Un commento

Delitti in famiglia e femminicidi Un episodio al mese nel distretto Le vittime hanno tra i 18 e i 35 anni Il 75% di chi uccide è italiano

violenza-domestica

Nel distretto giudiziario della Corte d’appello (dove è compresa anche Cremona), un milione e 300mila famiglie, si sono registrati dal 2005 al 2012 91 eventi violenti, 55 omicidi e 36 tentati. Un episodio al mese. Il triste primato è nel Bresciano, che è in testa alla classifica con 22 omicidi e 18 tentati. A seguire ci sono Bergamo con 15 e 9, Mantova con 10 e 5 e infine Cremona con 8 e 4. L’incidenza del fenomeno è correlata a una maggior densità demografica, ma non solo. Analizzando i numeri emerge con forza un’altra realtà. Diminuiscono gli uomini uccisi, aumentano i femminicidi, e per le donne il pericolo è tra le mura domestiche. Le vittime sono 75% femmine. I killer maschi il 73%. I momenti dell’anno in cui si verificano maggiormente episodi di delitti in famiglia e femminicidi sono marzo, maggio, giugno, dicembre. Maggior frequenza nel weekend, quando la famiglia si riunisce. Il sabato 22% degli eventi, la domenica il 12% degli episodi. Il 54% degli eventi si verifica tra le 19 e le 6 del mattino, l’80% delle volte in casa, garage e giardino. E’ la provincia, non la città, a far registrare il 77% delle violenze.
I dati son dell’Osservatorio nazionale violenza domestica, che ha realizzato uno studio sugli omicidi in famiglia in Lombardia orientale tra il 2005 e il 30 ottobre 2012. “Case o prigioni?” è il titolo del lavoro.
Quanto all’età delle persone coinvolte, le vittime hanno in maggioranza tra i 18 e i 30 anni, mentre le mani omicide sono soprattutto di 50-60enni. Uccidono in larga maggioranza gli italiani: sono il 75%. Gli stranieri, invece, hanno una percentuale elevata per i tentati omicidi (34%). Il contesto in cui si muore di più è la coppia (50%). Il 23% dei responsabili sono ex o separati (27%). Tra i motivi ci sono gelosia, dipendenze da alcol e gioco, contrasti per motivi economici. Molto frequenti coltelli (43%) e armi da fuoco (17%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Pendolare

    Il posto più pericoloso per una donna è sua casa…è lì che vengono uccise più spesso