Commenta

Banconote false, scambio di accuse Intervento della polizia

poliziaauto

Banconote false sequestrate dalla polizia. Gli agenti sono intervenuti nella serata di venerdì in un bar della città, non lontano dal centro storico (non resi noti i particolari) perché chiamati in seguito alla discussione fra la titolare dell’esercizio e due albanesi, che si rimpallavano l’accusa di aver consegnato soldi finti. I due stranieri hanno raccontato di aver ricevuto al bar due banconote da venti come resto, di essersi resi conto del loro valore nullo in un secondo momento, dentro un altro bar, e di aver poi deciso di tornare nel primo locale per chiedere spiegazioni e sistemare la questione.

La barista ha invece mostrato altre tre banconote da venti false, sostenendo di averle ricevute dai due albanesi, e ha detto di essersi resa conto del loro reale valore, pari a zero, mentre tentava di fare acquisti in un supermercato. Due versioni contrapposte che andranno accuratamente verificate.

I poliziotti, intanto, hanno proceduto secondo quanto previsto dalla legge. I soldi finti sono stati sequestrati. Sono state fatte perquisizioni, anche in casa, che hanno dato esito negativo. I tre soggetti coinvolti nella vicenda sono stati deferiti per spendita di banconote false ricevute in buona fede, ed è stato contestato loro anche il fatto di non aver denunciato subito il possesso del denaro falso, appena si sono resi conto di ciò che avevano in mano (il cittadino è obbligato per legge riferire subito alle forze dell’ordine la questione). Delle cinque banconote false, quattro hanno lo stesso numero di serie, segnalato più volte in diverse parti d’Italia; il problema riguarda soprattutto pezzi da 10, 20 e 100 euro.

La Questura invita la cittadinanza a prestare la massima attenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti