Commenta

Circuito del Porto, vince Paolo Simion In due al pronto soccorso

evidenza

Ancora una volta il ‘Circuito del Porto – Trofeo Arvedi’ , una delle classiche internazionali più prestigiose  di ciclismo per Dilettanti Elite ed Under 23 (ideata da Costantino Secchi nel 1966) non ha  tradito le attese dei molti appassionati di città e provincia.  Nella 47° edizione è  accaduto di tutto. Ha vinto in volata  Paolo Simion della Zalf Desiree che ha bissato il successo dell’anno scorso. La gara è partita con il sole e si è conclusa sotto l’acquazzone. Nella volata sono caduti due corridori che sono stati trasportati al pronto soccorso per medicazioni ed accertamenti.

La corsa ha visto nella parte centrale una fuga di Nicola Del Santo (Ceramica Flaminia-Fondriest) durata circa tre giri  che ha avuto anche un significativo distacco ma il gruppo ha lavorato bene e l’ha ripreso. Negli ultimi due giri ranghi compatti, con la pioggia che ha iniziato a scendere, diventata via via sempre più insistente. Nonostante questo, i corridori non si sono risparmiati ma hanno effettuato fughe e controfughe comunque sempre controllate dal gruppo. Quindici  atleti di varie società hanno allungato con una ventina di secondi di margine e di questi sono restati in quattro: Cambell (Aus),  Marini, Fait (Slo) e Lunardon (ottima la sua prestazione) che pur con 29 secondi di distacco sono stati rimontati praticamente nell’ultimo chilometro. Volata lunga e vittoria storica per Simion. Perfetta l’organizzazione del CC Cremonese 1891 Gruppo Arvedi  coordinata da Rossano Grazioli,  che si è  avvalso  di tanti  collaboratori tra i quali i volontari dell’Associazione Ciclisti Cremonesi.

QUESTO L’ORDINE DI ARRIVO

1 – Paolo Simion (Zalf Desiree) media 47,65 km/h

2 – Liam Bertazzo (Trevigiani)

3 – Davide Martinelli (Food Italia)

4 – Nicola Ruffoni (Colpack)

5 – Flumian Dugani (Team Palazzago9

6- Marco Gaggia (Delio Gallina)

7 – Filippo Baggio (Ceramica Flaminia)

8 – Alfonso Fiorenza (Food Italia)

Marco Ravara

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti