Commenta

Il Comune risparmia sui mutui e trova 840mila euro per scuole e strade

comune

Ascoltata la relazione dell’assessore al Bilancio Roberto Nolli la Giunta comunale, dopo avere espresso parere favorevole, ha assegnato al Consiglio comunale la proposta di delibera di variazioni al Bilancio di Previsione 2013 (2° provvedimento) per complessivi 2.390.000,00 euro.

La variazione al Bilancio di Previsione si è resa necessaria a seguito della modifica del Piano delle Opere Pubbliche 2013 – 2015, presentato dall’assessore Francesco Zanibelli, per effetto di una ridistribuzione dei risparmi su mutui – già precedentemente concessi ed esclusivamente utilizzabili per la realizzazione di investimenti – per un valore complessivo di 890.000,00 euro. Il Piano triennale delle Opere Pubbliche adottato dalla Giunta comunale, e quindi assegnato al Consiglio per l’approvazione, comprende le seguenti modifiche:

 

Elenco descrittivo dei lavori

Modifica effettuata

Interventi di manutenzione straordinaria edifici pubblici diversi Modifica della disponibilità finanziaria per l’anno 2013 da Euro 200.000 a Euro 450.000 (+ Euro 250.000 devoluzione economia mutui)
Interventi di manutenzione scuole medie Modifica della disponibilità finanziaria per l’anno 2013 da Euro 100.000 a Euro 200.000 (+ Euro 100.000 devoluzione economia mutui)
Interventi diversi di manutenzione straordinaria su impianti sportivi Modifica della disponibilità finanziaria per l’anno 2013 da Euro 500.000 a Euro 450.000 (- 50.000 oneri) 

Modifica della forma di finanziamento per l’anno 2013 (da Euro 100.000 oneri a Euro 100.000 devoluzione economia mutui)

Manutenzione straordinaria strade diverse Modifica della disponibilità finanziaria per l’anno 2013 da Euro 500.000 a Euro 840.000 (+ Euro 340.000 devoluzione economia mutui)

Interventi aggiunti:

 

Elenco descrittivo dei lavori Importo Forma di finanziamento
Interventi di manutenzione scuole elementari Euro 100.000 Devoluzione economia mutui

Le variazioni si sono rese necessarie anche perché è in fase di perfezionamento il processo di integrazione degli operatori pubblici del Settore Idrico Cremonese (che si concluderà entro il 31 dicembre 2013): infatti, la Giunta comunale, su proposta dell’assessore Francesco Bordi, ha dato il via libera all’Atto di indirizzo per acquisire le azioni, ora di proprietà di A.E.M. S.p.A., relative a Padania Acque Gestione S.p.A. per un valore non superiore a 1.500.000,00 euro così da consentire all’Autorità d’Ambito di poter procedere all’affidamento diretto in house del servizio idrico integrato stesso. Una partita di giro in cui c’è anche la cessione ad Aem delle azioni del Comune in Centropadane.

ALTRE AREE DEL COMUNE IN VENDITA

La Giunta comunale ha approvato l’ulteriore ricognizione dei beni immobili non strumentali all’esercizio delle funzioni istituzionali dell’Ente, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione per l’anno 2013. L’esigenza di conservare e valorizzare per quanto possibile l’ampio patrimonio comunale e le difficoltà di carattere economico-finanziario, connesse anche al rispetto del Patto di Stabilità, rende necessaria l’adozione di misure per individuare le risorse che possano colmare le carenze riscontrate. In questa ottica è stata effettuata l’integrazione della ricognizione dei cespiti approvata nel giugno scorso, individuando ulteriori beni immobili non strumentali all’esercizio delle funzioni istituzionali dell’Ente, che nello specifico sono area di via Postumia (15056 metri quadrati); area di via Bredina (3250 metri quadrati); area di via Brescia(9890 metri quadrati); ed area di via Persico (450 metri quadrati).
A seguito di tale ricognizione, si è reso necessario integrare il Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni di immobili che fanno parte del patrimonio comunale per l’anno 2013. Tale proposta di delibera, ottenuto il parere favorevole della Giunta, è stata assegnata al Consiglio comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti