3 Commenti

Accorpamento, Tarallo (Cisl): 'Lesi diritti' Sciopero della fame

tarallo-tribu

I lavoratori del tribunale, attraverso il sindacalista della Cisl Vincenzo Tarallo, lanciano l’allarme, dicendosi pronti allo sciopero della fame. Si parla ancora del problema dell’accorpamento. “Sono stati lesi i diritti dei lavoratori”, ha detto Tarallo, “non si è pensato alla sicurezza”.

Due le lettere che il sindacalista ha inviato l’8 luglio e il 5 settembre scorsi al tribunale e alla procura di Cremona e a cui sostiene di non aver ricevuto risposta.

Nella prima lettera, Tarallo chiede “la pianta della dislocazione degli uffici e l’allestimento degli stessi al fine di rendere operativo il personale proveniente da Crema, ma anche, preliminarmente, il nuovo e dovuto piano di sicurezza, di rischi e le prove di staticità dell’edificio resisi necessari sia dalla vetustà dell’immobile, sia dall’aggravamento di pesi che la struttura subirà per il nuovo personale, il nuovo arredamento, il trasferimento di faldoni ed archivio, nonché l’afflusso di maggiore di utenza (avvocati e pubblico)”.

Nella seconda lettera, Tarallo torna a chiedere informazioni sui “criteri utilizzati per scegliere gli spazi destinati ad accogliere il personale degli uffici interessati alla chiusura”. “Ad oggi”, si legge nella lettera, “di quanto richiesto nulla è stato fornito, sappiamo solo per via informale che si stanno effettuando provvedimenti per applicare l’art. 8 del D.Lvo 155/2012, escludendo completamente chi rappresenta i lavoratori”. “Tale operazione”, ha ricordato Tarallo, “non solo riguarda la scelta degli spazi da utilizzare per allocare il personale, ma riguarda anche la professionalità, gli incarichi e i carichi di lavoro che il personale dovrà svolgere”.

Se entro domani Tarallo non avrà risposte, si rivolgerà al prefetto. “Se i problemi non saranno risolti, si comincerà con lo sciopero della fame”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • DonZauker

    Ma caro Tarallo… con la faccia e il cognome che si ritrova… un po’ di sciopero della fame non potrà che farle bene!!!
    Ma possibile che ci siano queste menate pietose e squallide ogni volta che si chiede all’ipertrofico e vorace settore “pubblico” un minimo di sacrificio vista la situazione attuale?

    Tarallo… tanto un sindacalista come Lei non sa nemmeno come si inizia uno sciopero della fame…

  • Marta

    Il signor Tarallo ha ragione. L’accorpamento dei Tribunali è l’invenzione di qualche burocrate del settore pubblico con la pancia piena, anzi strapiena, e poche idee. Al cittadino comune servono servizi, come è stata la conquista negli anni dei piccoli Tribunali. Per risparmiare veramente sugli sprechi e sui privilegi e tanto altro le soluzioni sono ben altre. Le persone normali lo sanno da sempre come si deve fare a risolvere le situazioni per il bene comune, ma i soliti burocrati e tanti politici magna magna sanno un bel caspita, agiscono solo per mettersi in mostra e creare problemi ai cittadini normali…..

  • seppemarin

    Penza alla salute, nn s’ ammazzano de lavoro a crema