5 Commenti

Giro d'Italia femminile, traguardo a Cremona: vince Mara Abbott

evid

Sopra, l’arrivo della vincitrice (Foto Francesco Sessa)

Assegnato alla statunitense Mara Abbott il Giro d’Italia femminile. L’americana ha trionfato conquistando a Cremona, nel pomeriggio, al termine dell’ultima tappa, la vittoria (attesa alla luce dei risultati degli ultimi giorni) nella classifica generale. Appassionati e semplici curiosi si sono dati appuntamento in piazzale Atleti Azzurri d’Italia (punto di partenza) e in piazza Stradivari (arrivo) per assistere all’evento. Non sono mancati quelli che hanno seguito la corsa anche lungo il percorso, che ha interessato diverse strade della città, come via Portinari del Po, via del Sale, via del Giordano, via Giuseppina, via Ghisleri, piazza Libertà, via Dante, via Ghinaglia, via Massarotti, corso Vittorio Emanuele II, per citarne alcune. Si è trattato dell’ultimo atto della manifestazione, composta da otto tappe e 801,609 chilometri, gli ultimi 16,600 dei quali a cronometro su un circuito appositamente allestito, come accennato, da piazzale Azzurri d’Italia a piazza Stradivari. Atto inserito nel calendario di Cremona Città Europea dello Sport 2013 e reso possibile grazie all’impegno del Club Cicclistico Cremonese 1891–-Gruppo Arvedi. La prima atleta ha cominiciato a pedalare alle 13,30, a seguire tutte le altre. Attorno alle 16 Mara Abbott, l’ultima a partire, ha tagliato il traguardo. In classifica generale, dietro la statunitense, si sono piazzate l’italiana Tatiana Guderzo e la tedesca Claudia Häusler. La cronometro è andata all’olandese Ellen Van Dijk (21’12”). Dietro di lei, a 34″, Evelyn Stevens (Usa) e, a 52”, l’australiana Shara Gillow.

LA SITUAZIONE DEL TRAFFICO

Vigili, polizia stradale e forze dell’ordine hanno lavorato a partire già dalla mattinata. La gara si è svolta senza particolari problemi. Qualche congestionamento, accompagnato da lamentele di cittadini non informati dell’evento e costretti a deviazioni, è stato registrato nei pressi degli snodi principali della città, come ad esempio quello di viale Po-piazza Cadorna o all’incrocio via Mantova-via Ghisleri-via Dante.

GALLERIA IMMAGINI (FOTO FRANCESCO SESSA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Agilulfo

    Non saranno state molto contente le cicliste a percorrere quello schifo di selciato di corso Vittorio Emanuele!

  • Matteo

    Bellissima la foto n.5 ….. in 3 su una smart (ed è anche ben visibile il numero di targa)…. Io vivo in via Giuseppina mi alzo la domenica mattina per andare in piscina, faccio 30 metri per andare al benzinaio a fare benzina alla macchina e vengo inseguito da 2 pattuglie e fermato come un delinquente, perchè (secondo loro) non potevo nemmeno spostarmi da dove era parcheggiato il mio veicolo fino a fine manifestazione (ore 17)…
    Non è stato messo mezzo annuncio la sera prima anche uno straccio di cartello dove indicava almeno che si eseguisse la manifestazione , ed io dovevo immaginarmi il tutto perchè l’alternativa è rimanere blindato in casa… mentre gli “sponsor” si permettono di sfrecciare sul suolo pubblico senza rispettare minimamente il codice della strada !!!

  • marco

    Trovo semplicemente demenziale concedere il permesso di chiudere con un anello chiuso tutto il centro storico ed impedire ai residenti di entrare od uscire dalle proprie abitazioni per tutta una domenica pomeriggio. Ci sono persone che hanno esigenze e di salute e lavorative che devono essere salvaguardate. Sono asmatico e con gravi problemi di intorranze alimentari ed allergiche che mi portano ad avere in questi giorni una dieta strettissima e molto particolare che posso prepararmi solo a casa, inoltre sono sotto terapia cortisonica e ieri, verso le 13.30 sono stato bloccato a circa un chilometro e mezzo da casa, sotto un sole cocente.
    Ci sono state altre manifestazioni, maratone, circuiti auto ecc. ma non c’è mai stato questo blocco totale, una “via di fuga” era sempre stata prevista.Io stesso in passato ho organizzato manifestazioni ciclistiche amatoriali e mai ci sarebbe stato dato un permesso del genere.
    Inoltre nessuno ha pensato che ieri i negozianti avrebbero tenuto aperto i negozi, in quanto prima domenica di saldi ??
    Tengono aperti i negozi e le persone non possono entrare in centro ….veramente geniale!
    Per non parlare della spesa sostenuta dalla comunità per vigili e forze dell’ordine, chi e quanto hanno pagato per questa manifestazione ?
    Poi il comune non ha i soldi per organizzare i martedi dello sport che sono saltati per mancanza di fondi …non capisco questi fondi che vanno e vengono…

  • seminare speranza

    EVENTO INUTILE E SICURAMENTE PAGATO ANCHE DA NOI…
    COMUNICAZIONI PARI A ZERO!!!!!!!!!!!!!1
    POCO PUBBLICIZZATO…
    SULLA RAI NULLA O POCO
    SULLA GAZZETTA UN TRAFILETTO…
    NEGOZI APERTI…CITTA’ CHIUSA…

    COMPLIMENTI!!!

  • Ghino di Tacco

    Con questa ultima sortita del giro d’Italia femminile i nostri amministratori hanno voluto stupirci con effetti speciali. Con la chiusura della città in effetti bisogna dire che sono stati bravi e ci sono riusciti…..a far girare le balle ad un’intera comunità. Complimenti.