10 Commenti

Stipendi d'oro anche in sanità, 180mila euro al direttore dell'Asl

asl

Nella foto, Compagnoni e la sede dell’Asl

Continuano a suscitare reazioni le pubblicazioni degli stipendi dei manager pubblici. Sotto la lente sono finiti quelli dei dirigenti comunali e provinciali, visto che è nel periodo estivo che vengono liquidate le indennità di risultato sulla base delle valutazioni dell’anno precedente. Ma tutte le amministrazioni pubbliche sono tenute a pubblicare gli stipendi dei dirigenti. “Operazione trasparenza”, l’aveva chiamata qualche anno fa l’allora ministro Renato Brunetta.

In campo sanitario ci sono ad esempio Asl e Aziende ospedaliere. Nel primo caso il sito aziendale pubblica curriculum e stipendi di tutti i dirigenti dal direttore generale ai manager dei dipartimenti, sino ai singoli responsabili dei settori, con posizione dirigenziale. Gilberto Compagnoni, direttore generale Asl, percepisce un totale annuo lordo di 184mila euro, pari allo stipendio tabellare (non sono indicati né indennità di posizione né retribuzione di risultato). Appena sotto di lui, il direttore sanitario Raffaello Stradoni prende 145mila euro, al pari del suo collega alla direzione sociale Giampietro Martinelli. I direttori dei dipartimenti partono da uno stipendio tabellare relativamente basso (43.310 euro) a cui però vengono aggiunte varie voci (parte variabile e parte fissa dell’indennità di posizione; retribuzione di risultato e una non specificata voce “altro”) che portano il totale lordo annuo a cifre attorno ai 160mila euro.  La sola retribuzione di risultato vale 34.594 euro per i direttori dei dipartimenti. Il lordo  di Liana Boldori (Dipartimento prevenzione medica) ammonta a 159.497 euro;  Annamaria Camisani (Dipartimento dipendenze) 157.281 euro;  Maurilio Giorgi (Dipartimento veterinario), 153.812 euro; Erminio Ebbli (Programmazione, acquisto, controllo), 168.574 euro.

Mancano, sul sito del’Azienda Ospedaliera, gli stipendi di diratore generale, amministrativo e sanitario,, rispettivamente Simona Mariani, Ida berretta, Camillo Rossi, mentre sono indicati quelli dei medici. I dirigenti di struttura complessa partono dallo stesso stipendio tabellare dell’Asl e con indennità di posizione e retribuzione di risultato arrivano oltre i 100mila euro, con punte massime che non superano comunque i 150mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • marco

    ….e poi ci chiediamo come abbiamo fatto ad accumulare un debito di 2.000 miliardi di euro. Se anche il dirigente di una piccola città di provincia prende più del Presidente degli Stati Uniti d’America i risultati sono quelli che vediamo: debito alle stelle, interessi da pagare ai creditori pari a 2 finanziarie ogni anno. Speriamo di fallire come l’Argentina così, forse, la smetteranno di mangiare con tanta voracità ed egoismo.

  • bungatore

    Ma si può sapere chi provvede a stabilire questi stipendi…………………….???????

    Chi credono di essere e cosa fanno……….???

    • Povera Italia

      Considerato che guadagnano più del presidente degli Stati Uniti Obama avranno senza ombra di dubbio maggiori responsabilità di lui.

  • Scusate ma avete mai visto un italiano con pale e forconi ,avete mai visto manifestare anche in modo violento contro abusi e potere e allora zitti e Mosca sperando di far parte dei privilegiati

    • XX

      Ma sei lo stesso Enrico che nell’articolo poco più in là esalta l’evasione fiscale? C’è così tanta gente che si lamenta delle disonestà, dei super stipendi e del magna-magna (che ci sono) e poi fanno fare i lavori in nero nonostante le riduzioni o non dichiarano ciò che veramente possiedono, magari usufruendo di buoni per la mensa o esenzione sui farmaci… Un po’ di coerenza, per favore…

  • best

    E’inconcepibile. Cariche del tutto inutili, direttore generale – direttore sanitario – direttore amministrativo – direttore di sta cippa.
    Vergogna.

  • piero

    Sono indignato. Se penso ai distacchi di luce e acqua alle famiglie bisognose, alla riforma Fornero sui pensionati e all’Imu sulla prima casa e poi si scopre che i dirigenti di asl prendono la bellezza di 15.000 euro al mese…che dire: vergogna! Viviamo in un Paese ingiusto, senza se e senza ma.

  • Giuseppe

    È vergognoso invece sentire gente che in questi ultimi tempi si indigna di fronte a tutto senza ragionare.
    In questo caso cosa vorreste pagarli i dirigenti sanitari?! Per la maggior parte è gente che ha studiato medicina e chirurgia ed è anche specializzata; quindi hanno passato parte della vita a studiare; facendo gavetta. Gente così va pagata “bene”, o vogliamo pagarli come gli operai?
    Inoltre non mi pare che tutte queste figure dell’apparato sanitario siano così inutili o non stiano facendo nulla (figure non di nomina), dato che la sanità in Lombardia rispetto ad altre aree funziona meglio…indignatevi di fronte agli stipendi di altre cariche pubbliche…

    • mario

      Ma in che mondo vive? Senza occupazione o sottopagati esistono vagonate di laureati, con relativo master in medicina, ingegneria, ecc. che sarebbero in grado di ricoprire i ruoli di queste ‘fortunate’ persone ad un decimo del loro stipendio. Far credere che queste fortunate persone siano pagate profumatamente per aver studiato è semplicemente sbagliato. Trovi un’altra giustificazione più realistica, questa è veramente poco credibile.

      • bungatore

        questi signori hanno solo il diritto di essere pagati con stipendi del mercato privato e per quello che valgono : nulla più…!!!

        Se hanno problemi provino a cercare un lavoro in una azienda privata…… senza appoggio politico….!!!

        altrimenti a casa