10 Commenti

Proteste al 25 aprile, le associazioni partigiane condannano: 'Prevaricazione'

25-aprile

“Non ci riconosciamo assolutamente nelle modalità di tale manifestazioni che condanniamo come atti di prevaricazione. Il giorno dopo le proteste dei centri sociali in piazza del Comune davanti al palco della autorità (leggi articolo e guarda video), intervengono con un comunicato l’Anpi, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, Anpc, Associazione Nazionale Partigiani Cristiani, Anda, Associazione Nazionale Divisione Acqui. “L’antifasciasmo – scrivono – ed i valori fondanti della costituzione della Repubblica italiana, che sono alla base della nostra azione civile non e non violenta, ci impongono sempre il rispetto per le istituzioni democratiche anche quando non condividiamo le loro scelte. Netta, dunque, è la nostra presa di distanza da chiunque metta in discussione la libertà di parola dei rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni partigiane nonché la libertà dei cittadini di poter ascoltare e giudicare in piena autonomia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • TIZIANO CARINI

    Associazioni FASCISTE!Ognuno è libero!!

  • ENRICO

    ATTENZIONE CHE LA RABBIA STA MONTANDO DA PIù PARTI,OGGI SONO QUATTRO GATTI MA SE VA AVANTI COSI IL PROSSIMO ANNO VEDIAMO MAMME E PAPà CON BAMBINI ,MAGARI QUEL CETO MEDIO STITOLATO NEGLI ULTIMI ANNI
    PER INCISO NESSUN SOSTEGNO CHE LE PERSONE CHE HANNO PROTESTATO PERO’……

  • uno forse come altri

    “L’antifascismo ed i valori della Repubblica ci impongono sempre il rispetto per le istituzioni democratiche anche quando non condividiamo le loro scelte”

    Basterebbe questa frase per monumentare questo comunicato come la negazione di ogni pulsione rivoluzionaria e antifascista.

    Il fascismo si è combattutto con la mitraglietta, con i sabotaggi, coi complotti, con gli assalti, con le scritte sui muri, con la bontà del popolo e il coraggio dei ribelli; con la dialettica, con l’intellettualismo, con la critica permanente al potere. Le leggi sono venute dopo, la costituzione è il prodotto delle istituzione e non della totalità dei combattenti (che ben volendo guardate composta per la maggioranza da rivoluzionari e non da repubblicani).

    L’ANPI è ormai risaputo essersi arruolata nella polizia (ben poche sezioni gli sfuggono – una tra tutte quella di Bussoleno), speriamo almeno che non cada talmente in basso da dover bruciare le memorie della Resistenza per fare passare come veritiere le proprie arroganze ideologiche.

    Che la cronaca dica il falso è nella coerenza del potere, che le associazioni di partigiani si schierino a difesa delle autorità competenti alla legittimazione di Casa Pound in città è orrendo. Prevaricazione? lo stato si mantiene sulla violenza quotidiana, ogni atto teso alla decostruzione del suo arbitrio, rientra nel gioco della Lotta… la lotta per la Libertà!

    E comunque si chiama contestazione, niente di più niente di meno.

  • giorgino carnevali

    LETTERA AD “UNO…FORSE…COME GLI ALTRI”

    Fratello, ti presenti in cantiere (il nuovo campo di battaglia è un cantiere!) a mani vuote come ogni altro operaio, nella tua qualifica di esperto che sa vedere, ordinare, presiedere la “produzione”. Il capitale di ieri non esiste più, non ha più un nome: quello di oggi che si viene formando, porta la garanzia di tutte le braccia, di tutte le capacità, di tutte le buone volontà. Or bene, se riesci, declina parole quali: cantiere, operaio, produzione, braccia. T’assicuro che nessuno di coloro che hanno compreso le tue “vacillazioni” antidemocratiche ti chiuderà la porta del cantiere: tutti anzi saranno contenti di farti posto, il TUO posto. Naturalmente a delle condizioni, o meglio con dei doveri: e tu che sei un uomo intelligente non devi farteli imporre, ma riconoscerli in anticipo come ragionevoli e utili. TUTTO CODESTO SI CHIAMA “LIBERTA’ DI CITADINANZA”. E se qualcuno di quelli che come te sognasse di riprendere la partita di 68 anni fa, quel qualcuno non dovrebbe dimenticarsi delle atrocità commesse e perpetrate ai danni di tantissimi giovani resistenti.
    E’ “AMOR DI PATRIA”, caro fratello, e da quel sentimento si irradino VITA, AMORE, SOLIDARIETA’ e PACE, se ne alimentino l’umanità ed in particolare i GIOVANI, sentendosi essi severi custodi di
    tanto SACRIFICIO e di IMMORTALI VALORI !!!!!

  • sepp maier

    Il fascismo combattuto con la mitraglietta è caduto da un bel po’, per fortuna. Oggi pretendere di combattere “i fascismi” con penose gazzarre tipo quella di ieri l’altro fa ridere, oltre a infastidire parecchio la vista e i timpani. I guerrieri senza paura che reggevano lo striscione davanti al palco e battevano le pentole credono così facendo di provocare l’annullamento della giunta Perri, del Pdl, dei milioni che lo votano e di Casa Pound?

    • Jhonny

      Mi sa che non hai colto il commento.
      Comunque i “contestatori” sono gli ultimi a quali imputare l’agibilità di Casa Pound in città; in base ai tuoi gusti puoi giudicarne le modalità, ma almeno loro ci hanno provato. Trovo molto più preoccupante il fatto che L’ANPI non abbia preso posizione sull’insediarsi dei fascisti in via Geromini

      • sepp maier

        Le “modalità” dei “contestatori”, che si sentono depositari della Verità, consistono nell’impedire ad altri di parlare, vedere, ascoltare. Questi “altri” erano in molti in piazza del Comune e avrebbero preferito vivere diversamente il 25 aprile. Ebbene sì, anche ascoltando i discorsi istituzionali. E’ un delitto? Invece hanno dovuto sorbirsi quella bella sceneggiata. Oltretutto velleitaria, perchè, torno a dire: piaccia o no (a me no) metà Italia e metà Cremona sta a centrodestra e non la cancelli a suon di pentole, anzi forse le fai un piacere.

  • Emma Goldman

    E nel frattempo al cimitero la messa FASCISTA con cordoglio di FASCISTI al seguito…

    http://www.cremonaoggi.it/2013/04/27/al-cimitero-raduno-per-mussolini-e-farinacci-cimitero-blindato

    le forze di polizia schierate a difendere i commilitoni FASCISTI,

    intanto l’ANPI s’indigna di una contestazione,
    E nel frattempo casa pound cita l’anpi nei propri volantini FASCISTI e sta per aprire una sede, che magari l’atto isolato di una contestazione non ne impedira’ l’apertura, ma intanto meglio che tacere e subire, e sara’ solo un passo.

    Per citare alcune considerazioni uscite dalle personalita’ istituzionali riguardo la costituzione, la quale a detta di questi “spaccini di guano” dovrebbe sancire la democrazia e la liberta’, nonche’ la fine del fascismo, quando due e dico DUE giorni dopo si tollera una messa commemorativa con tanto di braccia tese e di “ido/latrati” di un branco di maiali, anzi no, poveri maiali, un branco di stolti per rimanere educati…e ricordiamo gli spazi concessi ai fascisti…Quando ogni giorno subiamo soprusi di ogni tipo, dalle umiliazioni per un tozzo di pane zitti zitti quatti quatti nel perpetrare esistenze vuote che dopo il lavoro si consumano sul divano delle proprie “fortunate” abitazioni….

    DOVREBBERO SORGERE DELLE DOMANDE A RIGUARDO NELLE MENTI, SE NON SONO DEL TUTTO ANNEBBIATE DALLA DISINFORMAZIONE E DAL CONSUMISMO DELLE INUTILI MERCI…

    O RATTRAPPITI IMBAMBOLATI TALMENTE TANTO DA SCAMBIARE UN FNORD PER UN FIORDO???

  • unknown rebel

    “Nostra patria è il mondo intero, nostra legge è la libertà.”

  • sandro

    basterebbe riguardare i video degli interventi di perri e salini dell’anno scorso (2012)x capire quali maestri della democrazia sono il partito democratico e le sue associazioni (anpi in testa). loro protestano solo x i loro interessi economico-elettorali e si permettono di condannare chi invece manifesta (in questo caso pacificamente) x una societa’migliore e x la difesa dei diritti conquistati col sangue di lavoratori e studenti nelle violente lotte degli anni passati.
    diritti che il partito democratico (& c.) insieme al centro destra tentano quotidianamente di togliore coi loro governi e giunte comunali.
    il fascismo non e’riuscito a distruggere le organizzazioni e la coscienza di classe di lavoratori e studenti, bisogna impedire che lo faccia il pd insieme ai pacifinti..
    solo la lotta paga