3 Commenti

Rapinatori al Tramvai, pistola e minacce: via l'incasso

tramvai

Rapinatori in azione al Tramvai di via Eridano. Il ristorante, noto per i piatti a base di galletto, è stato preso di mira una settimana fa, fra domenica e lunedì, ma la notizia è filtrata solo in queste ore, in seguito a un episodio simile avvenuto la notte scorsa nel locale della stessa catena a Fidenza. Il Tramvai di Cremona è stato assaltato da una banda di cinque uomini sempre durante le ore notturne, al momento della chiusura. Secondo quanto è stato ricostruito, uno dei malviventi ha atteso in auto, in due hanno invece puntato una pistola contro un dipendente e sono entrati facendosi consegnare un bottino di circa 5mila euro, mentre altri due sono rimasti con la ragazza che si trovava in compagnia del lavoratore. Poi la fuga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • bungatore

    Ciò che più sorprende è la mancanza di proteste da parte della lega…….una volta paladina della sicurezza…… con le ronde padane…….. rimaste in pancia della più becera politica che si possa inventare.

    Altrettanto sorprendente è l’assenza dei parlamentari del Pd (e non solo) che , finita la campagna elettorale, NON vanno in piazza a raccogliere firme contro il degrado del vivere civile, come a suo tempo fece la lega.

    Almeno la Lega si faceva sentire……!!!

  • Elio

    Sono mesi se non oltre che a Cremona dilagano i furti, mai nessuno viene “preso”, come mai?
    Siamo certi che le forze dell’ordine e il Prefetto si impegnino a fondo?
    Io inizierei a toccare le loro tasche dimezzando gli stipendi poi vediamo se i ladri non saltano fuori….

    • bungatore

      Le soluzioni da lei proposte sono di stampo populista e di per sè inconcludenti.
      Le forze dell’ordine lavorano in condizioni che lei nemmeno sa immaginare: già hanno tagliato le loro disponibilità di impiego.

      Si rileva piuttosto una mancata sensibilità della politica politicante: tante parole e pochi fatti, vale a dire inadeguatezza.
      Alle forze dell’ordine vada almeno la nostra solidarietà.
      Un cittadino comune , pensionato.