3 Commenti

Fuga, inseguimento e schianto: patteggia sei mesi e chiede scusa

inseguimento-tribu

Ha patteggiato sei mesi, pena sospesa, per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e lesioni, il 50enne della provincia di Parma fermato ieri pomeriggio a San Felice dopo un inseguimento con i vigili urbani  iniziato a Roccabianca, in provincia di Parma, e finito a Cremona. L’uomo era alla guida della sua Fiat Punto quando ha imboccato una rotonda in senso contrario. La manovra è stata notata dagli agenti della municipale che gli hanno imposto l’alt. Un ordine che l’automobilista non ha rispettato, dandosi alla fuga. I poliziotti lo hanno tallonato per una trentina di chilometri fino alle porte di Cremona. Poi l’auto del 50enne, speronata dalla vettura della municipale, è stata  costretta a fermarsi. Nella collisione sono rimasti coinvolti in tre: il 50enne e due agenti. Nessuno, per fortuna, ha riportato lesioni gravi. Una volta sceso, il fuggitivo ha dato in escandescenze ed ha sferrato un pugno ad uno dei carabinieri intervenuti sul posto. Alla fine è stato riportato alla calma e arrestato. Questa mattina nei suoi confronti è stato celebrato il processo per direttissima davanti al giudice Pierpaolo Beluzzi. L’imputato era assistito dall’avvocato Fabio Galli, che ha chiarito che il 50enne, diversamente da quanto era emerso in un primo tempo, non era ubriaco. “Il mio cliente ha chiesto scusa”, ha detto il legale, “non sa spiegarsi cosa gli sia successo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elisabetta g.

    se fosse stato un 20 enne lo avrebbero gonfiato di botte, ma si sa che: “la legge non è uguale per tutti” in questo paese di corrotti e finti cristiani.

    • Mario

      Dai stai serena che adesso puoi andara al lavagna x altri 6 mesi a gratis…

  • ely

    Mario prima di commentare impara l’italiano,quello scritto almeno.
    Grazie.