Un commento

Marocchina 37enne minaccia di darsi fuoco contro ordine di sfratto

donna-disperata

Una marocchina di 37 anni minaccia di darsi fuoco contro l’ordine di sfratto. E’ successo a Rivolta d’Adda. La donna si chiama Naima Amelli, ha un regolare permesso di soggiorno, ma non ha un lavoro. Alcuni mesi fa il marito, un egiziano, le ha portato via il figlio di tre mesi e lei non ha più visto il suo bambino. Come vittima di violenza, il Comune ha provveduto a pagarle l’affitto nella stessa casa dove prima risiedeva con il marito. Nella mattinata odierna, però, le forze dell’ordine si sono presentate alla sua abitazione notificandole un ordine di sfratto. La donna, disperate, ha contatto Souad Sbai, presidente di Acmid Donna ed ex parlamentare Pdl.”E’ disperata – ha detto Souad Sbai all’Adnkronos – Da quando il marito ha rapito il figlio, lei è caduta in depressione e non ha mezzi di sostentamento”. Contattato il sindaco, grazie all’intervento dell’amministrazione, la situazione è rientrata. La donna è stata convinta a non commettere nessun gesto estremo ed ora è ospitata presso la Locanda Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ALFIO

    se il problema era l’accendino lo poteva comperare da qualche suo connazionale che li vende abusivamente..