3 Commenti

Ex macello e stazione Manfredini e Ruggeri: 'Scarsa vigilanza'

macello

“Un maggiore controllo  su tutti i siti cittadini  che manifestano criticità dal punto di vista ambientale”. A chiederlo sono le consigliere del Pd in commissione ambiente Maura Ruggeri, Alessia Manfredini e Caterina Ruggeri. La richiesta arriva in seguito all’incontro di approfondimento in commissione nel quale, a detta delle consigliere, “non sono emersi elementi totalmente tranquillizzanti”. “Il disordine ambientale”, scrivono, “e la carenza di vigilanza circa  gli accessi sono  dati preoccupanti che devono indurre l’amministrazione ad un maggiore controllo  su tutti i siti cittadini che manifestano criticità dal punto di vista ambientale”.

Non sono dunque bastate le rassicurazioni dell’assessore all’Ambiente Francesco Bordi e del presidente Aem Albertoni sulla portata tutto sommato limitata dell’inquinamento da sostanze pericolose fornite in quella sede.

“Anche l’enorme deposito di inerti della locale stazione ferroviaria ci riguarda”, fanno sapere le consigliere, “l’accumulo di rifiuti tossici non può essere avvenuto in due giorni”. La richiesta è che il Comune informi i cittadini circa la pericolosità di tale discarica e che segua la vicenda avviata dai magistrati. “Non si tratta di qualunquismo ambientale, come qualcuno l’ha definito, non serve minimizzare la situazione, ma é più utile avere una lettura di dati che ci ricordano la classifica delle malattie tumorali e respiratorie nella nostra città”. Maura Ruggeri, Alessia Manfredini e Caterina Ruggeri chiedono dunque “l’avvio di una indagine interna, costituita da dirigenti e amministratori di Aem e Comune, attraverso la quale coinvolgere il servizio Patrimonio, i consiglieri delegati, per avviare controlli in ogni altro edificio pubblico potenzialmente utilizzabile come discarica per individuare  eventuali  responsabilità  e fare in modo che episodi simili non accadano più”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Roby

    tanto per dire qualcosa !!!!!

  • Freddy

    ma che senso ha una indagine interna….parole al vento!

  • bungatore

    Ma cosa aspetta Il Pd a lanciare le premesse per la campagna elettorale e cioè:
    -Rivisitazione di tutte le PARTECIPATE e dei suoi assetti amministrativi: in altre parole graduale ma veloce rientro di tutti i poteri di decisione nelle mani del Sindaco e del consiglio comunale con le sue commissioni.
    Non è possibile che le partecipate vengano amministrate in questo modo e non si sappia di chi è la responsabilità….!!

    A dirigere le partecipate bastano bravi dirigenti che eseguono ordini ricevuti da potere politico: cioè eletto dal popolo, e non co-optato ed autodeterminato nei suoi poteri di controllo, come già avvenuto.

    Ormai la proliferazione di scatole cinesi hanno assunto una espansione incontrollata: e capita anche che producono perdite (per colpa di chi..??……chi paga……….??).