Commenta

Magica serata per inguaribili romantici La musica di Bacharach strega Cremona

burt

foto Sessa

Una serata indimenticabile per inguaribili romantici, quella che ci ha regalato giovedì Burt Bacharach in piazza del Comune.  Sarà stata la straordinaria atmosfera della piazza (solo le luci artistiche della cattedrale e le fiaccole di palazzo comunale), sarà stata la colonna sonora degli ultimi cinquant’anni, ma l’effetto è stato da brividi. Ottantacinque anni ed ancora tanta energia da dedicare alla musica, come autore ed interprete delle sue stesse melodie, Burt Bacharach ha offerto a Cremona e ai suoi ospiti (non troppi i cremonesi, in tanti da ogni parte d’Italia e qualcuno persino dall’estero) il suo primo concerto dell’anno in terra italiana (Ravenna e Roma le altre due tappe). Bacharach, leggenda vivente della musica internazionale, ha dato un assaggio tra meedley e brani interi della sua sterminata produzione musicale. Bastavano poche note ed il pubblico coglieva i grandi successi che l’ottima orchestra del grande compositore (che si avvale di tre cantanti assolutamente strepitosi) proponeva. Brani portati al successo specialmente da Dionne Warwick ma anche da Tom Jones, Aretha Franklin, Elvis Costello e tanti altri. A cominciare dai suoi primi hit Magic Moments (Perry Como, 1958), Alfie (1967, eseguita da lui con un filo di voce), The look of love (Casino Royale, 1966) e tante altre in successione. Una serata magica a cui hanno risposto un migliaio di persone, con piazza del Comune che si è rivelata uno straordinario palcoscenico dall’acustica perfetta pronto per diventare uno straordinario auditorium all’aperto per far conoscere anche all’estero la nostra città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti