Un commento

Cremona bollente, per due giorni Ozono oltre il livello di attenzione

caldo

Caldo torrido a Cremona. Il termometro ha segnato temperature superiori ai 30 gradi. E le centraline per due giorni consecutivi hanno rilevato valori di Ozono nell’aria che hanno superato il livello di attenzione. I dati di mercoledì 19 giugno (riferiti alle 24 ore precedenti) parlano di 197 microgrammi al metro cubo in via Gerre Borghi (oltre la soglia di 180) e di 176 in via Fatebenefratelli. Non disponibile il valore a Spinadesco. Il giorno successivo 184 microgrammi sempre in via Gerre Borghi. Questi numeri, a pochi giorni dall’informativa del Comune che avvertiva i cittadini sulla pericolosità dell’ozono nell’aria. “Nei soggetti sensibili, l’ozono è in grado di provocare irritazione agli occhi e alla gola, tosse e riduzione della funzionalità polmonare. Una dieta ricca di acqua, frutta e verdura può assumere un ruolo importante nel contrastare tali effetti. In particolare, è consigliabile integrare la propria dieta con cibi che contengono sostanze antiossidanti: vitamina C, vitamina E, selenio”. Altri consigli, non svolgere attività all’aperto nelle ore più calde della giornata e non utilizzare la macchina per non incrementare l’inquinamento dell’aria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Una che legge

    “Non disponibile il valore a Spinadesco”

    è esploso…

    Che strano, proprio quello di spinadescoo… sarà mica che c’è tanto di quell’inquinamento che vogliono insabbiare il tutto???

    Non capisco perchè poi vi stupite di questi dati allarmanti quando sappiamo benissimo che alla gente frega meno di zero… e figuriamoci agli enti comunali…

    schifusssssssssssss…..