4 Commenti

5 Stelle e Pd verso il Parlamento Toninelli: 'Qualche grillino con Bersani' Pizzetti: 'Vado al Senato per scioglierlo' Fontana: 'La strada è strettissima'

parlamentari

Da sinistra, Toninelli, Fontana e Pizzetti

Venerdì 15 marzo l’insediamento di Camera e Senato. E i parlamentari cremonesi, protagonisti di questa fase, si stanno preparando al tour de force per la creazione del nuovo governo. Il primo commento arriva da Danilo Toninelli, cremasco del Movimento 5 Stelle, eletto per la prima volta alla Camera: “Di fiducia non se ne parla”, ha detto Toninelli relativamente all’eventuale appoggio ad un governo Bersani. “Non escludo che qualcuno del Movimento intenda votarla, e magari lo farà anche uscendo dal gruppo e andando nel gruppo misto. E’ meglio che chi non è in linea lo dica subito”, prosegue. E racconta l’assedio dei giornalisti: durante il ‘conclave’ grillino a Roma: “Non potevi aprire una finestra dell’hotel e subito sbucava un microfono. I giornalisti hanno preso d’assalto i più deboli tra di noi, e quelli hanno rilasciato dichiarazioni, senza rendersi conto che così parlano a nome del Movimento”, afferma.
“Questo è il parlamento più riformista che ci sia mai stato per caratteristiche degli eletti e per culture politiche presenti – ha commentato Luciano Pizzetti del Pd – Non c’è mai stata questa propensione al cambiamento, la questione è se si vuole farla fruttare oppure no. Se si tornerà al voto questa opportunità sparirà con il rischio di riconsegnare il governo a forze vecchie. Mi auguro che gli otto punti di Bersani siano sufficienti e che il Movimento 5 Stelle non manifesti la convergenza di governo nonostante ci sia una convergenza di merito”. E il ‘governissimo’ con Pdl può essere una soluzione alternativa? “Con il Pdl abbiamo già tentato di convergere su alcuni temi, ma non ci siamo riusciti e non ci riusciremo certo adesso. Come possiamo riformare lo Stato con persone che hanno impedito il falso in bilancio o che manifestano contro i magistrati? L’unica soluzione è il rapporto con forze nuove. I grillini non rifiutino la convergenza sulla base di un pregiudizio politico perché il paese è affamato di riforme. Per esempio, io vado in Senato con l’obiettivo di scioglierlo perché credo nel mono cameralismo”.
Preoccupata per gli scenari futuri la deputata Cinzia Fontana del Pd: “Sappiamo tutti che la strada è strettissima e via di uscita è difficoltosa da individuare, credo che per i numeri usciti dal nostro partito ci impongono di essere coloro che fanno la proposta. Sono convinta che il progetto di Bersani (io mi presento con gli 8 punti) sia un’opportunità per agire fino in fondo il cambiamento che auspichiamo. Saranno gli altri gruppi a dover stavolta dire si o no. La responsabilità dei grillini è questa: sono diventati parte dell’istituzione, ora devono fare le scelte perché è su quelle che ci si misura. Se – prosegue – riterranno di  non sostenere la proposta di Bersani è chiaro che sarà tutto più complicato. A loro rimane in capo la responsabilità di dire no a proposte sulle quali hanno costruito il loro consenso”.
Non manca da parte di Cinzia Fontana un appunto a tutte le promesse di cambiamento del Movimento 5 Stelle: dalla casa in comune, all’arrivo a piedi in Parlamento. “Sono sincera, c’è il rischio che l’attenzione sia concentrata più su questi elementi che lasciano il tempo che trovano, rispetto ai problemi veri che sono da risolvere. I deputati del Movimento 5 Stelle andranno a piedi in Parlamento? Ma dico: secondo loro io in questi sette anni con cosa ci sono andata? A cavallo?”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • danilo

    Non solo la strada è stretta ma è impraticabile perchè ormai è franata. Bersani ha avuto ottime motivazioni per puntare tutto sul M5S , prima fra tutte quella di far fuori definitivamente per via giudiziaria e sul terreno politico il rivale di sempre , Silvio Berlusconi.
    Peccato che, come la storia e i proverbi insegnano, il diavolo fa le pentole ma è deboluccio sui coperchi.
    E ora prepariamoci alla grandinata.

  • Toro pazzo

    E alla fine anche Pizzetti ci è arrivato……. Il bicameralismo all’ italiana serve solo a far casino e a dare uno stipendio a scansafatiche cronici! Quando però il senato serviva a far fuori il governo Berlusconi con l’ aiuto dei vari fini e casini chissà perché andava benissimo o sbaglio? Ora che al governo ci dovete o meglio, dovevate, andare voi, vorreste sciogliere solo il senato e magari abolirlo vista la schiacciante maggioranza che la legge elettorale che avete sempre definito una porcata vi ha garantito con nemmeno il 30 % dei voti alla camera! Sveglia….. Piantatela con le seghe mentali e tirate in piedi un governo con il PDL che duri tutta la legislatura e che faccia il meno possibile, ossia abbassare le tasse, dimezzare la spesa pubblica cominciando dalle spese della politica, e una nuova legge elettorale con il sistema maggioritario a turno unico, che gli italiani di andare a votare due volte in una settimana non hanno voglia!

  • sandra

    Sara’ anche il Parlamento piu’ riformista ( sulla carta ) , ma se poi si liquida la seconda forza politica come ricettacolo di malfattori…. Pizzetfi si tenga pure il suo Pd e il suo Bersani , vadano avanti fin dove possono , cioe’ praticamente da nessuna parte, e poi si torni al voto ,magari dopo le nuove primarie del Pd. L’ importante e’ che si faccia in fretta. A proposito : mi incuriosisce capire come pensa il Pd di risolvere il rebus del Quirinale. Con Anna Finocchiaro ? Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere. Un’ intera classe dirigente sta per fare i conti con la storia , quella con marchio Bersani deve fare i conti anche con il Pd , con il Paese, e , se gliene avanza un po’ , con la propria coscienza.

  • ENRICO

    La solita politica politicante e intanto 7 milioni di nuclei famigliari sono alla disperazione il 30% dei ragazzi non trova lavoro le pensioni sono al palo e si pensa a leggi elettorali a poltrone a presidenze varie ecc ecc… allora non vi è bastato il voto di protesta e la voglia di cambiamento cosa c….zo volete la rivoluzione in piazza !!!!!!per accorgervi che siamo al giro di boa ed è necessario cambiare passo e mentalità