Commenta

Anche gli alpini cremonesi al "Tour della solidarietà”

alpini

Sabato 18 maggio, presso la sede di Cremona dell’Associazione Nazionale Alpini, si è tenuto un incontro nel quale l’Asd Alpini Cremonesi Mtb & Road ha presentato il progetto di partecipazione alla Douchenne Heroes Italia, il tour di 7 giorni in mountain bike che si terrà sulle Dolomiti. Una importante manifestazione sportiva che si contraddistingue per il suo carattere benefico, visto che è finalizzata alla raccolta fondi da destinare alla ricerca scientifica per curare la Duchenne, una particolare forma di distrofia muscolare detta “dei bambini” perché si manifesta in età pediatrica.

L’iniziativa è stata presentata ufficialmente alla presenza di Marcello Ventura, in rappresentanza del Comune di Cremona, che sostiene l’impresa degli alpini cremonesi, di Fabio Superti e di Cherubina Riva in nome dell’organizzazione Parents Project, organizzatore dell’evento benefico, oltre che dal padrone di casa Carlo Fracassi, presidente della sezione Ana di Cremona.

A rappresentare la città del Torrazzo sulle Dolomiti sarà il gruppo Asd Alpini Cremonesi Mtb & Road composto da sei atleti: Bruno Inzani, Agostino Cavalcabò, Roberto Arcari, Fabrizio Cavanus, Antonio Noviello e Roberto Balestreri. Una partecipazione che, al di là dell’impegno sportivo, testimonia il carattere solidale e mutualistico che da sempre contraddistingue tutti gli alpini.

La gara prenderà avvio il 16 giugno da Domegge di Cadore per terminare il 22 giugno nella città di Bolzano.

Negli ultimi sette anni questa competizione ha appassionato centinaia di bikers da ogni parte del mondo, dando nuova speranza ai bambini affetti dalla malattia di Duchenne. La gara di MTB della “Duchenne Heroes” non è quindi un semplice evento sportivo, ma diventa una opportunità per la raccolta di fondi che saranno destinati alla ricerca scientifica per le cure di questa grave malattia che colpisce i bambini. I fondi raccolti grazie a questo evento saranno devoluti infatti a Parent Project Onlus, un’associazione italiana di genitori che dal 1996 offre assistenza alle famiglie, diffonde i protocolli e le conoscenze sulla malattia, e finanzia progetti di ricerca scientifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti