2 Commenti

Rimpasto Giunta, Pd: no alla sostituzione di Malvezzi, ridurre assessori

giunta

Rimpasto di Giunta in Comune. Il Pd preme per una riduzione del numero degli assessori. Lo mette nero su bianco in una interrogazione a firma Maura Ruggeri e Daniele Burgazzi. “Il 14 marzo 2011 – scrivono i democratici – il Consiglio Comunale ha approvato un ordine del giorno sulla riduzione del numero degli assessorati da portare da dieci ad otto. Considerato che l’assessore Zagni, dimesso, non è stato sostituito e che l’attuale vicesindaco ed  assessore all’urbanistica Carlo Malvezzi dovrà lasciare il suo incarico, essendo stato eletto Consigliere regionale, per il Sindaco si apre l’occasione per applicare l’indirizzo a suo tempo approvato dal Consiglio comunale”.
“Il gruppo Pd – concludono Ruggeri e Burgazzi – con una interrogazione chiede al sindaco, a poco più di un anno dalla scadenza del mandato, di dare un preciso segnale in tal senso redistribuendo le deleghe dell’Assessore Malvezzi e portando ad otto il numero degli assessorati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • politici al rogo

    aspetta e spera la casta vuole sempre poltrone renumerate, quindi caro PD Ruggeri e Burgazzi, mettetevi il cuore in pace poichè anche voi al loro posto avreste fatto lo stesso, siete della stessa pasta,egoisti e poltronari sino alla morte, adesso fate la sceneggiata perchè i grillini aumentano i loro consensi.

  • Sandra

    Giusta richiesta. Demagogica e populista, ma giusta. Della serie ” ma guarda tu da quale pulpito ” , pero’ ineccepibile : meno assessori in giunta , meno danni per la citta’ . Anche se al Pd converrebbe mantenere il piu’ alto possbile il tasso di litigiosita’ tra gli amici del centrodestra, che grazie a Perri e alla sua nota idiosincrasia per l’ acume politico , si stanno facendo veramente del male.
    Strada spianata per il Pd allora alle sempre piu’ imminenti elezioni amministrative ? Mah ! Un conto e’ imminenti , un conto e’ incombenti . E qualche sorpresa dal cilindro del centrodestra potrebbe ancora uscire , malgrado Perri ( e Nolli ).
    E intanto Albertoni seduto sulla riva del fiume attende ( all’ infinito ).