Commenta

Storie di Castelverde, proiezione video alla Libreria Ponchielli

ripr

Se Maometto è impossibilitato a salire sulla montagna – recita un famoso detto – sarà la montagna a scendere da lui. Ovvero, declinando in termini nostrani: se ancora in pochi conoscono e visitano l’Archivio delle Immagini e delle Storie di Castelverde, sarà il Museo in persona a raggiungere i suoi fruitori. E’ accaduto sabato pomeriggio durante un convegno a Palazzo Cattaneo, dove il Prof. Lazzarini ha esemplificato il suo intervento su “Identità locali e dialetti” utilizzando un video prodotto dall’Archivio del paese di cui è sindaco. Accadrà ancora durante i prossimi giovedì d’estate, quando lo spirito del Museo si concretizzerà nell’atmosfera ospitale della Libreria Ponchielli di Cremona.

A partire da giovedì 4 luglio, fino alla conclusione della manifestazione, nella libreria di Piazza Sant’Antonio Maria Zaccaria, verranno proiettate quattro videointerviste raccolte nel territorio di Castelverde dagli animatori dell’Archivio: Daniela Mattarozzi, Carmine Lazzarini, Antonio Bonfanti, Vittorio Dotti.

Sorto per volontà dell’attuale sindaco, l’Archivio delle Immagini e delle Storie del Comune di Castelverde costituisce un inconsueto esperimento di “pedagogia della memoria personale-autobiografica” (secondo la definizione del filosofo Duccio Demetrio), che si prefigge di incarnare nelle trame relazionali della comunità il “diritto di ciascun essere umano ad attribuire significato alla propria vicenda esistenziale” (Carmine Lazzarini).

Partendo da riferimenti culturali molteplici e complessi (Paul Ricoeur, Edgar Morin, Romano Màdera, Marc Augé, Duccio Demetrio, Zygmunt Bauman, Richard Sennett, etc.), l’attività culturale dell’Archivio si esplica soprattutto nella raccolta delle memorie autobiografiche, cui segue la restituzione delle medesime sotto forma di prodotti audiovisivi abbastanza sofisticati, nei quali in fase di montaggio si è cercato di sottolineare le dinamiche narrative con l’ausilio di brevi commenti musicali e di discrete prosodie filmiche.

Scopo di questo progetto – come spiega il Prof. Lazzarini – è quello di far germogliare nel territorio i fermenti di una “educazione alla memoria che contribuisca al pieno dispiegamento delle potenzialità di coloro che, percorrendo l’intera loro esistenza, intendono conquistare se stessi, e di quelle comunità che non vogliono chiudersi in sé, ma ridisegnare il passato per aprirsi alla speranza.”

La tournée dell’Archivio delle Immagini e delle Storie presso la Libreria Ponchielli di Cremona, inizierà giovedì 4 luglio alle ore 21. Nell’occasione verrà proposto un video dedicato alla figura memorabile del Prof. Mario Guarneri. Nel racconto corale delle persone che lo conobbero e stimarono, la vita dell’insigne docente universitario e infaticabile animatore culturale si colora di aneddoti vivaci, restituendoci di lui un ritratto assai più umano di quanto avrebbe ottenuto il mero ripercorrimento dei suoi straordinari meriti accademici.

Nei giovedì successivi, alla stessa ora e nello stesso luogo, verranno presentate altre videointerviste prodotte dall’Archivio di Castelverde, secondo l’ordine seguente: giovedì 11 luglio: Concetta Cambiati, di Costa Sant’Abramo; giovedì 18 luglio: Giuseppe Fioni, di Marzalengo; giovedì 25 luglio: Don Ivo Azzali, un prete oltre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti