Un commento

Tentano un furto: quattro arresti, trovati pc rubati

attrezzi

Ad avvertire i carabinieri sono stati i residenti di via Balilla a Romano, in provincia di Bergamo, spaventati da rumori molto forti, come dei colpi a una saracinesca. In effetti era in corso un furto che è stato sventato dall’intervento dei militari. Quattro gli uomini individuati nei pressi del supermercato Coop. Alla vista dei carabinieri hanno cercato di fuggire, ma non hanno avuto fortuna. Tutti sono stati bloccati e dichiarati in arresto. Nella loro Hyundai Coupé, infatti, sono stati trovati due pc portatili rubati e arnesi da scasso, un martello e un cacciavite. Nei guai sono finiti quattro giovani, tutti con precedenti alle spalle: Massimiliano Z., 30enne residente a Castelvetro Piacentino (proprietario dell’auto), Vladyslav C., 20enne ucraino residente a Crema, e due marocchini di 22 anni: El Mehdi Reda B., di Soresina, e Charaf T., domiciliato a Crema. L’accusa per tutti è di tentato furto aggravato in concorso. Per l’italiano è stata contestata anche la ricettazione dei due pc, mentre l’ultimo dei giovani deve anche rispondere della violazione al regime alternativo al carcere dell’obbligo dimora nel comune di Crema, derivante da una condanna inflitta lo scorso dicembre dal tribunale di Roma per una rapina.
Sono in corso le ricerche per identificare i legittimi proprietari dei computer. Al processo per direttissima il giudice ha convalidato tutti gli arresti per tentato furto, disponendo il divieto di dimora nella bergamasca per l’ucraino; custodia in carcere per gli altri tre. Il processo è stato aggiornato al 22 aprile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo

    Un perfetto esempio di piena integrazione e di società multietnica nonche’ multiculturale…