6 Commenti

Mini-stand del Violino a Mondomusica, Pd fa polemica

violino

“Questo è tutto quello che sono riuscito a trovare a Mondomusica sul Museo del Violino. Mi sono vergognato. Così non si può più andare avanti!”. Scrive così Luca Burgazzi, giovane democratico della segreteria provinciale del Pd, su Facebook e in una nota stampa, innescando una piccola polemica. “L’assenza di un stand adeguato del Museo del Violino alla fiera di Mondomusica – spiega Burgazzi – rappresenta un errore strategico e dimostra ancora una volta quanto poco le istituzioni cittadine lavorino assieme. Per rilanciare la città è necessario che tutti lavorino secondo un progetto condiviso e si evitino sovrapposizioni e inutili contrasti interni. Abbiamo difronte sfide importanti, in primis expo2015, ma se ciascuno lavora solo per il suo stretto interesse non si arriverà a nulla. È compito dell’amministrazione governare questi percorsi, evidentemente la giunta Perri non è in grado di farlo e ancora una volta saranno i cittadini cremonesi a pagare per questa incapacità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • roberto

    Beh più che in sindaco dovrebbe dare spiegazioni CremonaFiere…che miserie…

  • germana

    forse qualcuno pensa che il museo del violino possa vivere di vita propria…. come inizio non c’è male 🙁

  • PiovonoPietre

    Bello.
    Essenziale, minimalista, moderno; inusuale, poi, la scelta di riciclare una scatola di scarpe come stand espositivo.
    La cultura del braccino corto.

  • Lora Daria

    Cremona capitale mondiale della liuteria ????????

    Poveri cremonesi !!!!!!! Una Fiera ….MONDOMUSICA ogni anno …..sempre meno frequentata ( se non ci fossero i pianoforti – che nessuno visita ALL’ENTRATA OBBLIGATORIA – quanti sarebbero gli stand ?

    Ma ve ne rendere conto o no ??? )

    e un Museo del violino che in mano a questi grandissimi ” esperti riciclati ” CACCIATORI ????? CAUZZI ????? BODINI ????? UN GRANDE DIRETTORE ! non decollerà mai!!

    CERCARE DI COINVOLGERE UNA VOLTA TANTO IL MONDO VERO DELLA LIUTERIA CITTADINA SERIAMENTE E UNA VOLTA PER TUTTE NON SAREBBE UN’IDEA ?

    MA PER CASO QUESTI SOLONI CREDONO DI AVERE LA VERITA’ RIVELATA O PENSANO SOLO AI FINANZIAMENTI CHE COMUNQUE GLI ARRIVANO E SE NE FREGANO DEL VERO MONDO DELLA LIUTERIA CREMONESE ?

    ALTRA SPIEGAZIONE NON C’E’

    ECCO UN ESEMPIO ECLATANTE CHE FAREBBE RIDERE IL MONDO

    DOVE E’ CREMONA CAPITALE MONDIALE ECC ???

    LA CHICCA ; COMUNICATO UFFICIALE Un LIUTAIO PROFESSIONISTA che si renda disponibile a dare il suo contributo per tutto un giorno per la dimostrazione ai visitatori sulla costruzione del violino e le sua varie fasi di lavorazione…………..RIPETO TUTTO IL GIORNO UDITE UDITE

    HA DIRITTO AD UNO SCONTO RIPETO UNO SCONTO SUL PANINO CHE PUO’ ACQUSTARE AL BAR DEL MUSEO

    ( CHE TUTTI SAPPIAMO TRA L’ALTRO E’ STATO CONCESSO SENZA ALCUNA GARA – ALTRA SPLENDIDA CORRETTEZZA – MA QUESTA E’ UN’ALTRA STORIA TUTTA CREMONESE )

    POVERA CREMONA MA E’ LA STESSA CITTA’ CHE DETTE I NATALI A TURATI BISSOLATI CHISLERI .. MIGLIOLI ?

  • germana

    sicuramente il nostro assessore metterà la questione all’ordine del giorno delle commissione cultura !… anzi, no, convocherà urgentemente la commissione cultura … anzi no, telefonerà a ….. boh, qualche sponsor ? e poi questo non “colpisce” in campagna elettorale… è il solito stile “taglio del nastro” ossia faccio, o meglio faccio fare, lodo, ringrazio … e passo ad altro 🙁

  • Rosso

    E il famoso “saper fare liutario” bene immateriale dell’UNESCO, da chi dovrebbe essere promosso se non dalla nostra Scuola di Liuteria.

    Peccato che anch’essa non abbia lo stand per i costi troppo alti (di affitto dello spazio, l’allestimento e le presenze dei docenti sono sempre state a titolo gratuito), quando meriterebbe tranquillamente di averlo gratuito visto che non promuove prodotti o attività lucrative ma la CULTURA.

    Ah, già, ma come diceva quel tale, con la cultura (almeno qui da noi) non si mangia…