Commenta

Adeguamento canile Incontro interlocutorio in Comune

canile

Incontro interlocutorio per il canile, lunedì 11 novembre in Comune. L’unico soggetto ad aver presentato una proposta per la futura gestione della struttura, che necessita di adeguamenti strutturali alle norme regionali, è l’Associazione zoofili cremonesi, l’attuale gestore.  Il bando per altre eventuali manifestazioni di interesse aperto dal Comune lo scorso luglio, infatti, era andato deserto. “Non abbiamo deciso nulla, ci siamo riaggiornati ad una prossima data”, afferma il consigliere delegato per il benessere animale, Roberto Gandolfi. No comment sullo stato della trattativa da parte della presidentessa dell’Associazione zoofili, Virna Denti. Di certo per il Comune non sono tempi facili per mettere mano alla cassa e il progetto per l’adeguamento della struttura, inserito anche nel Piano delle Opere Pubbliche, costa quasi 1 milione di euro. La parte pubblica sta quindi cercando di contrattare al massimo ribasso le condizioni di pagamento al futuro gestore.

Come si legge nella proposta presentata dall’Associazione zoofili lo scorso 30 maggio, e pubblicata sul sito del Comune insieme alla documentazione del bando di interesse, l’associazione “propone di sostenere, a proprie spese, la maggior parte dell’investimento necessario alla realizzazione del progetto”. Segue il dettaglio dei vantaggi economici che il Comune avrebbe integrando la convenzione in essere. “La proposta di durata – aggiunge Gandolfi – è di durata ventennale”. Secondo gli indirizzi espressi dalla giunta comunale a luglio, il progetto per il nuovo canile dovrà   prevedere: adeguamento della struttura alla normativa vigente; riqualificazione ambientale del complesso e funzionale delle strutture esistenti attraverso sostituzione programmata; esecuzione di interventi tenendo conto della fascia di rispetto relativa alle presenza di infrastrutture ferroviarie confinanti; adozione di procedimenti costruttivi mirati a ridurre tempi e costi di esecuzione, nel rispetto delle caratteristiche funzionali ed estetiche; utilizzo fonti rinnovabili per l’approvvigionamento energetico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti