici e che le poche volte che usa la macchina va a metano. Ma ci sono ancora molti, troppi, che per lavoro si spostano in auto. Loro come faranno? Certo si potrebbero potenziare i mezzi pubblici e le ferrovie, ma allo stato attuale sembra impossibile.
          Con tre milioni di disoccupati (in aumento), un quadro politico-economico ai massimi dell’instabilità dalla Grande Depressione del ’25 e la criminalità organizzata ben radicata anche nei territori settentrionali (inclusi parecchi Cda delle Partecipate degli Enti locali) pronta a speculare su tutto e su tutti non mi pare una grande idea uscire adesso dall’Euro: a meno che non venga preparato il terreno adatto PRIMA di fare il salto. Ma preparare il terreno significa tener conto di TUTTE le incognite e tutte le variabili, perché non viviamo in un mondo deterministico ma in un mondo probabilistico, complesso, imprevedibile e non integrabile.

          • ENRICO

            In questi giorni nella civilissima Germania si sta sussurrando la possibile uscita selettiva dall’euro come moneta comune cercando di salvaguardare gli investimenti e le aziende nazionali ponendo un freno al salvataggio dei paesi in difficoltà.
            Pare che i tedeschi considerino non positivo aiutare oltre misura alcuni paesi in diffioltà quindi se tanto mi da tanto dobbiamo preparare il terreno ad una uscita dall’euro ma non in modo drammatico, ma attraverso un percorso graduale che salvaguardi le famiglie e le aziende ,dando potere all Banca d Italia di trattare i tassi di cambio futuri e ritornando a stampare moneta ,che farebbe salire l’inflazione , che da sempre nei momenti di difficoltà a stata un volano per la crescita di un paese. Certo non è carino fare un passo indietro ma è inpensabile continuare di questo passo..

          • Qualunque ma non qualunquista

            Perfetto, con una preparazione adeguata del terreno si può mettere a coltura l’idea. E secondo te, nello specifico, come si possono sviluppare i vari punti del percorso graduale? Intendo, nello specifico

  • tootsie

    domanda: ma se il programma m5s prevede che i condannati non debbano mettere piede in parlamento, cosa ci fa il signor giuseppe mario grillo quale unico dialogante, ancorchè condannato a 1 anno e 3 mesi per omicidio colposo (condanna ratificata in cassazione nel 1988, confermato da lui medesimo nel 2005)?
    chi risponde? la cassazione? casaleggio? i neo eletti m5s (unici referenti scelti dai votanti ergo legalmente riconosciuti), oppure i tre defunti (2 adulti e il loro figlio)?

    ps: le e-mail spammate e gli appelli on line fanno sempre la loro bella figura… soprattutto quando, proprio grazie alla ‘rete’, tanto osannata, è possibile scoprire siano presentati a nome e per conto ppi, alias viola tesi, i ‘niù’ pirati testè sbarcati sul pianeta italia… ciò non toglie possa contenere proposte valutabili 😉

    • valerio

      grillo l’ha detto + di una volta che non si candidava x’ condannato

      • MARIO

        ma se è condannato perchè vuole andare a parlare con Napolitano………..??
        Cosa gli dirà…….??
        Sono condannato.ma parlo lo stesso con Lei……..????

    • Michael

      Se osservi lui non è candidato proprio perché non può. E forse qui sta la ragione della sua reticenza ad onorare il proposito espresso in precedenza, di ritirarsi. Quella di Garante è un’ottima posizione che gli permette di continuare a tirare i fili pur non potendo candidarsi…

      • MARIO

        a me risulta che il garante deve essere meglio del garantito…………o NO………..???????????

        • Michele Scolari

          Non fa una grinza… 🙂

  • Peter

    Caspita! Viola Tesi da poche ore la sua lettera è sul web e già 200.000 adesioni.

  • sandra

    E al Pd farebbe gola mettere le mani e piedi sul M5S. Gia’ intravedono affinita’, somiglianze, le stesse battaglie da combattere. A me pare invece che di affinita’ proprio non ce ne siano : a partire dalla politica economica per arrivare alla giustizia il programma M5S secondo l’ interpretazione originale grillina e’ molto piu’ affine a posizioni come la MMT di Barnard sull’ euro e alla responsabilita’ civile dei magistrati in fatto di giustizia.
    Attenzione perche’ tra le politiche filomontiane e la legalita’ intesa come sostegno sempre e comunque all’ Anm del Pd e le scelte del M5S c’ e’ un abisso , che sia Bersani o che sia Renzi a giudare il carro non fa molta differenza .
    Che poi invece il populismo venga percepito come filosocialismo riformatore , questo e’ un problema di comunicazione, anzi di ambiguita’ comunicativa grillina.
    Ma le aspirazioni neogrilline dei Pd temo siano destinate
    a rimanere frustrate.

    • MARIO

      lei si……….che se ne intende…….pendiamo dalle sue labbra di plastica………….!!!!!!!!!!!

      • sandra

        tu pendi per conto tuo, perchè di plastica hai la scatola cranica, il contenuto invece è marmellata di asparagi.

        • Michael

          Attegiamento perfettamente grillico Sandra: arrogante, volgare e presuntuoso…

        • MARIO

          Gli asparagi si possono anche mangiare,ma la tua testa non la mangiano neppure le formiche rosse……..!
          ciao sandrina delle mie brame………..!!

  • Barby

    Tranquilli, i grillini voteranno la fiducia al PD (uno dei partiti maggiormente attaccati da Grillo in campagna elettorale, quello dello scandalo MPS, quello che era la stampella di Monti, ecc ecc), si accorderanno su quali poltrone ad uno e quali all’altro (tipo copasir, vigilanza rai, camera o senato, ecc ecc) e racconteranno che lo faranno perchè nel programma ci sono anche loro punti comuni, perchè meglio così che un Monti Bis, perchè meglio così che un Governo PD/PDL, perchè meglio così che Berlusconi al Governo

    Ma non dovevano spazzarli via? Il Pd non era il male? Bersani e i suoi compagni non sono morti che parlano?

  • Angela

    A me risulta che il 26 Febbario a Roma la Finocchiaro per il pd e LUPI per il PDL abbiano cominciato una serie di incontri per vedere se è possibile formare il governissimo.

  • danilo

    Il manuale di tecnica politica Grillo-Casaleggio non prevede alleanze nè con il PD nè con il PDL . Siamo in presenza di un avvenimento davvero epocale : la nascita del terzo polo , impresa mancata da Monti e dai centristi ma riuscita , perfettamente riuscita a Grillo e a Casaleggio.
    E quindi Toninelli è perfettamente in linea : per ora non si pone alcun problema di governabilità , ci pensa già Monti a garantirla e sotto sotto così va bene per tutti, tranne per Bersani che è in una posizione di forte imbarazzo e di stallo. Ma credo che la sua testa soddisferà il popolo , il PD e anche il PDL.
    Dopodichè Grillo sarebbe un dilettante se si ponesse un problema che in questo momento compete a Napolitano , a Monti e a Bersani nell’esatto ordine in cui li ho citati.
    E i mercati ? Mica sono un problema di Grillo. E l’economia ? se peggiora IL M5S ha solo da guadagnarci in vista di elezioni anticipate di qui a pochi mesi.
    Perchè fermarsi al 25 se si può arrivare a sfiorare ilo 40 % ?
    Poi si vedrà. Ma al momento questo non è un problema di Grillo.
    E’ solo un problema degli italiani.

    • MARIO

      E tu dove vivi..???????
      Caro mio se ora non hai problemi………prima o poi ti arriveranno…..e ringrazierai il guru…………che arriva a Roma in vagone letto…….come già visto in passato………..!!!!!!!!!!

    • Michele Scolari

      Epocale? Sì, epocale sarà quello che succede se Casaleggio (la cui società è una propaggine della Gran Loggia degli Illuminati di Di Bernardo) riesce dove Gelli, fortunatamente per noi, aveva fallito… Ma Lei si informa? Come interpreta, ad esempio, il radicalismo con cui vogliono tagliare (meglio dire indebolire?) i contributi statali alla stampa??? E la televisione unica??? E il partito unico???? Comincia a capire, solo da queste due o tre domande, il l’altro significato del motto “uno vale uno”???? Si rende conto che la rete, se usata a fini disonesti, è peggio delle televisioni di Berlusconi per arrivare a controllare un intero paese (e Casaleggio è un guru delle strategie di rete)?
      Mi spieghi una cosa caro signore: il regolamento prevede che alle consultazioni vadano un manager e un comico (infischiandosene della legge come mi pare abbiano fatto altri personaggi che hanno funestato l’Italia del secolo scorso) o che vada un candidato???
      Mi può spiegare perché Beppe Grillo non si fa da parte e lascia che siano gli eletti a governare e prendere decisioni?
      Mi spiega perché il Partito Pirata ha detto che Casaleggio è referente per banche internazionali?
      Mi spiega perché Casaleggio ha lasciato buchi da milioni di euro nella precedente gestione della Webegg per spese, a quanto dicono i suoi ex colleghi, piuttosto folli?
      Mi spiega i rapporti di Casaleggio con la massoneria nera?
      Queste sono le ombre che possono portare a una svolta epocale non certo felice. Quello che ha vissuto mio nonno negli anni 20 e 30 del secolo scorso e quello che ho vissuto io sotto Berlusconi mi dicono di tenere le antenne ben dritte….

      • danilo

        Io non ho la facoltà di spiegare nulla . Ma lei , anche se la pensa diversamente , deve riconoscere che la creazione del terzo polo in Italia è un avvenimento epocale, perchè nessuno in Italia, prima di Grillo, c’è riuscito. Se poi sia un bene , un male , o sia ininfluente, giudicherà la storia.
        A proposito , capisco le sue doglianze , ma lei vada a chiedere ai clienti e agli azionisti di Montepaschi, e prima ancora di Fondiaria Sai , e prima ancora di Unipol Banca , come si sono sentiti, cosa hanno provato e quali sentimenti nutrono verso Bersani e i suoi compagni di merende.
        Se non parliamo ancora di linciaggio è perchè gli italiani sono un popolo mite…

        • Michele Scolari

          Posso perfettamente capire come clienti e agli azionisti di Montepaschi possano sentirsi nei confronti non di Bersani ma dei responsabili del Pd coinvolti nella faccenda. Detto questo Le chiedo: e che c’entra col discorso che ho fatto sopra? Mica ho detto «era meglio votare il Pd». Ho solo fatto delle domande, alle quali peraltro neppure Beppe Grillo, al quale mi dicono sono state inviate, ha risposto. E le assicuro, con buona approssimazione, che se il loro scopo fosse quello di realizzare ciò che Gelli non è riuscito a concretizzare, potrebbe essere ancora peggio, molto peggio dell’immane disastro Montepaschi…

        • Michele Scolari

          Soggiungo, sempre a proposito del disastro MPS, che non c’entra solamente il Pd ma anche il maggior correntista dell’Istituto, un certo Silvio Berlusconi, e il suo faccendiere Denis Verdini. Non dimentichiamo anche la parte che hanno avuto questi personaggi…

  • PiovonoPietre

    “Pensate a quale indignazione, sdegno, preoccupazione per la democrazia, petizioni di Micromega all’Onu, copertine dell’Economist, articolesse di Barbara Spinelli, giuramenti sulla Costituzione di Dario Franceschini, richieste di Caschi Blu, preoccupazione delle cancellerie europee, convegni morali di Zagrebelsky, trasmissioni di Gad Lerner, fibrillazione dei mercati, pamphlet della De Monticelli, condanne Osce, sgomenti della filosofa Marzano, documentari della Guzzanti, downgrading delle agenzie di rating, bavagli e post-it di Repubblica ci dovremmo sorbire se al posto di Bersani ci fosse Berlusconi avanti di uno zero virgola, senza maggioranza e pateticamente in ginocchio da Grillo.” (da Camilloblog.it)

  • Alan

    Volevo dire ad “io vi guardo” che la punteggiatura è messa in modo non correttro nei 2 interventi. Pregasi rivedere.

  • Andreina

    Che faccia da schiaffi

  • Yuppie

    Diffidate da lui: non ha gli Oliver People.

  • Meridionale benestante che studia ingegneria a Cremona

    Papà non sa che in realtà, invece di studiare, faccio le orgie =)

    • Andreina

      Con il 75% delle tasse trattenute in lombardia, gente come lei, mantenuta da chi lavora, tornerà forzatamente a coltivare arance

    • danilo

      Papà lo sa benissimo, proprio perchè è tuo padre e a suo tempo faceva come te, anzi meglio di te. Non sottovalutare i papà.
      Quanto alle mamme, beh…, qui il discorso si fa complesso !

  • QuiQuoQua

    Incredibile! Berlusconi che nel 2006 ha fatto cadere il Governo Prodi pagando 3.000.000 di euro al senatore de Gregorio.Quindi il Governo Prodi non è caduto per colpa dei comunisti. Adesso Berlusconi, propone come presidente del consiglio Matteo Renzi per un governo di larghe intese PD+PDL*+Monti.

    • danilo

      Come sempre , quando andiamo a leggere il nome del giudice che ha riaperto un indagine già archiviata presso un’altra procura , troviamo un nome che è una garanzia : Woodcock. Non sto a fare la traduzione letterale dallo slang , perchè non sta bene ,ma mi sono chiesto quante indagini di rilevanza nazionale ha aperto questo funzionario dello Stato, pagato con soldi pubblici, e quante indagini hanno trovato una conclusione che non fosse l’archiviazione, fermo restando le spese a carico dello Stato, cioè di tutti noi contribuenti.
      Mi consente di esprimere qualche perplessità al riguardo ?

      • Tumaas

        Forse avrai ragione sui giudici inconcludenti, ma perchè il degregorio adesso racconta sta favola? Se poi di favola non si trattasse e uscissero anche le prove…

  • Marta

    Per il Grande Toninelli. Io ho votato Grillo alla Camera e al Senato e, una brava persona che è l’esperto Maroni per la Lega Nord alle Regionali. Prima il Nord…..

    • Topolin

      E’ una balla dire prima il nord! L’Italia è una, sola, indivisibile.

      • Andreina

        Quale sarebbe il nord?

      • Marta

        se cede il Nord va alla malora tutta l’Italia. Cerca di capire, W il Nord, W il Sud, W le Isole, ma prima il Nord per salvare l’Italia….

        • QuiQuoQua

          Ma cosa caspita hai bevuto!!!

          • Marta

            basta accorgersi guardando le necessità e i fatti già di per sè fin troppo chiari!

  • Gianni

    Tranquilli, avremo un governo, sia pur figlio dell’abbraccio incestuoso tra Pd e Pdl. Ma sarà un caso che quando la Sinistra era al potere non ci ha manco provato a fare una legge sul conflitto di interessi e non ha minimamente dato fastidio a Mediaset e alla sua posizione oligopolistica? I burocrati del Pd ci hanno già fatto l’abitudine a governare in condominio con Berlusconi!

  • germana

    “Se un governo è messo insieme, formato da altre parti, il movimento cinque stelle voterà per tutto ciò che è parte integrante del suo programma”. Così Gianroberto Casaleggio, al Guardian, chiude la porta a una eventuale alleanza di governo con Bersani.
    CASALEGGIO ?????? qualcuno ha votato Casaleggio ? era candidato ? ma i grillini eletti hanno diritto di parola o solo dovere d’obbedienza ???????

    • Michele Scolari

      Grillo ha nei confronti del Movimento, che indubbiamente lui ha contribuito a creare, un rapporto come quello di molti padri, che non accettano la crescita dei propri figli, e, talvolta, non accettano che i figli diventino pià grandi di loro. Il Movimento 5 Stelle, come ha ricordato Wu Ming qualche giorno fa su l’Internazionale, fin ora ha mantenuto il sistema. Può sembrare un paradosso ma non è così. Grillo e i suoi hanno intercettato il malumore e la rabbia dei cittadini incanalandola e così facendo hanno evitato che esplodesse come nella primavera araba, negli indignados o negli occupy. E’ stata cioè impressa una forma (il problema della forma è importantissimo) a qualcosa che altrimenti sarebbe stata una marmellata informe. Ora però il Movimento 5 Stelle è arrivato in parlamento, è ora di governare, e perciò è ora che Beppe Grillo e l’ombroso Spin Doctor tolgano la formina e lascino che la creatura viva di vita propria. Se Grillo e Casaleggio credono davvero nella rete e nell’autorganizzazione (self-assembling) devono fare questo passo: da questo si capirà se il loro agire è guidato da uno spirito disinteressato oppure se ha secondi fini (spero tanto nella prima). Grillo deve comunque capire che il destino del Movimento è legato al suo: se non si ritira il Movimento prima o poi si sfalderà con lui, con innumerevoli altri casi “Favia” o “Salsi”…

      • germana

        infatti sto aspettando di sentire la voce degli eletti del M5S. Per ora continuo a sentire Grillo che dice che l’Italia è al collasso, COME SE NON LO SAPESSIMO GIA’ !. Qualcuno dovrebbe dirgli che siccome la campagna elettorale è finita adesso servono solo INIZIATIVE, non proclami, men che meno disfattisti, per far tornare a crescere questo Paese. Invece l’unica voce altisonante che abbiamo sentito è stata quella di Casaleggio che dà la linea politica dalle colonne del Guardian …. Casaleggio chi ??????

        • Michele Scolari

          Ho letto anche delle indicazioni che Casaleggio si è ostinato ad impartire nell’intervista al Guardian. Lei ha ragione, e non solo per le sue conclusioni. Il fatto che Grillo e Casaleggio non rilascino interviste alla stampa italiana ma solamente a quella internazionale potrebbe avere un duplice obiettivo: evitare qualsiasi contradditorio nel proprio paese (davanti ai propri concittadini) e, contestualmente, incrementare la propria visibilità all’estero. Il fine ultimo potrebbe essere l’aggancio alla rete (ora in costruzione) del movimento Gaia – New World Order. Allora la faccenda comincerebbe a farsi davvero seria…

          • Pluto

            Se PD e PDL dicessero: “Legge elettorale subito, via i finanziamenti retroattivi, due legislature e mandiamo fuori tutti quelli che hanno più di due legislature, così noi appoggiamo qualsiasi governo, Ma scherzi. Non faranno masi queste cose. Loro bluffano, hanno bisogno di tempo, ma non faranno mai queste cose. Sul sito di Focus si legge esattamente questo.

          • germana

            ma gli eletti del M5S dove sono ? vogliono farsi carico della loro nomina e del loro ruolo o aspettano i diktat dei loro marionettisti ?

          • germana

            ma Casaleggio vive nella realtà virtuale ? Orwell (1984) si era limitato a scrivere, lui pensa davvero di realizzare quello che pubblica in internet (GAIA), forte anche del fatto che le persone non amano leggere (un’altra profezia che si avvera – Bradbury Fahrenheit 451) per cui non possono fare tesoro della fantascienza illuminata di Orwell ? dobbiamo solo avere fiducia nella lucidità, autonomia e onestà intellettuale dei grillini e sperare che si accorgano quanto prima che “il re è nudo ” (ma armato….)

          • Michele Scolari

            Le faccio i miei complimenti “Germana”. Lei è uno/a dei pochi/e che, con i suoi ragionamenti, si mantiene lucido nei giudizi mostrando un po’ di obiettività, senza unirsi all’ubriacatura generale… Che poi è ciò che serve in periodi di forte instabilità sociale ed economica come questi. Usare lo stomaco per mangiare e la testa per ragionare…

          • germana

            grazie dei complimenti 🙂 comunque in questo piccolo spazio siamo almeno in due a credere che lo stomaco e la testa hanno funzioni diverse, pur nella reciproca necessità e utilità…. naturalmente non siamo gli unici a pensarla così, forse è solo che chi ragiona con lo stomaco, o come si suol dire con la pancia, è più rumoroso 🙂

          • Annalisa

            Finanziamento ai partiti:

            MoVimento 5 stelle
            42.7000.000 EURO RIFIUTATI

            PD
            45.800.000 EURO NON RIFIUTATI

            PDL
            38.000.000 EURO NON RIFIUTATI

  • Pluto

    Il codice di comportamento per i parlamentari del M5S si ispira alla trasparenza nei confronti dei cittadini attravertso una comunicazione puntuale sulle scelte politiche attuate con le votazioni in aula. I parlamentari dovranno pantenere una relazione con gli iscritti tramite il recepimento delle loro proposte durante l’arco della legislatura. L’obittivo principale dei parlamentari eletti è l’attuazione del Programma del M5S, in particolare per i principi della democrazia diretta come il referendum propositivo senza quorum, l’obbligatorietà della discussione parlamentare con voto palese delle proposte di legge popolare e l’elezione diretta dei parlamentari.

    • PiovonoPietre

      ‘mbè ? questo è metodo, strumento, ma i contenuti dove sono ?

      • QuiQuoQua

        A cosa sarà servito avere le mani pulite, se le avremo tenute in tasca. ( don Lorenzo Milani)

        • germana

          esatto ! ho sempre guardato a don Milano come ad un faro di saggezza e lungimiranza 🙂 a parte che se le mani le tengo sempre in tasca gli altri devono credere che sono pulite ma non possono verificare……

          • germana

            volevo dire don Milani, ovviamente….

          • Michele Scolari

            Don Milani credeva nella mitezza non nella rabbia. Credeva nell’impegno, non nel vaffa che sfoga ma nulla più. Credeva nel linguaggio non nel peto e nel rutto. E credeva, soprattutto, nel “fare”, il quella craftmanship che è la facoltà di vedere cose che ancora non ci sono per introdurre un reale cambiamento. Quello di Grillo, invece, è stato il contrario delle primavere arabe, degli indignados e degli occupy. Ha intercettato la rabbia, l’ha incanalata e, paradossalmente, fin’ora ha mantenuto il sistema anziché sconvolgerlo.

  • Pluto

    L’indennità parlamentare percepita dovrà essere di 5 mila euro lordi mensili, il residuo dovrà essere restituito allo Stato insieme all’assegno di solidarietà (detto anche di fine mandato). I parlamentari avranno comunque diritto a ogni altra voce di rimborso tra cui la diaria a titolo rimborso delle spese a Roma, rimborso delle spese per l’esercizio di mandato, bernefit per le spese di trasporto e di viaggio, somma forfetaria annua per spese telefoniche e trattamento pensionistico con sistema del calcolo contributivo.

    • germana

      direi che è inutile che i grillini eletti si mettano a fare il conto della indennità se non votano la fiducia…. come pensano di governare ? per grazia ricevuta ?

    • danilo

      Il parlamentare grillino percepirà comunque ogni altra indennità parlamentare. La sua busta paga finale supererà gli undicimila euro mensili.

      • germana

        sempre che i loro padri/padron (adesso si è materializzato anche Casaleggio a raccogliere il plauso e la devozione) non decida che devono tornarsene a casa subito ……

      • Michele Scolari

        Scusate, leggevo nei giorni scorsi su un quotidiano che «dopo tanto urlare» (parole testuali del giornalista) lo stipendio degli eletti parlamentari M5S si “abbassa” rispetto a quello degli altri “solo” di 2.500 euro (dato che manterranno la diaria, i rimborsi spese ed altre cose). Qualcuno mi può illuminare a riguardo? E’ vero quanto ho letto?

        • danilo

          unidicimila euro mensili, forse qualcosa di più. Questo sarà quanto incamereranno Toninelli e i suoi colleghi ogni mese. Importi netti, naturalmente.
          Alla faccia dell’antipoltica…

          • Michele Scolari

            esatto! E’ proprio dove volevo arrivare! Tanto rumore per (quasi) nulla. Una svolta vera e propria ci sarebbe se portassero gli stipendi parlamentari al massimo a 2.500 euro (già tanti, per come la vedo io). Ma così… sarà pur “grillismo” ma non è coerenza…

          • Pluto

            945 tra onorevoli e senatori Se dovessero percepire tutti 2500 euro in meno sarebbe:

            2500X12 2362500 al mese

            2362500X12 28.350.000 all’anno che lo Stato risparmia solo su mensile senatorie parlamentari

      • Michele Scolari

        Ecco, scusa: 11mila euro mensili? Magari mi sbaglio però mi vien da dire: alla faccia dei tagli ai costi della politica…

        • germana

          il problema, secondo me, è che se non si fa un governo non si possono fare i tagli alla politica, è un serpente che si morde la coda…. Grillo sta parlando per “riempire il tempo” e non far calare l’attenzione su di lui e il movimento, vorremmo vedere i fatti. E basta con quel “tutti a casa”, perché nel “tutti” ci sono anche i suoi grillini. A proposito, ho letto che il referendum sull’uscita dalla EU si farebbe online… poco male, non produce nulla… più o meno come Sanremo…

  • QuiQuoQua

    Nel Lazio il Movimento 5 stelle vince il ricorso per le schede annullate. Migliaia di voto annullati con la scritta Beppe Grillo assegnati al Movimento 5 stelle in base all’ ex articolo 64 del DPR 570/60.

    • elia sciacca

      era ampiamwente previsto il nome di grillo nello spazio della lista apposito è un rafforzativo, e non un segno di riconoscimento come stabilito da molti miei colleghi presidente di Seggio elettorale .

      La validità dei voti contenuti nella scheda deve essere ammessa ogni qualvolta se ne possa desumere la
      volontà effettiva dell’elettore, salvo il disposto dei commi seguenti.
      2. Sono nulli i voti contenuti in schede:
      1) che non sono quelle di cui agli allegati [ A) e B) ] 151 o non portano la firma o il bollo richiesti
      rispettivamente dagli articoli 47 e 48;
      2) che presentano scritture o segni tali da far ritenere, in modo inoppugnabile, che l’elettore abbia voluto far
      riconoscere il proprio voto;

  • elia sciacca

    mi auguro che i Grillini facciano piazza pulita e controllino denunciando i furti e le spese pazze a carico di pantalone che grazie al suo menefreghismo, servilismo e ruffianismo peloso, ha permesso alla classe politica corrotta di svenare l’Italia . Ho votato Grillo e ho fatto il rappresentante di lista a Cremona , avevo previsto la vittoria di Grillo al 27% ho sbagliato di pochissimo, alla faccia di tutti gli istituti di sondaggio che davano Grillo con una fornice tra il 18% e il 19%.
    alle prossime voazioni i Grillini ragggiungeranno il 40%, chi vivrà vedrà

  • danilo

    Napolitano e Bersani per l’ultima volta in tandem tentano la missione impossibile : salvare capra, cavoli , Coop, Monte Paschi e Unipol e far fuori per sempre Berlusconi . Come ?
    Cercando l’alleanza impossibile con il M5S ,costi quel che costi . Ma naturalmente Grillo non si farà fregare . Risponderà picche e Bersani andrà a picco.
    Nel frattempo negli Usa non è stato raggiunto l’accordo tra Democratici e Repubblicani per cui dal primo marzo sono partiti i tagli automatici di spesa . Evento insignificante ? No. Perchè il cielo sui mercati internazionali si incupisce e promette tempesta e le prospettive già fosche per i titoli di debito pubblico italiani peggiorano improvvisamente .
    Siamo di fronte a un rialzo dello spread da record e a pressioni mai viste a memoria d’uomo sui mercati finanziari contro i titoli italiani.
    L’ingovernabilità un prezzo ce l’ha, in fin dei conti, anche se Toninelli può permettersi di liquidarla con una scrollatina di spalle.
    Prepariamoci dunque per un accordo capestro per l’elezione di un Presidente della Repubblica ” estemporaneo ” che sciolga le camere e indica nel minor tempo possibile nuove elezioni.
    Intanto , sul Paese, per usare un eufemismo, grandinerà.

    • MARIO

      quote latte..e alitalia.. BANCA DEL NORD..li hanno già salvati..prima.!!
      Per chi…………..?????????????????

  • MARIO

    io l’ho avevo detto e lo ripeto:
    il guru sta arrivando in “vagone letto” a Roma, ma non troverà un capo di Stato imbelle ed un esercito pronto allo stato d’assedio.
    Le conseguenze le vedremo dopo.
    La democrazia può correre questi rischi, ma gli italiani NO….!
    Sarà bene che , tenuto conto delle istanze vere proposte dal movimento “grillo”, non si dia spazio alla massoneria che ci ha già provato con gelli…………!!!

    • Michele Scolari

      Mi fa piacere vedere di non essere l’unico “visionario” a credere quanto ho scritto sotto… meno male che ci sono anche altre teste pensanti e immuni all’ubriacatura generale a base di “onestà & uguaglianza”..

    • danilo

      la massoneria ci ha già provato con Gelli,navigando sottacqua e ci ha riprovato con Monti ,addirittura dandogli pubblicamente l’endorsement.
      In entrambi i casi pare non abbia funzionato, pero’…

      • Michele Scolari

        Beh, speriamo che, qualora siano vere le connessioni tra massoneria (nera) e Casaleggio, non funzioni neppure questa volta

        • MARIO

          ma non è grillo o casaleggio che hanno scelto il movimento ma sono alcuni massoni che lo hanno preso in consegna……..!!
          per ora.

  • germana

    mandare a casa il Governo Monti per nominare Presidente del Consiglio Profumo ? :-DDDDD
    Non c’è niente da ridere, in tutti i sensi…. però c’è la speranza per C&G (Casalegno & Grillo) di mettere in piedi un Governo senza farlo votare ai grillini, mandare almeno per un po’ in Parlamento i propri eletti, che non pensa siano d’accordo di tornare subito a casa, magari a fare i disoccupati (come non essere d’accordo, sono stati eletti, non devono essere in balia di C&G)e tirare avanti un po’, alla giornata. Certo che dei parlamentari eletti che si riuniscono quasi come carbonari non si erano mai visti …..

  • El Pais

    Il laboratorio politico italiano ha partorito una novità assoluta in piena crisi delle democrazie europee: gli indignati, giovani ma non solo, hanno preso il parlamento attraverso le urne. A capo di questo voto trasversale c’è Beppe Grillo. Bollare il suo MaVimento come populista è una semplificazione inutile. La politica dei partiti agonizza assieme al diktat ultraliberista che oggi la sostiene e l’Italia, culla del diritto, della bella vita e dell’arte, l’ha capito prima degli altri. Il problema della leggittimità di Berlino e Bruxelles è evidente. Non si tratta di fermare “l’antipolitica” bisogna vedere le causde di questo movimento. Angela Merkel ha imposto ai greci,italiani,portoghesi e spagnoli un’insopportabile austerità che ha reso i cittadini schiavi senza futuro. Il grido che viene dall’Italia è il sintomo del dissenso di massa. E’ l’ora dei grillini. Governare per decreto a favore delle banche, aziende d’élite privando i giovani del presente porta a questo. La Terza Repubblica Italiana è nata. Resta da capire quanto ci metterà a propagarsi il contagio e dove attecchirà.

  • germana

    intanto che a Firenze i neo eletti M5S studiano come usare al meglio Internet per comunicare fra di loro, gruppi politici tedeschi (il loro equivalente meno rumoroso …) studiano come liberarsi della zavorra sud europea, Marchionne dichiara che se usciamo dall’euro rinuncia ad investire in Italia e Grillo che non intende votare la fiducia ….. ma dove li tiene i miliardi Grillo ? sicuramente in Italia e in euro …..

  • PiovonoPietre

    Minchia! la rete, il web, lo streaming, la password, il blog, l’e-commerce, … e poi ?
    In cerchio, a votare per alzata di mano, come per il capoclasse.

    • germana

      per le cose importanti controllo a vista 😉

  • ENRICO

    Per noi è quasi finita fra qualche mese se non ci concedono altri soldi finiamo come la Grecia perche se il 65% delle famiglie non arriva a fine mese e metà delle aziende non riesce a pagare gli stipendi vuol dire che siamo ormai ad un livello drammatico

    • Pablo

      Ma i ristoranti non erano sempre pieni per qualcuno?

      • ENRICO

        nel 2010 la situazione era diversa oggi stiamo grazie al governo tecnico scivolando verso il sud europa e le famiglie si stanno impoverendo temo che cosi facendo rischiamo una rivoluzione e come la storia insegna non c’è fine al peggio

  • sandra

    E stiamo per arrivare al dunque. E’ in corso la riunione del M5S a Villa Eur che vorebbe affidare a referendum interno la decisione di allearsi con il PD di Bersani . Che , nel frattempo, sta facendo elegantemente scouting , cioè , se a farlo fosse il PDL , compravendita di voti parlamentari.
    Il tema è l’assoluta impossibilità per Bersani di rinunciare al suo comico tentativo basato sugli otto punti in favore di Renzi. Affidandosi quindi ad ogni mezzo , non importa se lecito, per riuscirsi. Perchè per Bersani questa è veramente l’ultima spiaggia.
    La ” persuasione ” dei grillini rienta in questa strategia.
    Ovviamente se il M5S dovesse accordarsi con l’ala bersaniana del PD questa sarebbe la madre di tutti gli Inciuci , la credibilità dei grillini scenderebbe immediatamente a zero e lo sputtanamento sarebbe
    immediato.
    Ma ve li immaginate , in capo a qualche mese , i grillini nei consigli di amministrazione delle grandi coop del nord , oppure in lega coop , o nel Cda di Banca Unipol, o magari , perchè no, nel consiglio dell’ARCI ?
    Caro Toninelli, se l’ingovernabilità è un bene perchè il prezzo della governabilità è questo allora preparati a correre come una gazzella nella savana, perchè sta per partire la caccia ai grillini a partire dai loro ( poco ) onorevoli esponenti.

    • mario

      eccellente capacità di analisi………sarai proposta per il colle………………quello piccolo…………!!

      • sandra

        ?

    • germana

      se vale quello che dice Grillo il problema non si pone, questi eletti se ne torneranno a casa subito dopo aver visto la sede del Parlamento, si farà un altro giro di parlamentarie per trovare nuovi candidati con qualche decina di voti, spenderemo un po’ di soldi che non abbiamo in elezioni inutili perché non arriveranno all’auspicato 100% che Grillo ritiene necessario per governare e si ripeterà il giro… si fa per dire, perché nel frattempo potrebbero esplodere problemi molto seri e continuare a girare in giostra potrebbe diventare complicato. I grillini non parlano più di condividere o meno punti di programma, parlano solo di PD e Bersani, hanno spostato l’obiettivo, ovviamente, perché i punti del programma presentati da Bersani sono assolutamente compatibili con i loro…. Ma siccome ognuno di loro pensa con la propria testa e UNO CONTA UNO….fra di loro s’intende, con l’ ESCLUSIONE i due capi che da soli valgono per tutti e hanno rivendicano di diritto di mandare a monte tutto, compresa la volontà di chi ha eletto i grillini, se non si fa a modo loro : democratico, Watson 🙂

    • Pippo

      Ieri parlamentari del PDL davanti al Tribunale di Milano al grido:”LIBERATE BARABBA!”.

      • mario

        e fu liberato….!!

        • Bastardo dentro

          brutti liberati…

      • danilo

        Attenzione perchè Berlusconi non è Craxi . Alla pioggia di monetine stavolta il trenta percento degli italiano potrebbe rispondere a sassate…

        • mario

          E DOPO vanno a fare il bunga e ri-bunga……!!