15 Commenti

Sala Zanoni stracolma per l'assemblea Pd Poche polemiche e voglia di vincere le comunali guardando alle liste civiche

pd

foto Sessa

Il momento in ricordo di Kiro Fogliazza

Una delle assemblee provinciali del Pd tra le più partecipate, quella di martedì sera sul dopo-voto. Tanta gente in Sala Zanoni, posti a sedere esauriti, 120 persone a discutere, a parlare, a cercare di interpretare le ragioni di una vittoria ai numeri che sa di sconfitta amara. “Quando si perde – ha detto Titta Magnoli in apertura di serata – sai che non ce l’hai fatta, quando vinci ma non puoi governare e sei in una fase di stallo è ancora peggio perchè ti senti impotente”.  Ed era questa la sensazione che si è avuta dalla assemblea del Pd. Le polemiche, quelle che sono girate su facebook o su twitter nella dura contrapposizione tra frazioni dello stesso partito sia nelle primarie che in campagna elettorale, sono rimaste per ora fuori dal confronto. Qualche velato accenno in un documento della sezione Pd di Piadena, qualche mugugno rimasto però sotto traccia. Senza dubbio è servita a stemperare gli animi la sobria relazione di Titta Magnoli. Il segretario provinciale, di certo non uno che si affeziona alla propria sedia come dimostra la sua storia, ha analizzato il voto nazionale, quello regionale e i risultati locali: Bersani deve provare a trovare un accordo con Grillo su alcuni punti, la cocente sconfitta in Lombardia di Ambrosoli che ha vinto in tutti i capoluoghi di provincia – Varese escluso – ma ha perso nelle campagne e nelle valli e il Pd che resta primo partito a Crema e a Cremona. E poi la prospettiva del 2014 con il voto amministrativo in provincia, a Cremona e Casalmaggiore. “Come Martina al regionale, non mi dimetto. Se sarà necessario sono pronto a fare un passo indietro da segretario anche prima del congresso  – ha detto Magnoli – Intanto cominciamo il percorso per trovare candidati liberi e forti per le amministrative”. E, quasi a rassicurarlo, anche Luciano Pizzetti nel suo intervento ha affermato che i segretari di partito si dimettono al congresso, il luogo deputato per le analisi e le dispute politiche. “Intanto però bisogna pensare al voto anche localmente. In città il Pd era al 32% nel 2009 quando Corada ha perso, e lo è tuttora mentre la coalizione è di gran lunga sotto il 46% di allora (è al 35%). Quindi se vogliamo vincere bisogna guardare oltre il centrosinistra”. E, in corridoio, Agostino Alloni, gli fa eco sottolineando che per vincere bisogna adottare il modello Crema: proposte chiare e un civismo vero, della gente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • balubabà

    Un commento non certo volgare o illecito…” Posso dire semplicemente IL NULLA ? ” . Oppure ” A cosa è servito ?”
    Se non si dibattono davvero i problemi e non si cercano soluzioni serie tutto resta come prima o peggio di prima con tanti saluti .. a tutto.
    Contenti voi …..peccato che non lo siamo noi e la nostra città

  • porta

    Crema? Una amministrazione ferma ed inconcludente, speriamo in meglio.

  • Osservatore cremonese

    Certo che le foto dicono tutto,più che un assemblea sembra una veglia funebre,dai su ragazzi, avete solo perso le elezioni, doveva essere facile, è come aver sbagliato un rigore, succede!
    Mentre Titta Magnoli sembra il fratello segreto di Vito Crimi del M5S!UGUALE!!!Candidatelo magari qualch’uno si sbaglia e si prende qualche voto in più.

    • Lucia

      Magari era un momento di silenzio per la morte di Kiro Fogliazza…sù!

      • Osservatore cremonese

        Ok, giusto non lo ricordavo, nell’articolo non era specificato, mea culpa, anzi colpa di chi ha scritto l’articolo.

        • Osservatore cremonese

          Ecco, ora hanno messo la didascalia sulla foto.Celeri!

      • MARIO

        mi associo, Kiro ha rischiato la vita, questi rischiano al massimo lo stipendio………….e glielo ricorderemo spesso…………!!!!

  • bigio

    quando una classe dirigente SBAGLIA deve fare una sola cosa DIMETTERSI e non aspettare congressi o addurre attenuanti.

    • gorgo

      Hai perfettamente ragione: quando il gruppo dirigente di un partito sbaglia, non solo deve dimettersi ma è opportuno che passi la mano e dia la possibilità ad altri di impegnarsi costruttivamente e attivamente. A giudicare dalle facce che hanno partecipato all’assemblea in sala Zanoni, e ai nomi dei consiglieri comunali e provinciali nel PD, questo non è avvenuto negli ultimi vent’anni. Persone che hanno perso le elezioni comunali e provinciali sono ancora lì a pretendere di avere voce in capitolo. I cittadini l’hanno capito da tempo, e non potendo cambiare questo stato di cose, alle prossime elezioni comunali voteranno Grillo.
      Un plauso va comunque riconosciuto a Magnoli: ha cercato con fatica di allontanare questi signori dal partito e ha incrementato il numero di elettori votanti PD in città e provincia.

      • MARIO

        d’accordo, in effetti Magnoli a salvato l’onore del Pd:

        Il problema è che quelli che hanno contrubuito alla sconfitta alle comunali sono ancora in pista.
        E non solo …….stanno pontificando e cercano di addossare le colpe ad altri, lanciando il “soccorso rosso”.
        E nel frattempo godono di previlegi della casta e dei relativi “stipendi”.

        • MARIO

          errata corrige: lapsus calami, ci sono un paio di errori di scrittura, pensateci voi: leggendo…grazie

  • elia sciacca

    penso che il PD nel giro di qualche settimana vedrà la clamorosa rottura di renzi-

  • danilo

    La quiete che precede la tempesta . Comunali ? Ne parleremo dopo il ritorno alle urne per le politiche , dopo lo strappo di Renzi , dopo l’uscita di scena di Bersani . Ma ci sarà ancora il PD alle prossime comunali ?

    • mario

      IO PENSO DI SI: il Pd quello vero, al netto degli inciuciatori di professione, ovviamente, ed in campo da troppo tempo……!!

  • mario

    AGGIORNAMENTO,
    vista l’aria che tira, prossimamente
    potrebbe essere comunque una buona occasione per mandare a casa,chi sta inciuciando da almeno XX anni……………??????????!!!!
    Il Pd in Tutta Italia ha rinovato per il 62 p.c. e che a CREMONA il rinnovamento è pari a ZERO…………………………grazie alle co-optazione……..!!?????????