Commenta

'Altro lato Violino', concerto del gruppo Gnu Quartet

altro-lato-violino

Venerdì 6 settembre penultimo appuntamento de “L’altro lato del Violino”, la fortunata rassegna estiva promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo nel cortile del Museo Civico “Ala Ponzone” di via Ugolani Dati, 4. La serata inizia alle 20,00 con l’Happy Hour e prosegue alle 21 con il concerto del gruppo Gnu Quartet composto da Francesca Rapetti, flauto, Roberto Izzo, violino, Raffaele Rebaudengo, viola e Stefano Cabrera, violoncello. Un organico insolito scelto dai quattro musicisti genovesi per tradurre in pratica quotidiana l’idea di una formazione musicalmente trasversale, un animale da palcoscenico col corpo da quartetto classico, il cervello da gruppo jazz e le zampe da rock band. Gli oltre 80.000 partecipanti ai due concerti evento dei Negramaro a San Siro e all’Olimpico di Roma lo scorso luglio hanno potuto vivere anche  le emozioni che  i GnuQuartet hanno saputo regalare proponendo i brani della celebre  band salentina con momenti musicali più intimi e acustici.

Quartetto poliedrico e trasversale, dotati di una tecnica unica,  i Gnu Quartet sono stati lanciati dalla PFM nel 2006 e da allora hanno collaborato con vari esponenti della scena pop / rock /jazz italiana. Da Gino Paoli a Niccolò Fabi e Simone Cristicchi, dagli Afterhours ai Baustelle per passare alla musica elettronica con i Motel Connection ; nel jazz da Francesco Bearzatti a Gabriele Mirabassi, da Flavio Boltro a Ferruccio Spinetti. Nel 2011 è uscito il loro terzo album – Something Gnu – prodotto da Bonsai Music e distribuito in Italia da Egea Music, a metà strada fra jazz e sperimentazione. Nell’aprile 2013 è uscito in digitale – disponibile fisicamente sul sito ed ai concerti del gruppo – “muse_ic”, un omaggio monografico ai Muse che mescola l’elegante classicismo di flauto ed archi all’algida energia dell’elettronica.

I biglietti, 15,00 euro (7,00 euro ingresso concerto e 8,00 euro happy hour), si possono acquistare in prevendita presso la biglietteria del Museo Civico e online sul sito www.vivaticket.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti