Commenta

Quarant'anni di scoutismo Festa e mostra del gruppo Cremona3

foto11

Un 25 aprile importante per il gruppo scout Cremona 3, presso l’oratorio di S. Bernardo. Per festeggiare i 40 anni di attività viene organizzata una intera giornata di festa che inizierà alle 10 con l’incontro con il vescovo Lafranconi, a seguire la Messa, il pranzo e un pomeriggio di festa con un grande “cerchio di gioia”, per rivivere i momenti più belli e spensierati. A questo proposito è già allestita una mostra fotografica che ripercorre il lungo periodo di attività. Centrotrenta gli scout che oggi gravitano attorno alla parrocchia di San Bernardo, ma il giro è molto più ampio e include molti ex scout che continuano a vivere intensamente l’esperienza. Alcuni di loro svolgono tuttora attività come capi.

Il gruppo scout Cremona3 è uno dei due gruppi Agesci (gli scout cattolici attivi in città), insieme al Cremona2 di Cristo Re. San Bernardo ha raccolto da qualche anno anche i ragazzi e i giovani del Gruppo attivo presso la parrocchia di San Michele, che alcuni anni fa ha chiuso dirottando i propri iscritti in via Brescia. Ma la storia dello scoutismo cattolico a Cremona è antica e importante, come si è reso evidente lo scorso settembre con il raduno dei due gruppi cattolici e di quello laico Cngei presso la sede di questi ultimi nel parco di via Bissolati. Come ha illustrato in quell’occasione Giuseppe Viero, memoria storica dello scoutismo cremonese, gli scout cattolici risorsero a Cremona nel dopoguerra dopo la chiusura forzata imposta dal fascismo, con la denominazione Asci. A metà degli anni  ’50 in città esistevano 4 gruppi Asci con anzianità variabile: Borgo Loreto, un altro presso l’oratorio Silvio Pellico parrocchia Duomo, un terzo al  Quartiere Po, infine dal 1956, il gruppo presso la parrocchia di S.Michele

Sempre in questo periodo anche a Cremona inizia l’attività un gruppo di guide (scout al femminile) aderenti all’AGI:  dapprima si incontrano presso l’oratorio femminile della Cattedrale, successivamente presso il Collegio Beata Vergine e più tardi presso i Padri Barnabiti di S. Luca.

Sul finire degli anni ’50, per problemi legati alla mancanza di capi chiudono i gruppo di Borgo Loreto mentre i rimanenti gruppi fanno gruppo unico presso il  Silvio Pellico/Duomo. Da tale unione inizia l’attività la branca dei Rover formando il clan “Torrazzo”, una  base per sperare in prossimi futuri capi. Nel 1965 il gruppo scout si spostò presso la parrocchia di S. Michele che divenne l’unico gruppo ASCI “Cremona 1”. Era solo un reparto di esploratori. Qualche anno dopo, nel 1966/67 iniziò presso il gruppo Cremona 1 l’attività dei lupetti.

Nel 1968, data simbolo della contestazione giovanile, una domenica di settembre un gruppetto formato da una quindicina di ragazzi s’incontrò con un giovane capo scout. La domenica successiva prima uscita, primo gioco, primo fuoco. Nasceva così, presso la parrocchia di Cristo Re, su richiesta di qualche genitore, il gruppo scout ASCI “Cremona 2”, per offrire a ragazzi e giovani, proposte e valori alternativi alla semplice protesta. Di lì a poco, nel 1972, presso la parrocchia di S. Bernardo prendeva forma il gruppo scout “Cremona 3”, di cui il 25 aprile viene festeggiato il quarantesimo compleanno.

g.b.


@RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti