2 Commenti

Zanardi: "Agevolare i residenti nella sosta attorno a piazza Marconi"

zanardi-p

Si amplia il consenso alla possibilità, illustrata in prima battuta dall’assessore alla Mobilità Francesco Zanibelli, di estendere anche alle zone a parchimetro di via Ala Ponzone  e viale Trento Trieste la sosta a tariffa agevolata per i residenti. Dopo il Pd, che anzi rivendica la primogenitura della proposta, anche la Lista Obiettivo Cremona con Perri chiarisce la propria posizione per risolvere una situazione di disparità tra residenti (nelle zone D del centro la sosta costa 0,50 euro al giorno). Lo chiarisce in una lettera Alessio Zanardi, esponente della lista che sostiene il sindaco e presidente del consiglio comunale.

“Ho letto con interesse  -scrive Zanardi – l’articolo pubblicato ieri, martedì 13 agosto, sul vostro quotidiano on-line in merito all’ipotesi di tariffa agevolata per la sosta a favore dei residenti di piazza Marconi e viale Trento e Trieste. Nello specifico la problematica della sosta dei residenti nelle vie comprese nel comparto corso Vittorio Emanuele – via Monteverdi – via Ala Ponzone – piazza Marconi (zona che dovrebbe rientrare nella cosiddetta “ZONA D” ovvero in una Zona di Particolare Rilevanza Urbanistica, all’interno della quale individuare alcune strade destinate alla sosta esclusiva dei residenti ed autorizzati e zone a tariffa agevolata per i residenti) si è nel frattempo accentuata in quanto gli stalli di sosta presenti nelle predette vie, peraltro a ridosso di una ZTL impenetrabile, sono tutti regolamentati (parchimetro/parcometro, disco orario, carico/scarico merci) senza l’istituzione di contro di zone adibite alla sosta per i residenti.

Peraltro l’istituzione di tariffe agevolate a favore dei residenti nel suddetto comparto di vie è necessariamente collegata alla realizzazione della “ZONA D” in modo da identificare chiaramente gli aventi diritto all’agevolazione tariffaria, come avviene in altre zone della città.

Tale situazione è già stata da me portata all’attenzione dell’Assessore Zanibelli, che ha ampiamente condiviso le motivazioni addotte, anche a nome del Gruppo “Obiettivo Cremona con Perri” al quale appartengo, con una lettera nella quale si prospettava la necessità di trovare una soluzione in tempi brevi che potesse accogliere le legittime esigenze dei residenti, analogamente a quanto già fatto in altre zone della città.

Sono quindi fiducioso in merito alla risoluzione di tale problematica in modo da  eliminare la disparità di trattamento tra residenti che già usufruiscono di tale opportunità”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Annamaria Menta

    Già cominciata la campagna elettorale?
    Peccato che anche il simpatico umorista Zanardi (“ZTL impenetrabile”, ma ci è o ci fà?) dimentichi che le zone di sosta gestite da SABA non prevedono la possibilità di agevolazioni o abbonamenti. Basta leggere le avvertenze riportate su tutti i cartelli che indicano la presenza di stalli per la sosta a pagamento di SABA.
    Devo credere che, al momento della stipula del contratto tra comune e SABA, nessuno ha pensato a tariffe agevolate per i residenti? Se è così ogni commento è superfluo, è più facile che questa sia stata una delle condizioni poste da SABA per chiudere una volta per tutte la disgraziata vicenda del parcheggio di piazza Marconi: dato che prenderò meno soldi mi dai tanti spazi in modo da far tornare i conti. Prassi normale, in questi casi.
    Può anche darsi che, al di là delle letterine di intenti da campagna elettorale, il gestore di queste zone accetti di ridurre i prorpi introiti, magari a fronte della cessione totale da parte di AEM delle zone per la sosta a pagamento o del prolungamento nel tempo della concessione….Le ultime aree passate in capo a SABA sono prorio per compensare gli incassi inferiori alle aspettative del parcheggio.
    Devo anche credere che SABA, con i soldi che prende, partecipa alla manutenzione di strade e marciapiedi cittadini?

  • Paolo Mantovani

    Ha perfettamente ragione! E’ iniziata la campagna elettorale.
    Alcune categorie economiche (opinione mia personale), se le sono più o meno giocate. Quindi, il voto dei residenti è fondamentale.
    Poco importa se (a detto loro!) uno dei principali problemi della sosta in centro, e dei mancati introiti, sono le agevolazioni a 50 cent al giorno e gli abbonamenti.
    Questo è il momento di “panem et circenses”. Poi si vedrà…