Commenta

'Cimitero ai privati? Lo staff dirigenziale valuterà le varie ipotesi di appalto' E intanto, le cooperative che operano salgono a quattro

cimitero

Bufera sui servizi cimiteriali. Qualche mese fa era scoppiata la polemica sull’affidamento di servizi ad un’unica cooperativa, la Idea Lavoro, trovata non in regola nella copertura previdenziale di un lavoratore, e sulla possibilità di privatizzare i servizi cimiteriali. Un caos che aveva scosso anche le stanze della politica, dato che la Lega era arrivata a chiedere le dimissioni dell’assessore alla partita De Micheli. Ora, è lo stesso assessore a ritornare sulla vicenda, rispondendo ad un’interrogazione a risposta scritta (datata 15 aprile) dei consiglieri del Pd Caterina Ruggeri e Roberto Poli.

“Uno staff dirigenziale – scrive De Micheli – coordinato dalla Direzione Generale sta progettando la futura gestione dal 1 gennaio 2014 del nuovo polo della cremazione. Parallelamente il gruppo valuterà la condizione degli altri servizi presenti presso il Civico Cimitero (gestione sepolture, manutenzione del verde, pulizia servizi igienici, servizi di guardiania riferiti ai tre accessi), al fine di avanzare delle proposte congrue ed efficaci all’Amministrazione. Si ribadisce comunque che la titolarità del servizio rimarrà in capo al Comune”.

Tema spinoso anche quello della carenza di organico. “Reperire risorse umane per rafforzare l’organico – continua l’assessore – sarà uno degli eventuali temi trattati dal gruppo di lavoro, in relazione anche alle ipotizzabili procedure d’appalto stabilite. A questo proposito si fa presente che appaltare un servizio non vuole dire affidarne la titolarità”.

“Il tema di un unico appalto a un’unica cooperativa sociale – ha concluso l’assessore – è ampiamente superato, tant’è che a tutt’oggi all’interno del Cimitero operano quattro fornitori diversi in tema di manutenzione del verde, trasporto necroscopico, supporto operativo e pulizie igieniche”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti