Commenta

Confesercenti dice stop al proliferare di feste popolari

sagra-evid

Confesercenti Regionale Lombardia avanza una progetto di legge per la regolamentazione di feste e sagre popolari. L’associazione, raccogliendo le innumerevoli e pressanti sollecitazioni che pervengono dalle imprese territoriali, ha sottoposto la scorsa settimana all’assessore regionale al Commercio, Alberto Cavalli e a tutti i Capigruppo consiliari in Regione, il documento con cui illustra la necessità ormai improcrastinabile di porre mano ad una regolamentazione delle manifestazioni che, sotto la denominazione di “sagre e feste popolari” hanno assunto il carattere di permanente offerta commerciale, in aperta e sleale concorrenza con le regolari attività di somministrazione alimenti e bevande.

“Di fatto, – afferma in un comunicato l’associazione di via Ruffini – in questi ultimi anni la proliferazione di sagre, feste popolari, circoli privati e comitati vari ha subito un’incontrollata accelerazione: se da un lato questi eventi contribuiscono a rendere più vivaci le serate estive, dall’altro uno svolgimento indiscriminato degli stessi finisce con il danneggiare chi esercita tutto l’anno attività di ristorazione con passione, spirito di sacrificio e professionalità e si configura in molti casi come un inganno per i consumatori (i prodotti proposti non sono tipici e in molti casi nemmeno controllati o affidabili), un grave danno per l’erario (che viene frodato di contributi previdenziali e tasse) e una concorrenza sleale per i ristoratori e i negozianti del luogo, soggetti a controlli e normative che non valgono per chi si avvale della “maschera” della sagra.

“Certo, non tutte le sagre sono così. Molte assolvono in maniera esemplare al compito di promuovere storia e tradizioni, anche enogastronomiche, del territorio, così come ci sono quelle che svolgono un’importante funzione sociale per le esplicite e meritorie finalità benefiche. Anche e proprio al fine di preservare intatte tutte queste positività, è indispensabile introdurre delle regole nel settore che garantiscano un corretto svolgimento di questi appuntamenti. A fronte di una situazione da troppo tempo ormai “fuori controllo”, Confesercenti Lombardia ribadisce quindi l’esigenza di predisporre un nuovo strumento normativo che consenta di distinguere fra iniziative promosse da onlus, pro-loco, parrocchie, partiti politici e quelle organizzate da altri soggetti che, di fatto, rappresentano vere e proprie “aziende ombra” della ristorazione.

Il Pdl proposto da Confesercenti ha l’obiettivo di garantire pari opportunità a tutti gli operatori, nel rispetto del principio della libera concorrenza; tutelare in primo luogo i cittadini-consumatori, assicurando la qualità delle feste all’aperto e prevedendo tra gli obblighi previsti per gli organizzatori anche quello di esporre in modo chiaro e visibile al pubblico i prezzi praticati e le informazioni relative agli ingredienti utilizzati per confezionare gli alimenti somministrati. Mira inoltre a distinguere tra le attività realizzate da proloco, parrocchie, partiti politici, enti pubblici, associazioni no profit etc. e quelle iniziative, ormai il 65% delle sagre e feste popolari, che hanno tutt’altro che natura benefica, turistica, culturale o politica e che rappresentano di fatto vere e proprie aziende “ombra” della ristorazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti