Commenta

Treno per Auschwitz Le foto degli alunni di Manin e Galilei

dentro

L’esperienza del ‘Treno per la Memoria’, il viaggio nei luoghi dell’orrore ad Auschwitz, organizzato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil, è stata raccontata questa mattina in sala dei Quadri di palazzo Comunale dagli organizzatori e dagli studenti del liceo Manin e dell’Itis Galilei di Crema. Il viaggio si è svolto lo scorso marzo, dal 21 al 25 e l’esperienza è stata oggetto di un lavoro documentario fotografico che i ragazzi propongono ora alla città. La mostra sarà visitabile presso la Sala Decurioni del Comune di Cremona dal 17 al 28 maggio.
Per l’inaugurazione erano presenti oltre al sindaco Oreste Perri e all’assessore Jane Alquati (il Comune ha sostenuto economicamente l’iniziativa, oltre  alle aziende Coim e Ancorotti), la professoressa Rossella Russo e i rappresentanti delle segreterie di Cgil, Cisl e Uil Donata Bertoletti, Monica Manfredini e Mario Penci. ‘La scelta di effettuare questo viaggio in treno non è causale – ha spiegato Bertoletti – Trascorrere insieme 24 ore di viaggio per l’andata e altre 24 per il ritorno ha rappresentato l’occasione per sperimentare la convivenza, familiarizzare tra diverse età e ha dato modo di interiorizzare questa esperienza. Quest’anno poi c’era una novità, la scelta, coraggiosa, del liceo Manin, di portare ad Auschwitz i ragazzi più giovani, la cui adesione non era affatto scontata. Credo che ne sia valsa la pena’. Al termine della presentazione, gli studenti hanno potuto ascoltare lo ‘Stradivari’ suonato dal maestro De Lorenzi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti