Commenta

Tubature corrose nel collegio Edisu, il Comune corre ai ripari

quartier-novo

Ancora lavori nella residenza universitaria del Quartier Novo di via S. Maria in Betlem, ristrutturata tra 2005 e 2006 dal Comune con un finanziamento regionale destinato all’edilizia per studenti. Un sopralluogo tecnico, determinato dalle difficoltà di funzionamento dell’impianto di teleriscaldamento, ha fatto emergere la presenza di acqua ristagnante in un pozzetto a ridosso della centrale che distribuisce il calore nell’edificio, un tempo noto come Caserma del Diavolo. Acqua e vapore provenivano dalle tubazioni che portano l’acqua del teleriscaldamento ai piani superiori, attraverso gli stessi cunicoli dai quali passano anche le canaline elettriche. Una situazione potenzialmente pericolosa, che ha costretto il Comune ad effettuare un intervento in via d’urgenza, attraverso un incarico fiduciario per una somma di quasi 40mila euro.

Scartata l’ipotesi di fare delle semplici riparazioni – cosa che avrebbe comportato l’interruzione dell’energia elettrica per un periodo non quantificabile – e verificato il degrado delle tubazioni in ferro, la soluzione tecnica adottata è stata quella di posare nuove condutture ‘tecnologicamente più idonee di quelle esistenti, in quanto la fuoriuscita di acqua calda dal circuito del teleriscaldamento potrebbe comportare problematiche di sicurezza, essendo presenti i montanti elettrici’. Da notare che l’edificio era stato completamente sventrato all’epoca della ristrutturazione, quindi appare strano che la parte dell’impiantistica sia già così pesantemente deteriorata.

Ad eseguire i lavori è stata chiamata la ditta Denti di Pessina. La residenza Edisu del Quartier Novo è gestita dall’istituto per il diritto allo studio universitario dell’università di Pavia ed ospita, dall’anno accademico 2007, una cinquantina di studenti dei quattro atenei presenti a Cremona. Al piano terra si tengono ancora i corsi di Moda e Design dell’Ipiall Stradivari, trasferitasi con Liuteria e Liceo musicale a palazzo Pallavicino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti