Commenta

Celebrazione defunti al Cimitero: "Sguardo per morti anonimi"

cimitero

Celebrazione in suffragio dei defunti al Cimitero, alla presenza del vescovo Dante Lafranconi che ha rivolto il pensiero ai tanti morti anonimi, deceduti per la propria fede o nella ricerca della libertà. Insieme al Vescovo, alla preghiera delle 15, una ventina di sacerdoti, tra parroci e vicari della città. Presente anche il vicario generale, mons. Mario Marchesi, il delegato episcopale per la Pastorale, don Irvano Maglia, e il rettore del Seminario, don Enrico Trevisi. Non mancava naturalmente il cappellano del cimitero, don Oreste Mori, e don Graziano Ghisolfi, che come consuetudine ha animato la liturgia con il canto, affiancato alla pianola da Alberto Bugari. A rappresentare l’Amministrazione comunale c’era il sindaco Oreste Perrri, accompagnato dall’assessore Claudio De Micheli, con delega ai servizi cimiteriali, e un ufficiale della polizia locale. Un «raduno di famiglia» lo ha definito il vescovo Lafranconi che nella sua riflessione ha ricordato le vittime di Lampedusa o del deserto del Niger, i cadaveri scoperti nelle fosse comuni della Siria. La celebrazione si è conclusa con la benedizione delle tombe da parte del Vescovo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti