Commenta

Ciclo di incontri sul sogno al Museo Civico

sogni

L’Associazione ex alunni del Liceo-ginnasio “D. Manin” di Cremona e la delegazione cremonese dell’AICC (Associazione Italiana di Cultura Classica), in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune e con il patrocinio della Provincia di Cremona e del MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) Ufficio Territoriale della Lombardia- Cremona, organizzano un nuovo ciclo di incontri culturali che quest’anno hanno per tema “Il sogno. La dimensione onirica nei documenti letterari, musicali e artistici dell’Ottocento e del Novecento”. Con esso proseguono e si concludono i due cicli di conferenze realizzati sullo stesso tema negli anni 2011/12 e 2012/13 (riferiti rispettivamente al mondo antico e al periodo medioevale e rinascimentale). Continua dunque, con questo ciclo, una serie di appuntamenti  organizzati dalle due Associazioni citate divenuti ormai una tradizione, dal momento che si svolgono da oltre trent’anni; in particolare questo è il diciassettesimo che presenta carattere monografico, pur snodandosi con taglio interdisciplinare: tocca infatti arte, musica e letteratura (con risvolti storico-filosofici e psicoanalitici) ed etologia.

L’affascinante tema del sogno, oltre che riguardare il vissuto delle singole persone, è stato certamente motivo di ispirazione per gli artisti di ogni tempo, che l’hanno tradotto in creazioni poetiche  e in bellissime pagine di prosa, gli hanno dato voce attraverso la musica, lo hanno fatto oggetto di riflessione filosofica, ne hanno tratto ispirazione per immagini, quadri, affreschi. Affrontarlo significa dunque studiare in direzione diacronica anche lo sviluppo della nostra civiltà nelle varie prospettive.

I relatori invitati per questo nuovo ciclo sono specialisti o docenti di varie Università: Pavia, Dipartimento di Musicologia e Beni culturali di Cremona dell’Università pavese, Siena, Scuola Normale Superiore di Pisa, Venezia) e del Conservatorio di Mantova. La presenza, accanto a docenti di altri Atenei, di due docenti del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali di Cremona, di una storica dell’arte cremonese e di un musicista docente nel conservatorio mantovano, ma ben noto nel nostro territorio in cui opera come direttore di coro e d’orchestra ed è assai apprezzato per numerose sue composizioni che qui sono state presentate in prima assoluta sottolinea la volontà di creare una rete culturale che si estenda al di là dei nostri confini ma che nello stesso tempo abbia connessioni anche con il tessuto culturale e con le eccellenze della nostra città.

Una novità di rilievo, quest’anno: accanto alle relazioni di taglio storico, letterario, artistico e musicale una singolare conferenza a due voci, con due studiosi originari della provincia di Cremona e noti a livello internazionale nei rispettivi ambiti: Danilo Mainardi, etologo, autore di numerosissimi studi e libri (e mediaticamente entrato in tutte le case con le trasmissioni di Piero Angela), che porterà il “vissuto”, questa volta degli animali, con i loro sogni –perché anche gli animali sognano!- e Remo Ceserani, che si è occupato dello stesso tema in altra chiave, quella umanistico-letteraria. La vita che si intreccia con quanto la creatività dell’uomo ha lasciato attraverso i secoli e continua a lasciarci.

Tutti gli incontri si svolgeranno nella sala “Puerari” del Museo Civico, via Ugolani Dati, 4 (Cremona) con inizio  alle ore 17 (ingresso libero); sono rivolti a tutte le persone interessate e, in particolare, all’aggiornamento dei docenti e agli studenti, che possono trovarvi stimoli per l’approfondimento delle tematiche e degli autori trattati.  A tutti gli insegnanti e gli studenti iscritti (l’iscrizione è gratuita) e presenti alle relazioni sarà rilasciato un attestato di frequenza al termine del corso (coordinato e diretto da Renata Patria, presidente dell’associazione ex alunni del “Manin” e della delegazione cremonese AICC (Associazione Italiana di Cultura Classica)). Ci si può iscrivere mercoledì 6 novembre, giorno della prima relazione, 30 minuti prima dell’inizio della conferenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti