Commenta

Lavoro, in aumento dimissioni post-parto: Cremona maglia nera

part

Non si arresta il fenomeno delle dimissioni di lavoratrici madri nel primo anno di vita del bimbo. Non solo: comincia a coinvolgere anche i padri. Nel 2012, infatti, osservando lo scenario regionale, oltre alle centinaia di donne hanno lasciato il lavoro 55 lavoratori, con un incremento del 1000% rispetto all’anno precedente (erano stati 5). Complessivamente si registra un aumento dell’11,3% delle dimissioni, salite a 4.980 casi (4.473 nel 2011). E Cremona, in questo quadro, risulta la peggiore. E’ quanto emerge dalle elaborazioni condotte dal Coordinamento Donne e Pari opportunità della Cisl Lombardia, sulla base dei dati forniti da Ministero del Lavoro-Regione Lombardia relativi all’anno appena trascorso.

Quanto alle ragioni dell’abbandono del posto di lavoro, il 56% si è dimesso per la carenza di servizi (853 casi), per l’assenza di una rete familiare di supporto (1011 casi), per la mancata concessione del part-time o di un orario flessibile (584 casi) e l’elevata incidenza dei costi di assistenza (323 casi).  “Oltre a potenziare i servizi per la prima infanzia, occorre affrontare il tema delle rette degli asili nido, che anche nelle strutture pubbliche hanno raggiunto livelli in molti casi insostenibili – sottolinea Brembilla -. Occorre inoltre favorire la possibilità di utilizzo del part-time o degli orari flessibili, che potrebbero anche essere una risposta per alcuni casi di crisi aziendale”.

Anche a livello territoriale la situazione è peggiorata. Con l’esclusione delle province di Lecco e Varese, dove si registra un calo (rispettivamente del 17,4% e del 2,3%), in tutti i territori della Lombardia i casi dimissioni nel primo anno di vita del figlio sono in aumento. La maglia nera spetta all’area della provincia di Cremona (+31,1% sul 2011), seguita da Brescia e Mantova (+20,6% e +20,1%), Pavia (+ 14,4%), Bergamo (+13,3%), Como (+11,2%) e Lodi (+3%). Dal punto di vista dei settori produttivi, si registra un aumento nel commercio (+19,9%) e nei servizi (+21,8%), ambiti a prevalenza di occupazione femminile, una diminuzione leggera nell’industria (-1,5%) e più marcata nel credito/assicurazioni (-36,3%) e agricoltura (-56%).

LO STUDIO SULLE DIMISSIONI IN LOMBARDIA: CLICCA QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti