5 Commenti

Nel parcheggio disabili con il permesso del padre defunto, denunciato

permesso-invalidi

Utilizzava il permesso per invalidi del padre morto per arrivare con la vettura più vicino alla destinazione. Un 63enne di Motta Baluffi è stato denunciato dai carabinieri di Vescovato per sostituzione di persona. Aveva parcheggiato l’auto nel posteggio di un centro commerciale, nello stallo riservato alle persone diversamente abili. I militari, nell’ambito di un controllo, hanno scoperto che il permesso esibito sull’autovettura era intestato al padre defunto. Il contrassegno è stato sequestrato ed è subito partita la denuncia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • in un italia dove ci sono ciechi che guidano o leggono il giornale,storpi che giocano a calcio o paralitici che si destreggiano nel traffico con i loro scooter,questo personaggio nostrano,non ha voluto esser da meno.
    mi domando come mai i medici nn vengano mai espulsi dal loro albo,visto che qulcuno darà l invalidità ai falsi invalidi..

  • Elia Siacca

    ci sono troppi furbetti che prendono per il culo, da una vita le istituzioni vedi falsi ciechi ,percettori di pensioni con i defunti sotto terra da decenni e l’INPS ,il comune e le poste vengono gabbate, ma diciamoci la verità a loro cosa volete che gne ne frega, mica devono rimborsare loro.
    gli Italiano criticano i mendicanti petulanti, ma per gli Italioti che sfruttano il sistema da decenni indegnamente non hanno nulla da eccepire, e la gente comune cosa fa?, come sempre se ne sbatte i coglioni.
    W L’Italia

    • Tomas

      la gente comune si indigna tutti i giorni ma non può nulla contro un sistema demente e malfunzionante che favorisce gli imbroglioni e a volte sembra pure compiacersene…anche gli extracee hanno fatto in fretta a capire i meccanismi italioti

  • Aristide

    Provate a visitare i parcheggi dei centri commerciali, sono anche pieni di auto senza permesso invalidi…..se i vigili iniziassero a controllare meglio facendo intervenire il carro attrezzi, sono certo che molti furbetti sparirebbero. Invece tutto e’ concesso, permesso e non redarguito…Avanti cosi’….poi non lamentiamoci delle conseguenza.

  • Elia Siacca

    ARISTIDE SIAMO NEL PAESE DEI BONGO BONGO COSA PRETENDI ,SIAMO IN MANO A GENTE CHE NON SA BEPPURE DA CHE PARTE è GIRATA.
    PER QUESTO CHE I DISONESTI E I FURBETTI SPAZIANO A TUTTO CAMPO, VEDI ES L’ORDINE PUBBLICO DOPO 10 ANNI DI FRONTIERE COLABRODO DI LETARGO E DI BUONISMO PELOSO, FORSE SI SONO SVEGLIATI, FORSE……