Commenta

Fotovoltaico sulle scuole, pannelli funzionano a pieno ritmo

fotovoltaico

Breve ed informale lezione sull’energia pulita, in mattinata, per i bambini della scuola elementare “Don Mazzolari” di via Corte. A tenerla l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Bordi e il presidente di AEM Cremona Franco Albertoni. Con loro l’architetto Nicolò Gambino, responsabile dello Sportello Energia del Comune di Cremona, e Marco Rinaldi, tecnico di Linea Più. A fare gli onori di casa Annamaria Fiorentini, collaboratrice del dirigente scolastico. Da loro gli alunni delle classi 5^ A e 5^B hanno appreso che dallo scorso mese di dicembre la loro scuola si distingue nella tutela dell’ambiente perché l’energia di cui dispone è interamente fornita dai pannelli solari sistemati sul tetto dell’edificio. Ora che si apprestano a passare alle medie, potranno dire ai loro nuovi compagni di banco di venire non solo da una scuola immersa nel verde, ma anche rispettosa dell’ambiente.

Nell’ambito delle iniziative intraprese per la tutela ambientale e la crescita sostenibile il Comune di Cremona e AEM Cremona S.p.A. hanno infatti scelto di dotare le scuole primarie “Don Mazzolari” di via Corte e “S. Ambrogio” di via Fabio Filzi di pannelli fotovoltaici per produrre energia senza alcuna emissione di sostanze inquinanti e senza inquinamento acustico. Alla fine del 2012, in queste due scuole, sono infatti entrati in funzione due impianti fotovoltaici. La tecnologia adottata permette il risparmio di combustibile fossile e l’accesso agli incentivi statali in conto energia e al servizio di “scambio sul posto” (connessione e scambio con la rete elettrica cittadina) grazie alla quale è possibile la totale compensazione dei consumi elettrici delle scuole.  La produzione attesa di energia è di 122.535 kwh.

Sul tetto della “Don Mazzolari” è stato installato un impianto da cinque generatori composti da 415 moduli fotovoltaici e da cinque inverter. La produzione annua di energia a regime sarà di 101.885 kwh per una superficie di 693,05 metri quadrati. Il secondo impianto, installato sul tetto della scuola “S. Ambrogio” è costituito da un generatore composto da 82 moduli fotovoltaici e da un inverter. La produzione annua di energia stimata è di 20.650 kwh per una superficie di 136,94 metri quadrati. Gli impianti, come è stato spiegato ai bambini con parole molto semplici ed efficaci,  contribuiscono a ridurre annualmente le emissioni inquinanti in atmosfera di anidride solforosa (85,79 kg), ossidi di azoto (109,26 kg), polveri (4,61 kg), anidride carbonica (63,93 tonnellate). Si risparmiano inoltre 30,63 tonnellate equivalenti di petrolio.

Come sottolinea l’assessore Francesco Bordi, “l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti delle scuole è stata un’operazione che, oltre ai vantaggi e ai benefici ambientali ed economici, aggiunge un’ulteriore valenza educativa e didattica. I bambini hanno così modo di ‘toccare con mano’, tutti i giorni, gli aspetti positivi del fotovoltaico e, se adeguatamente educati, sviluppare sin da giovanissimi una spiccata sensibilità verso le tematiche ambientali ed il risparmio energetico.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti