Commenta

Cremonese ok contro il Como, secondo successo consecutivo

cremo

Foto di Francesco Sessa

CREMONESE: Viotti, Sales, Visconti, Fietta (78’ Martina Rini), Moi, Cremonesi, Nizzetto, Baiocco, Djuric (73’ Momentè), Carlini (89’ Avogadri), Le Noci. All.: Scienza.

COMO: Perrucchini, Benvenga, Fautario, Ardito (79’ Verachi), Migliorini, Marchi, Schenetti (66’ Lisi), Scialpi (54’ Gammone), Mendicino, Tremolada, Donnarumma. All.: Colella.

ARBITRO: Minelli di Varese (Croce, Raspollini).

RETI: 15’ Cremonesi, 19’ Le Noci, 51’ Carlini, 67’ Gammone.

NOTE – Osservato un minuto di raccoglimento in memoria della mamma del medico sociale grigiorosso Bozzetti. Ammoniti: Benvenga, Tremolada, Djuric, Ardito. Recupero: 2’pt – 5’ st.

La Cremonese non sbaglia nel posticipo contro il Como trovando il secondo successo consecutivo che rilancia le ambizioni in chiave playoff proprio prima del turno di riposo previsto per domenica prossima. Grigiorossi compatti e ben determinati con il tridente Le Noci, Carlini e Nizzetto, alle spalle di Djuric, molto mobile e spesso imprevedibile. Con questi tre punti la Cremo si porta a 2 lunghezze dalla coppia San Marino-Carpi che attualmente occupa la quinta piazza e può così dare inizio nel migliore dei modi ai festeggiamenti per i 110 anni di storia.

LA CRONACA – Scienza si affida ancora una volta al 4-2-3-1, con Le Noci preferito a Caridi e Cremonesi riconfermato al centro della difesa al fianco di Moi. Dopo diversi mesi torna in campo dal primo minuto capitan Fietta, che prende il posto di un Buchel non al meglio della condizione. Primo quarto d’ora di studio, poi i grigiorossi trovano la zampata decisiva con Cremonesi che dopo aver colpito la traversa su assist di Nizzetto, ribatte in rete di testa il gol del vantaggio. Il Como non trova il tempo di reagire perchè al 19’ Djuric è bravissimo ad avventarsi su un pallone vagante e a servire al centro Le Noci che in spaccata firma il raddoppio. Cremonese su di giri e Como che non affonda soltanto per merito dei prodigi di Perrucchini che nega il tris a Le Noci, Visconti e Moi (eccezionale la respinta con i piedi sul tentativo del centrale difensivo grigiorosso).

Ripresa che inizia senza cambi e con gli uomini di Scienza subito pericolosi grazie a Carlini che buca centralmente la difesa avversaria e calcia di potenza alzando però troppo la mira. Passano 60’’ e lo stesso Carlini sorprende tutti svettando di testa sulla punizione di Le Noci e chiudendo di fatto i giochi con la rete del 3-0. Il Como prova con orgoglio a riaprire il risultato e al 67’ ci riesce con il neo entrato Gammone che, servito alla perfezione da Donnarumma, batte Viotti. Pochi minuti dopo è provvidenziale Sales a salvare sulla linea dopo un’uscita maldestra di Viotti. La spinta del Como però si ferma qui e nel finale è ancora la Cremo a sfiorare il gol con un contropiede di Momentè.

Matteo Zanibelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti