Commenta

Emolinfopatie, convegno con operatori sanitari di tutto il Nord Italia

6-sala

foto Sessa

150 sono gli operatori sanitari che in mattinata hanno partecipato al convegno “Emolinfopatie di interesse chirurgico”, organizzato dall’UO di Ematologia, diretta da Francesco Lanza e dalla UO di Chirurgia Generale, diretta da Mario Martinotti.

A aprire i lavori Simona Mariani (Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Cremona) che ha sottolineato l’importanza di eventi scientifici di questa portata poiché tesi ad aprire un confronto fra realtà differenti e accrescere così esperienze e competenze di grande rilievo per i professionisti della sanità.

A seguire il saluto accorato di Oreste Perri (Sindaco della Città) e le testimonianze di interesse e vicinanza delle istituzioni locali alle problematiche oncologiche del Presidente della Provincia Massimiliano Salini, del neo Consigliere Regionale Carlo Malvezzi e il Questore Antonio Bufano.

Le relazioni scientifiche hanno riassunto i principali percorsi diagnostico-terapeutici di alcune emolinfopatie, con particolare riferimento a quelle che contemplano la chirurgia nella fase di diagnosi e terapia.  Ad essere enfatizzato è stato il ruolo della multidisciplinarietà per un ottimale approccio clinico a queste malattie ematologiche, che vedono il ruolo crescente del radiologo, radioterapista, endoscopista e chirurgo, a fianco dell’ onco-ematologo, al fine di delineare con sempre maggior accuratezza il percorso clinico dei pazienti affetti da patologie ematologiche.

L’evento è organizzato dall’Ufficio Formazione del nostro Ospedale, grazie al supporto della Direzione Strategica, il patrocinio dell’ Ordine dei Medici, della Sezione AIL Oglio Po, della Rete Ematologica Lombarda e parteciperanno importanti Medici Ematologi e Chirurghi provenienti da prestigiose strutture sanitarie del Nord Italia.

Galleria fotografica di Francesco Sessa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti