Commenta

Medici a giudizio: trovato accordo, 70mila euro alla paziente

sala

Si è chiuso con la remissione di querela il processo per lesioni personali colpose nei confronti di quattordici medici dell’ospedale Oglio-Po di Vicomoscano.

Diversamente da quanto accaduto all’inizio della scorsa udienza, questa volta si è trovato l’accordo e la vittima, una donna di 54 anni di Viadana, risarcita di 70mila euro, ha rimesso la querela che aveva presentato solo nei confronti del chirurgo Mauro Melpignano. A quel punto il giudice Pierpaolo Beluzzi ha dichiarato il non doversi procedere per l’estinzione del reato in seguito l’avvenuta remissione di querela.

Gli altri 13 medici erano stati chiamati in causa in seguito alle indagini della procura. Secondo l’accusa, nel corso dell’intervento effettuato nel 2008, erano stati lesi entrambi gli ureteri, il sinistro a livello sottogiuntale e il destro in prossimità dell’imbocco della vescica in tre punti differenti, provocando alla paziente “lesioni personali gravi dalle quali è derivato un indebolimento permanente dell’apparato urinario”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti