10 Commenti

Corruzione sanità, la dg Mariani indagata: "Sono tranquilla: continuerò a garantire la trasparenza"

evidosped

foto Sessa

Il giorno dopo la notizia dell’inchiesta della Direzione Investigativa Antimafia di Milano su presunti episodi di corruzione connessi ad appalti e forniture di aziende ospedaliere lombarde che vede la direttrice generale dell’Ospedale di Cremona Simona Mariani indagata, ecco la nota ufficiale che arriva dal presidio cremonese. “La sottoscritta – scrive la Mariani – nella sua qualità di Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Cremona, non intende rilasciare altra dichiarazione se non quella di dirsi tranquilla e fiduciosa che la Magistratura milanese possa concludere quanto prima le indagini che la vedono coinvolta in episodi capaci di ledere la decorosa immagine professionale nonché un percorso lavorativo di costante sacrificio che ha contraddistinto il proprio operato in tanti anni di servizio per la Pubblica Amministrazione ed ha consolidato il rapporto di fiducia con i terzi”.
“Pertanto – continua Mariani – consapevole che il suo dovere primario è il perseguimento dell’interesse pubblico, la stessa ritiene necessario continuare a garantire la trasparenza nella gestione della Sanità e il bene della salute. Per tale ragione reputa indispensabile attendere, senza alcun evanescente ed istintivo commento mediatico, che l’Autorità giudiziaria proceda alla definizione della delicata fase di controllo fino all’accertamento dei fatti per i quali è, oggi, chiamata a rispondere. Pertanto, nelle more, non reputa opportuno rilasciare alcuna intervista in ordine agli eventi notori”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Pino

    anche lei è tranquilla….
    oh ce ne fosse uno che ammette di essere un ladro schifoso.
    basterebbe “avete ragione, ho intascato indebitamente dei soldi non miei”… cosi giusto per essere una persona con un po’ di autostima.

  • Enrico

    Nessuno lo ammetterà mai anche se è necessario che la magistratura faccia il suo corso pertanto non mi permetterei di dare dei giudizi a priori tuttavia è in atto una guerra fra politica e magistratura mai vista !!!,

    • Pino

      è la politica che fa guerra alla magistratura leggasi Berlusconi questo angelo candido caduto sulla terra e perseguitato dai giudici…. povero malato immaginario, l’unico in italia e probabilmente in europa ricoverato x congiuntivite!!!
      che miseria

  • Luca

    Vorrei ricordare alla redazione e a chi legge che questo personaggio (la Dottoressa Simona Mariani) prima di venire a Cremona era Direttore Generale della ASL di PAVIA, quella persona a cui le è sfuggito che il dirigente sanitario Chiriaco era il capo della ‘ndrangheta a PAVIA. Come ci si può fidare di una persona come questa che a PAVIA non si era accolta di nulla?! Il vertice della ‘ndrangheta a PAVIA lavorava al suo fianco!!!
    Bisogna dire BASTA con le nomine politiche nella Sanità!

    • Mario il garantista

      E da chi le facciamo fare le nomine ? Direttamente da te o dai tuoi compagni di bevute ?

  • diego madoglio

    la povera gente deve anche pagare i tickets per ingrassare questi personaggi.

  • Roberto

    Mio padre diceva che per niente non abbaia un cane. Ora, la sanità cremonese è tutelata efficacemente quando il D.G. del principale punto sanitario provinciale è indagato per corruzione? Non sarebbe il caso che,in attesa di un chiarimento, la sig.ra si facesse da parte? Non sarebbe il caso, visto che la trasparenza deve essere salvaguardata, che qualche altro prendesse, anche temporaneamente il suo posto? Sono domande che in Italia e solo in Italia non troveranno mai risposta. Nel nostro paese le dimissioni vengono date per raggiunto limite dell’età pensionabile o perchè il Padre Eterno chiama. E noi paghiamo.

  • Vincenzo Duchi

    La signora è tranquilla. Non c’è ragione di dubitarne: grazie alle leggi sulla prescrizione breve anche Barabba dormirebbe fra due guanciali. Il nodo è lì, la reale volontà di far pulizia da parte di un (eventuale) nuovo governo si misurerà sull’abolizione di qualunque prescrizione per chiunque sia rinviato a giudizio per reati di corruzione e simili.

  • ANGELO1

    anche qualcun altro è sempre stato tranquillo fino al momento della resa dei conti; poi sono cominciati i problemini fisici tipo congiuntivite e leggero aumento della pressione per poter scansare la giustizia, la prossima giustificazione sarà per gastroenterite acuta?

  • Mario il garantista

    Ricordo a tutti che l’ informazione di garanzia non e’ una dichiarazione di colpevolezza e che nell’ordinamento italiano vige la presunzione di innocenza. Quindi , per cortesia , rispetto per chi si trova ad essere indagato !