17 Commenti

Rinnovo convenzione Kavarna, rinviata l'assemblea pubblica

perri-kavarna

Sopra, il sindaco (foto Sessa) e il Kavarna

AGGIORNAMENTO – Rinnovo dell’affidamento degli spazi del Cascinetto al centro sociale Kavarna. Rinviata a data da destinarsi l’assemblea pubblica di mercoledì sera, promossa dal Comune e inizialmente prevista all’oratorio della parrocchia Beata Vergine di viale Concordia, sulla questione della concessione in uso al gruppo Jangoss – Kavarna di alcuni locali della cascina di via Maffi 2A. In programma c’era anche l’intervento del sindaco di Cremona Oreste Perri. L’assemblea

Bisogna ora attendere una nuova data per l’assemblea, che arriva dopo l’accessa Commissione periferie durante la quale, alla presenza di alcuni esponenti del Kavarna, si era verificato uno scontro tra consiglieri di maggioranza (“Ci hanno segnalato rave party con 300 persone”) e l’opposizione (“Non mischiare i fatti di piazza con il rinnovo di una convenzione con una associazione”) – leggi l’articolo.

Così il capo di gabinetto del sindaco, Walter Montini, spiega il rinvio: “Oltre a problemi organizzativi, nella situazione in cui si trova il Comune ci sono problemi più importanti da affrontare, come ad esempio quelli legati alle scuole. Abbiamo deciso di concentrarci su altro e di rimandare l’assemblea”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo

    Speriamo che il pio luogo dell’incontro sia foriero ed ispiratore di pensieri di pace……

  • luca

    siccome i signori e le signorine dei centri sociali si sono fatti paladini delle problematiche delle persone in difficoltà economica a Cremona, sono disposti ad aumentarsi l’affitto delle proprie sedi per dare così maggiori risorse per i servizi sociali del comune? Mi piacerebbe che rispondessero con un si o con un no. Ma tanto conoscendoli sono solo capaci di chiaccherare e di piangere.
    Altra domanda semplice: ci spiegano in concreto quali attività di valenza sociale svolgono per chiedere al Comune un canone di locazione agevolato?
    E’ possibile avere risposte concrete e non le solite sbrodolate di parole?

  • dan

    sei davvero così ingenuo da credere che l’affitto di un’associazione possa reggere anche una minima parte dei costi di un’amministrazione comunale? cioè pensi che 100-200 euro in più per dodici mesi, poche migliaia di euro l’anno, possano migliorare le condizioni dei servizi sociali di questa città? sei ingenuo, illuso e disinformato.. ma si sa che ai cremonesi piace far scorrere le parole dalla bocca, che ci sia un senso in tutto ciò oppure no..
    per avere l’altra risposta, invece di fare il solito commentatore da mezza cartuccia su internet, fatti due passi, vai al cascinetto, entra nel centro sociale kavarna (che ho frequentato assiduamente in passato e che non frequento più), prendi qualche volantino o parla con la gente.. se non hai paura, potresti addirittura ricevere dei responsi verbali, anzichè scritti e pilotati da dietro una tastiera..

    • dan

      *risposta a luca

      • luca

        parole, parole, soltanto parole ma soldi e fatti niente. Ma cosa aspettarsi di diverso?
        In sostanza sono disponibili ad alzarsi il canone di locazione? Che attività sociali svolgono? Prendono le distanze da quanto accaduto il 25 aprile?
        Od ancora parole soltanto parole?

        • Dani

          Guarda che se sei confuso o frustrato, se non sai da che parte girarti, se non riesci a dare un senso alla tua esistenza, ti aiuterebbe di più leggere un libro che renderti ridicolo su internet.

          Ma poi, dissociarsi da cosa? Il sindaco è una autorità; centri sociali o meno, è nella natura del potere il fatto di essere criticato/contestato.

        • dan

          non sono mica il portavoce del kavarna, io!

  • paolo

    “se non hai paura vai ecc. ecc”: e di cosa mai dovrebbe avere paura entrando in una associazione dichiaratamente pacifista???

    • Dani

      Scusami, ma dove l’hai letto che il kavarna si dichiara pacifista?
      Guarda che il fatto di essere un’associazione non implica una vocazione cattolica.

      Lottare per la libertà vuol dire impegnarsi contro la guerra e le armi, ma non significa auspicare la pace universale; fatti un giro nei meandri della storia, e scoprirai che per ottenere la libertà e l’autodeterminazione dei popoli, si è dovuto combattere, non arrendersi.
      Ma forse è proprio questo che spaventa, voi avete PAURA di chi non si conformizza, in questo senso un comune cittatino ha PAURA, PAURA di ciò che non conosce ma pretende di farlo per stereotipi nati da voci di lunghisimi corridoi. PAURA di chi, davanti ai “nuovi valori democratici”, continua ad affermare che l’esercito, la polizia, la politica e lo stato fanno schifo.

      • PiovonoPietre

        “Voi avete PAURA di chi non si conformizza, in questo senso un comune cittatino ha PAURA, PAURA di ciò che non conosce ma pretende di farlo per stereotipi nati da voci di lunghisimi corridoi.”
        Aerare i locali prima di soggiornarvi; dev’essere rimasto qualcosina nell’ambiente…

      • paolo

        Hai ragione: evidentemente avevo frainteso lo sventolio di bandiere arcobaleno del recente passato.
        Rettifico dunque cosi: “se non hai paura vai ecc. ecc”: e di cosa mai dovrebbe avere paura entrando in una associazione dichiaratamente democratica, rispettosa delle idee altrui, propugnatrice della logica democratica del confronto che giustamente non rinuncia a dimostrare la bontà dei propri ideali e principi basandosi unicamente sulla forza delle proprie idee, rifuggendo da prevaricazione e arroganza…

  • Alessandro

    Bonificare, tinteggiare, sistemare e dare la sede ad una Associazione che abbia il rispetto dei locali comunali. Il resto è noia.

  • Marco

    Siete contro lo Stato e le istituzioni? Benissimo, fate i vostri bagagli e andatevene. Il quartiere non vi vuole e i vostri papà con il cognome famoso vi pagheranno l’ affitto di una bella sede privata

    • vabeh

      Saranno anche contro la tua ignoranza, tranquillo.

  • Lorenzo

    cosa fanno per questa città? Oltre ad imbrattare i muri, contestare e manifestare il loro dissenso a fantomatici ideali lontani dai loro. Di sociale cosa fanno? In che modo migliorano la nostra città? Credo che il cascinetto sia più utile all’associazione degli ex carabienieri..

    • PiovonoPietre

      Speriamo che siano abbastanza “conformizzati”…

  • wlalibertà

    Lorenzo, Marco, Alessandro…guarda che puoi fare a meno di mettere mille commenti con nome differenti. Sei ridicolo.